in

Attacco alla pace ed all’economia. Inflazione, spread sotto l’effetto di guerra ed esercitazioni militari

Attacco alla pace ed all'economia. Inflazione, spread sotto l'effetto di guerra ed esercitazioni militari
Attacco alla pace ed all'economia. Inflazione, spread sotto l'effetto di guerra ed esercitazioni militari

Dimensioni testo

L’inflazione cresce, il prezzo del gas cresce, gli economisti pensano ad un autunno complicato sotto tutti i punti di vista. I salari non sono adeguati all’aumento del costo della vita, le pensioni ancora meno, i risparmi, soprattutto in Italia, poco investiti, rischiano di essere penalizzati ancora di più. Insomma la situazione finanziaria del Paese tende a complicarsi oltre ogni misura, tanto che si sta arrivando ad un assistenzialismo di massa e generalizzato, sempre di più.

Intanto lo Spread ha ripreso a salire ora  è a 223 punti. L’Italia si avvicina ad una tornata elettorale “condizionata” dall’eseterno del Paese come mai successo in passato.

In questo quadro si inserisce la nuova esercitazione militare. E’ come se tutti stessero facendo veder i propri muscoli (missili, carri armati, etc) per dimostrare una potenza, che per fortuna per ora rimane a livello poteniale.

Le truppe cinesi si recheranno in Russia per prendere parte ai giochi di guerra denominato Vostok insieme a India, Bielorussia, Mongolia, Tagikistan e altri paesi in gran parte anti-occidentali L’annuncio ieri è arrivatodal ministero della Difesa cinese, che ha aggiunto che la partecipazione della Cina alle esercitazioni congiunte era “non correlata al situazione internazionale e regionale attuale”.

Il mese scorso, Mosca ha annunciato l’intenzione di tenere le esercitazioni “Vostok”  dal 30 agosto al 5 settembre, anche continuando la guerra in Ucraina. Va evidenziato come il gruppo militare di “forze straniere” rappresentano poco meno della metà della popolazione mondiale.

Il ministero della Difesa cinese ha affermato che la sua partecipazione alle esercitazioni faceva parte di un accordo di cooperazione annuale bilaterale in corso con la Russia, ha riferito la Reuters .

L’obiettivo è approfondire la cooperazione pratica e amichevole con gli eserciti dei paesi partecipanti, migliorare il livello di collaborazione strategica tra le parti partecipanti e rafforzare la capacità di rispondere a varie minacce alla sicurezza“, questo il testo della dichiarazione.

La cosa forse più interessante della notizia è che i giochi di guerra vedranno l’India e la Cina partecipare insieme, sui 13 campi messi a disposizione per l’addestramento. Tra Cinesi e Indiani non corre ancora buon sangue tanto che c’è curiosità nel capire come verranno organizzati i giochi operativi e soprattuto come saranno impegnati i due eserciti.

Situazione differente e quasi idilliaca tra Russia e Cina.

Con Xi Jinping e il suo omologo russo Vladimir Putin, Pechino e Mosca sono diventate sempre più vicine soprattutto dopo l’inizio della guerra in Ucraina, che Xi vede come una grande prova per l’invasione di Taiwan. Lo scorso agosto, Russia e Cina hanno tenuto esercitazioni militari congiunte nella Cina centro-settentrionale che hanno coinvolto più di 10.000 soldati. Il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha elogiato le esercitazioni Sibu/Cooperazione-2021 nella Ningxia cinese e ha suggerito che potrebbero essere ulteriormente sviluppate.

In ottobre, Russia e Cina hanno tenuto esercitazioni navali congiunte nel Mar del Giappone. Alcuni giorni dopo, le navi da guerra russe e cinesi effettuarono i loro primi pattugliamenti congiunti nel Pacifico occidentale. Il mese successivo, l’esercito sudcoreano ha dichiarato di aver fatto decollare aerei da combattimento dopo che due aerei da guerra cinesi e sette russi si erano intrusi nella sua zona di identificazione della difesa aerea durante quello che Pechino chiamava addestramento regolare.

Pochi giorni prima dell’invasione russa dell’Ucraina del 24 febbraio, Pechino e Mosca hanno annunciato una partnership “senza limiti”, anche se i funzionari statunitensi affermano di non aver visto la Cina eludere le sanzioni guidate dagli Stati Uniti contro la Russia o fornirle equipaggiamento militare.

E l’economia? La finanza? A giudicare dalla situazione internzionale, tuttosommato, non sta andando neanche male…anche se l’inflazione continua ad alzare la testa, lo spread a salire ed i mercati a traballare. Ma in passato abbiamo visto di peggio.

Che i mercati sappiano qualcosa che noi non conosciamo?