Giuseppi incapace di gestire l’emergenza. Parola di Giulio e Francesco

Condividi questo articolo


Non è solo il Quirinale preoccupato dell’ultima prova di inadeguatezza del premier Conte nella gestione pasticciata del Covid-19. Anche in Paradiso, infatti, seguono sbigottiti la situazione. Sotto un ulivo, Francesco Cossiga, con pantaloni in tweed e l’immancabile iPad, siede accanto a Giuseppe Zamberletti, il padre della protezione civile italiana.

Cossiga: «Caro Zamba, sto guardando il sito della John Hopkins University, con la mappa della diffusione del virus evidenziata in rosso…» Zamberletti, alla vista di tutti quei pallini colorati, esclama: «Dalla Cina, passando per la Vecchia Persia, è arrivato per primo in Europa». Li accanto, curioso come sempre, Giulio Andreotti, interrotta la chiacchierata con il cardinal Angelini sul cambio di proprietà dell’As Roma, si introduce nella conversazione con una delle sue battute: «Praticamente il viaggio di Marco Polo all’inverso…questi cinesi ce l’hanno rimandato con gli interessi».

Z.: «Presidenti, ma voi, al posto di Conte, che avreste fatto?»

C.: «L’esatto contrario. Tutti questi stop-and-go sono davvero un procurato allarme, come dice il mio amico Sgarbi».

A.: «A gestire Palazzo Chigi come se fosse il Grande Fratello si fa solo confusione…»

C.: «Giulio, ricordo che attaccasti Berlusconi nella prima edizione del GF, quella del povero Pietro Taricone, che ora gira da queste parti; c’era pure Marina La Rosa, soprannominata la gattamorta. Mi piaceva».

A.: «France’, a te più di tutte piaceva la Prestigiacomo…e comunque io avevo scritto che guardare il GF era come assistere a una monta taurina. Mai avrei immaginato che uno di quei torelli, Rocco Casalino, finisse a Palazzo Chigi a procurare tutto quel caos, tra misure prese e annullate e dannose comparsate in TV del suo amato premier con il maglioncino pur di prolungare questa agonia a Chigi…»

Z.: «Non mi avete ancora risposto, voi come avreste agito?».

A.: «Io avrei fatto prima di tutto un giro di telefonate con Kohl, Mitterand e la Thatcher per definire una linea comune sanitaria e di comunicazione, un standard univoco di riscontri e di utilizzo dei tamponi, per gestire insieme il contagio, per non essere noi a buttarci fuori dalla finestra senza rete, da soli. E poi, un tavolo unico d’emergenza a Bruxelles».

C.: «Conte, invece, si è sentito il “meglio fico del bigoncio”, direbbe il mio amico Fanfani strumentalizzando e personalizzando il problema».

A.: «A Roma si dice in un altro modo.., ed è successo proprio quello che mi raccontò la mia povera mamma quando, nel 1920, una terribile epidemia dall’America provocò più morti della prima guerra mondiale. I primi a parlare furono gli spagnoli e da qui la chiamarono, stupidamente, “la Spagnola”, così come ora noi saremo considerati gli untori del mondo per chissà quanti anni, altro che avvocato degli italiani…”.

C.: «E i primi a non farci entrare nel loro paese sono stati gli israeliani, dai quali compriamo due miliardi e mezzo l’anno di prodotti per la cybersecurity. Ricordarlo agli amici del Mossad non sarebbe stato male».

A.: «Qualche tirata di orecchie potevamo farla. Anziché mangiare una pizza con l’ambasciatore francese, forse Di Maio poteva dargli due pizze in faccia, magari bloccando qualche commessa, visto come ci hanno trattato in questa vicenda del “Coronavairus”. Vedi come smettono di fare gli spot…».

Z.: «Il Consiglio dei ministri nella sala della Protezione Civile: un segnale d’allarme devastante».

A.: «Prima regola: non alimentare mai il panico».

C.: «Il mio amico D’Alema, quando fu decisa la guerra nel Kosovo con il rischio di missili sulla costa adriatica, mica andava in televisione o riuniva il Governo allo Stato Maggiore né si vestiva in tuta mimetica».

A.: «Una tensione sconsiderata, con un Premier perennemente indeciso sul da farsi. E mi hanno fatto anche sapere che, in una delle lunghissime riunioni alla Protezione Civile, ad un certo punto a “Giuseppi” è scappato uno starnuto che ha paralizzato per qualche istante i presenti. Poi, tutti a ridere…»

C.: «Sempre ben informato, anche da quassù! L’avevi conosciuto Angelo Borrelli, l’attuale capo della Protezione Civile?»

A.: «Sapere è potere. Questo Borrelli però non lo conoscevo, ho fatto chiedere a Guido, che li ha cresciuti tutti. Mi ha detto che si occupava di amministrazione e di conti».

C.: «Proprio quello che ci vuole per combattere il virus… un contabile…»

A.: «Meno male che non siamo scaramantici… toccando il suo portachiavi di ferro.

Z.: «Bertolaso si sarebbe mosso diversamente. Al posto di quei bollettini diramati da Borrelli che sono serviti solo a creare angosce irrazionali, avrebbe approntato un piano più concreto».

A.: «Si sarebbe mosso da medico e non da commercialista, capendo subito che il problema era legato alla respirazione e alla necessità di potenziare i reparti di rianimazione».

C.: «Bertolaso avrebbe anche ottenuto i pieni poteri per identificare tutti i letti per le terapie intensive, mobilitando le strutture pubbliche, quelle private, requisendo gli ospedali militari, organizzando con l’Esercito ospedali da campo ovunque».

A.: «Così agendo, avrebbe dato un segnale di tranquillità al nostro Paese. Altro che il segretario generale della Presidenza del Consiglio, Roberto Chieppa, che non sa neppure dove trovare mascherine e Amuchina e, forse, esasperato, sta cercando di andarsene il prima possibile» Su un triciclo, piomba nel bel mezzo della discussione, Amintore Fanfani: «I più ganzi sono i cinesi di Prato, praticamente i padroni della città: hanno chiuso in casa tutti i capibastone che andavano e venivano dalla Cina. Non se ne vede più uno per strada. Se c’è qualche malato, pare che lo mandino a morire dalle parti dell’Abetone, con le autorità locali che si girano dall’altra parte. I cinesi non contagiano, il loro diktat è: neppure un tampone».

A.: «Prato come la Città proibita, viva le democrazie!»

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


17 Commenti

Scrivi un commento
  1. I terremotati aquilani una casa dignitosa l’hanno avuta in pochi mesi. La ricostruzione di una città come l’Aquila, piena di edifici storici, é altra cosa che richiede tempi lunghi e risorse ingenti. La sinistra cosa ha fatto per le emergenze del terremoto in Emilia del 2012 e per quelli successivi in Italia centrale ? Terremotati nelle tende anche in inverno e casette prefabbricate di infima qualità in cui pioveva dentro, arrivate col contagocce e assegnate con dei sorteggi tra i poveri terremotati. E la sinistra ha avuto pure il coraggio di fare le sceneggiate con le carriole a l’Aquila ! Roba da romperle sulla testa dei ridicoli nonché vigliacchi promotori ! E poi vi chiedete perché non vi votano più ! Perchè peggio del terremoto c’é solo la sinistra.

  2. Oggi il favoloso Giuseppi dice “Seguiamo le regole e l’Italia si rialzera'”. Capito? Non tentativi di rassicurare la popolazione, cercare di calmare il panico, no, “Le regole” del peggior statalismo comunista.

    Imbarazzanti anche gli articoli di commento sul Corriere, che invece di chiedersi del disastro di comunicazione che ha provocato la fuga se la prendono con chi e’ scappato….

  3. Il governatore Solinas ha cercato in tutti i modi di bloccare areoporti e porti della Sardegna per 20 giorni per contrastare meglio il coronavirus. Ma questa nullità di Conte presidente del consiglio che chiude chiese scuole stadi ma porti e areoporti devono rimanere aperti. Forse per farci arrivare altri contagiati?Questo incapace e inetto presidente ne dovrà rispondere davanti ai sardi, agli italiani e davanti a Iddio della sua incapacità politica. Sta rovinando la Sardegna e l’italia.

  4. OCCASIONE UNICA PER CONTE USCIRNE VINCITORE: CHIAMARE BRUXELLES ( TROIKA) CONSEGNARE I LIBRI (COMMISSARIAMENTO STILE PORTOGALLO GRECIA IRLANDA,CIPRO E SPAGNA PER LE BANCHE ,FINE DEI GIOCHI.

  5. Tutti bravi a dire io, io ma noi stessi non rispettiamo ciò che viene decretato – vedi il caso della stazione di Milano !!

  6. Non sono mai stato un sostenitore di questo Governo e/o un ammiratore del Presidente del Consiglio , ma in questi momenti drammatici per il Paese utilizzo questo spazio per dargli la mia solidarietà in quanto ritengo che nessuno sarebbe in grado di gestire migliaia di KOGLIONI come quelli che hanno preso d’assalto la stazione di Milano ieri sera e/o con l’automobile sono andati ad aprire le seconde case dove , da domani , grazie a LORO , riceveranno i ringraziamenti del VIRUS che troverà facile preda nelle migliaia di ” diversamente giovani ” che vivevano tranquillamente nella loro città. Pensiero della notte : in confronto alla massa di KOGLIONATZI che si è vista in queste ultime ore , il Com.te SCHETTINO è un eroe (scrivere questo mi è costata un’enorme fatica ) !

    • siccome i co(ni)glioni non li fermi, la logica ed il buonsenso, ti dice che prima di emettere un decreto del genere blocchi i treni, chiudi le stazioni e mandi l’esercito a fare posti di blocco.

      Con il decreto di ieri, dove non si capisce cosa puoi fare e soprattutto non fare, non ha fatto che far scatenare nuovamente il panico, e c’è stato l’assalto nuovamente ai supermercati!

      La gente avrà diritto ad aver paura e ad andare in panico quando dalla sera al mattino trovi una regione intera (10 mln di persone) più altre province confinanti, in quarantena?

      O gli errori li può fare solo quello che dovrebbe essere il leader del Paese ed è pagato per questo?

      Vorrei ricordare l’errore principale, quando si diceva che le misure prese per contrastare il virus all’inizio (controllo della temperatura a chi rientrava dalla Cina), non erano sufficienti perchè anche un bambino capiva che ci sono i tempi di incubazione, ti si rispondeva che non potevi mettere in quarantena tutte quelle persone e che eri un razzista (come se il provvedimento dovesse essere fatto solo per i cinesi).

      Risultato? adesso hai più di 10 mln di persone in quarantena e le regioni maggior mente colpite sono quelle che trainano l’Italia.

      15 gg giorni fa (ripeto, 15 gg fa), un ns. cliente della zona di Alzano Lombardo, non era passato a ritirare delle consegne perchè diceva che vista la situazione dalla sue parti probabilmente sarebbe scattata la zona rossa … la zona rossa da loro non è scattata però, 15 gg dopo, ci siamo ritrovati tutti i quarantena e la cosa assurda è che quelli di Alzano possono muoversi e venire nella mia provincia che, fino all’altro ieri aveva meno di 30 positivi.

      E lo state ancora giustificando?

      Se fai una cosa così, devio avere anche le palle di prendere decisioni drastiche e mandare l’esercito a fermare i “KOGLIONATZI”.

      Se non le hai, non fai altro che causare il caos.

    • Pensare ad un mondo senza stupidi, egoisti o solo fifoni é un’utopia. Per restare in tema marinaro: se la nave rischia di affondare le porte stagne le devi chiudere subito. Se lo fai all’italiana come ha fatto Conte: le chiudo ma intanto per qualche ora restano aperte, é evidente che ci sarà sempre qualcuno delle categorie citate che cercherà di approfittarne.

  7. Ma chi è che valuta Conte?

    Di certo non gli Italiani che non lo hanno votato né lo conoscevano fino a quando è apparso pee magia.

    Qualcuno molto in alto potrebbe prima o poi spiegarci chi come è perché….

One Ping

  1. Pingback:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *