in

Green pass, l’allarme di Giorgetti: “Perché può essere pericoloso”

Dimensioni testo

Il Governo della Ripartenza

Il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, intervenendo dal palco del teatro Petruzzelli di Bari per la festa della Ripartenza, ha lanciato un allarme sul green pass in vista della cabina di regia del governo che si terrà nei prossimi giorni: “Penso che il green pass – ha spiegato Giorgetti – sia giusto, oltre che utile, per grandi eventi come gli stadi e per quelli legati allo svago come le discoteche. Trovo invece pericoloso vincolarlo ai diritti di cittadinanza, non va bene che sei cittadino solo se hai il green pass, va trovato il giusto confine.”

Il ministro, intervistato da Nicola Porro e dal direttore di Libero Alessandro Sallusti, si è poi soffermato sul grande tema della riforma fiscale: “Credo non ci sia il tempo per fare qualcosa di profondo sotto l’aspetto fiscale, sostenere il contrario sarebbe una bugia. Riforme di questo genere implicano un profondo ripensamento delle basi su cui si regge l’economia.”

Al centro dell’attenzione anche la transizione ecologica di cui tanto si discute: “Vogliamo scegliere quella strada? Avrà un prezzo”. Ci saranno delle conseguenze. Innanzitutto per l’industria dell’automotive, soprattutto dopo la decisione dell’Ue di cancellare diesel e benzina dal 2035. “Se aumenta il costo dell’energia”, ha detto Giorgetti, il rischio è di ritrovarsi delle bollette più pesanti.

00:00 Introduzione

01:30 Luci e ombre della green economy. Molte imprese condannate a morte per decisioni prese dalla Commissione Ue.

14:15 Lo stop Commissione Ue alle auto a benzina e diesel dal 2035.

19:00 Social media, potere e fake news.

24:50 Come reagire e cosa fare davanti ai licenziamenti delle multinazionali.

31:50 La questione 5G.

35:20 La vicenda Ilva.

40:05 Via della Seta: quali rapporti con la Cina?

41:20 Che persona e capo del governo è Mario Draghi?

42:34 Green pass.

44:40 Nomine statali e Rai.

46:45 Draghi, un premier che decide.

48:20 Confindustria e sindacati nel post pandemia.

50:50 Il reddito di cittadinanza.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
59 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Maria
Maria
23 Luglio 2021 9:44

Ci vogliono tutti schiavi e sottomessi e con la pandemia lobstanno facendo e noi italiani spaventati per il tertorismo psicologico che ci fanno danun anko e mezzo acfettiamo tutto.e una vergogna

Flavia
Flavia
21 Luglio 2021 12:33

Intervista molto bella! Il Ministro Giorgetti che non ti aspetti….

vanna
vanna
19 Luglio 2021 20:27

sempre molto interessante…sono piuttosto incazzata x dirlo in termini da persona educata, Anche in Francia Macron sta facendo retro marcia. ORAMAI IMBAVAGLIATI E VESSATI X UNA MALATTIA CHE PUO’ ESSERE C U R A TA ANCHE ABBASTANZA FACILMENTE E A CASA
Vorrei andare LONTANO…LONTANO…LONTANO

marco
marco
19 Luglio 2021 20:02

Voglio emigrare al Londra, là hanno capito che per uscire da questo letamaio si deve passare per una fase con contagi in crescita e tutto aperto. con i vaccini ma senza green pass. La mia paura è che Johnson non riesca a reggere alla pressione dell’ala chiusurista e faccia, tra qualche tempo, dei passi indietro. Mi auguro che si faccia valere, perchè la direzione da lui presa è l’unica che dà delle speranza concrete.

marco
marco
19 Luglio 2021 20:00

A me il green pass sta bene solo a patto che sia usato in sostituzione di tutte le altre norme vessatorie e non in aggiunta. Esempio: se al cinema o a teatro entro solo con green pass, dentro devono essere eliminati i bavagli, il distanziamento sociodemenziale e qualunque limitazione di capienza. Così è un passo avanti. Altrimenti è solo l’ennesimo provvedimento vessatorio e conferma la mia idea: con questo branco di asini al comando non ne usciremo mai.

Olympe de Gouges
Olympe de Gouges
19 Luglio 2021 13:54

Il PASS-apartheid sarà un disastro, la tomba politica dei venduti alla dittatura sanitaria di big pharma…

Marco Pellegrinato
Marco Pellegrinato
18 Luglio 2021 20:40

Caro Nicola, innanzi tutto complimenti per il tuo evento “La Ripartenza”.. bravo!..ce ne vorrebbero mille!! Dopo aver ascoltato l’ottimo Giorgetti, penso che un titolo azzeccato per il tuo prossimo evento potrà essere: “La Riconversione”. perche dice bene il Ministro… non si tratta di alienare le motivazioni per una adeguamento ecologico, ma bosigna farlo responsabilmente pensando sempre all’uomo e alle sue libertà. E quindi pensiamo ad una “riconversione” dei giovani lavoratori verso il nuovo ecomondo, ma pensiamo anche a tutele per i lavoratori che hanno raggiunto un età non “ricovenrtibile”… Avanti tutta che sei avanti! Ciao

Azzaro Salvatore
Azzaro Salvatore
18 Luglio 2021 18:57

Bravo! Veramente interessante. Messaggio arrivato.