in

RE/MAX Property accetta pagamenti in Bitcoin per le transazioni immobiliari

Dimensioni testo

Attualmente, in un periodo di particolare stabilità, Bitcoin è un asset ormai conosciuto da moltissime persone in tutto il mondo.

Seppur considerato da alcuni solo un mezzo di investimento, spesso indicato come “oro digitale”, Bitcoin è in realtà utilizzato ed accettato in molti esercizi commerciali. Trovare una pizzeria o un bar che accetti Bitcoin è ormai sempre meno sorprendente, e non mancano notizie relative all’uso della criptovaluta per acquistare auto di lusso, gioielli o altri beni costosi.

In Italia l’approccio a questa innovazione è ancora timido, ma alcune attività stanno iniziando ad adottare Bitcoin come sistema di pagamento alternativo affiancato all’Euro. É il caso di RE/MAX Property, con sede in Roma in Via Nemorense n.3, che ha recentemente annunciato di aver iniziato ad accettare la criptovaluta per i propri servizi.

In quanto agenzia immobiliare attiva nella Capitale, RE/MAX Property gestisce le transazioni immobiliari di cespiti Residenziali, Commerciali e del segmento lusso.

La possibilità di pagare in Bitcoin porta con sé svariati vantaggi. Oltre a poter effettuare e confermare il pagamento in tempi molto brevi e senza bisogno di intermediari, gli utenti possono infatti evitare le eventuali tariffe di cambio valuta, spesso oggetto di tassi elevati, ed effettuare il pagamento con costi particolarmente contenuti, pagando la sola fee della rete.

Ogni volta che un nuovo business si affaccia al mondo di Bitcoin, portandolo all’attenzione dei propri clienti e partner, nascono inoltre nuove opportunità per la sua diffusione.

Lavoriamo con impegno da oltre venti anni, sempre attenti a tutte le esigenze dei nostri Clienti e, anche in questo caso, facilitiamo le operazioni immobiliari con il supporto tecnologico e finanziario in linea con i tempi”, ha dichiarato Gianluca De Pascale, CEO della società.

RE/MAX Property, con l’adesione all’utilizzo della criptovaluta, ha destato interesse di molti altri colleghi della rete che sono propensi, anche loro, ad aprire questa possibilità ai loro Clienti. Uno scenario senza dubbio interessante, che potrebbe portare a importanti sviluppi.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments