in

Prezzi alle stelle

Guerra, covid, inflazione: il paradiso (fiscale) svizzero vive l’inferno

svizzera inflazione

Dimensioni testo

di Andrea Gebbia, da Ehrendingen (Svizzera)

Anche in Svizzera, generalmente ritenuta come una sorta di paradiso fiscale ed economico, con stipendi stellari rispetto a molti altri Paesi, la situazione attuale non è delle più rosee a causa della lunga pandemia di Covid e dell’attuale guerra in Ucraina.

Come riportato dall’Ufficio Federale di Statistica in un recente comunicato stampa, in maggio l’indice dei prezzi alla produzione e all’importazione è salito ancora dello 0.9% portandosi a 109.4 punti (a dicembre 2020 era 100). In particolare, rispetto al maggio 2021, il livello dei prezzi dell’offerta totale dei prodotti svizzeri e importati è salito del 6.9%.

L’aumento dell’indice dei prezzi alla produzione rispetto al mese precedente è dovuto soprattutto alla crescita delle tariffe di prodotti petroliferi, materie plastiche, metalli e semilavorati, carta e prodotti cartacei, stampa e servizi connessi alla stampa, gas, carne e prodotti a base di carne, prodotti chimici e prodotti in legno.

Sono invece scesi i prezzi dei prodotti farmaceutici e dei rottami di ferro.

Rispetto ad aprile 2022, l’indice dei prezzi all’importazione ha registrato valori sempre più alti soprattutto per petrolio greggio e gas naturale, prodotti petroliferi e chimici. Prezzi all’importazione più elevati hanno riguardato anche materie plastiche, prodotti in legno, carta e prodotti cartacei, ferro grezzo e acciaio, vetro e prodotti in vetro, prodotti farmaceutici di base, acciaio lavorato e altri prodotti minerali non metallici.

In diminuzione invece i prezzi dei metalli non ferrosi e relativi manufatti nonché dei computer.