in ,

Le Big della tecnologia licenziano più di 50mila dipendenti

Le Big della tecnologia licenziano più di 50mila dipendenti
Le Big della tecnologia licenziano più di 50mila dipendenti

Dimensioni testo

Prima sono crollate sul mercato, poi hanno cercato di correrre ai ripari. Una big dietro l’altra, un dipendente dietro l’altro, un comunicato dietro l’altro e sicuramente non è ancora finita ma intanto facciamo il punto della situazione:

  • ALPHABET    12.000 
  • AMAZON        18.000
  • META              11.000
  • MICROSOFT  10.000
  • TWITTER         3.000
  • SNAPSHOT      1.200

La crisi delle Big tech colpisce ancora, con piani e strategie per abbassare i costi mentre le incertezze economiche crescono all’orizzonte. L’ultima azienda in ordine di tempo ad aver annunciato tagli al personale è Alphabet, la casa madre di Google, che licenzierà 12.000 dipendenti in tutto il mondo. Tagli che arrivano pochi giorni dopo quelli resi noti dalla rivale Microsoft (10.000 lavoratori da mandare via) e che si aggiungono ai numerosi piani d’esubero che si rincorrono da quest’estate nel settore. Non è stata da meno Amazon che, anzi ha raggiunto il top dei licenziamenti con ben 18.000 “lasciati a casa”. Il piano di esuberi riguarderà principalmente i punti vendita gestiti dal gruppo e le risorse umane.

Meta, l’ex Facebook è stata quella che ha subito di più il mercato e la trasformazione aziendale. Un piano da 11mila posti che ha rimesso leggermente a posto alcuni numeri del bilancio. E poi  Twitter che con l’arrivo di Elon Musk sta cambiando pelle.

Sta di fatto che dopo le crescite prodigiose degli ultimi dieci anni anche i “ricchi sembrano piangere”,anche se, a piangerre davvero sono i loro ex dipendenti.

 

20 gennaio 2023 RedazioneLe Big Tech licenziano