in

Haiti allo sbando: la capitale è in mano alle gang

Ogni giorno uno sguardo esclusivo sul mondo sudamericano

haiti

Dimensioni testo

Il governo argentino attacca la magistratura, “una mafia”

Il kirchnerismo, al potere 15 degli ultimi 20 anni, sostiene che in Argentina non esiste un potere giudiziario, ma una “mafia giudiziaria”. I frequenti attacchi del vice presidente, Cristina Fernández de Kirchner, contro pubblici ministeri e magistrati sono aumentati di tono dopo che è stata condannata a sei anni di carcere per corruzione martedì e squalificata a vita dal ricoprire cariche pubbliche.

Il capo della missione medica cubana in Venezuela ha disertato e sta cercando di entrare negli USA

Yoel Vázquez, capo della missione medica cubana a Caracas, ha disertato ed è in attesa di attraversare il confine dal Messico verso gli Stati Uniti.

Biden deve sanzionare Cristina Kirchner ma non lo farà

Così il Pulitzer progressista argentino Andrea Oppenheimer sul Miami Herald. “La storica sentenza di un tribunale argentino che condanna la vicepresidente Cristina Kirchner a sei anni di carcere per atti di corruzione di massa rischia di frenare i recenti sforzi della Casa Bianca per migliorare le relazioni con il governo populista argentino. L’amministrazione Biden ha corteggiato l’Argentina negli ultimi mesi, soprattutto dopo che il presidente Alberto Fernández si è recato a Mosca a febbraio e ha offerto il suo paese come “porta” della Russia verso l’America Latina. Il governo argentino ha anche flirtato con la Cina, oltre a sostenere varie dittature latinoamericane.

Allo stesso tempo, chiedeva aiuto a Washington per evitare un nuovo default sul suo enorme debito estero. Ma dopo il verdetto del tribunale di martedì contro la Kirchner, a Washington crescono le richieste a Biden di prendere le distanze dal vicepresidente e forse, per estensione, dal governo argentino. La maggior parte delle persone con cui ho parlato a Washington mi ha detto che è improbabile che Biden applichi sanzioni alla Kirchner, anche se vediamo meno foto sorridenti di funzionari statunitensi con lei. Benjamin Gedan, direttore ad interim del programma per l’America Latina al Wilson Center di Washington, mi ha detto che “fondamentalmente, l’amministrazione Biden non vuole farsi un altro nemico nella regione. Ha già cercato scontri con Nicaragua, Venezuela, Cuba, Guatemala, El Salvador e altri, e non vuole aggiungere un altro avversario alla lista.

Probabilmente è vero. Ma, d’altra parte, l’amministrazione è tenuta per legge a imporre sanzioni personali ai funzionari stranieri corrotti. È giusto imporre sanzioni ad alti funzionari ed ex funzionari di paesi relativamente piccoli come il Paraguay e l’Ecuador, e fare finta di nulla quando si tratta di funzionari condannati in Argentina, Brasile o Messico? Sembra ipocrisia politica. Forse è ora di seppellire quella legge, o di iniziare ad applicarla a coloro che sono stati condannati per corruzione come Cristina Kirchner”.

Amlo vuole dare l’asilo politico a Castillo

Il ministro degli Esteri messicano, Marcelo Ebrard, ha detto che il suo paese ha ricevuto ieri la richiesta di asilo, ratificata dall’avvocato di Castillo, Víctor Pérez Liendo. ”Abbiamo proceduto ad avviare consultazioni con le autorità peruviane “, ha detto Ebrard su Twitter, dove ha condiviso la lettera di richiesta di asilo a favore di Castillo. L’ambasciatore messicano in Perù, Pablo Monroy, ha visitato Castillo ieri notte per incontrare l’ex presidente. “Lo ho trovato fisicamente bene e in compagnia del suo avvocato”, ha detto mentre il presidente del Messico, Andrés Manuel López Obrador, ha dichiarato che il suo governo è disposto a concedere asilo al dittatore mancato. Il documento pubblicato da Ebrard, datato 7 dicembre, propone una richiesta di asilo per Castillo come “protezione della sua vita e integrità “. “Questo a fronte di persecuzioni infondate da parte di organi giudiziari che hanno assunto un carattere politico nelle loro azioni”, afferma l’avvocato Pérez Liendo.

“Intendono processarlo per meri annunci di volontà o intenzione che non costituiscono alcun reato penale (tutt’al più atti preparatori), avendo questi organi creato un clima di estrema indifferenza e persecuzione puramente politica di chiunque la pensi diversamente dal gruppo oligarchico che prevale su tutte le istituzioni del Paese”. Amlo ha anche detto che, prima dell’arresto di Castillo, aveva ordinato “di parlare con l’ambasciatore e di aprire la porta dell’ambasciata secondo la nostra tradizione di asilo. Ma poco dopo hanno preso il controllo dell’ambasciata con la polizia e anche con i cittadini e hanno circondato l’ambasciata”. Vedrete che Dina consentirà al compagno Castillo, al momento in carcere preventivo per 6 giorni, di scapparsene in Messico.

Le gang controllano il 60% della capitale di Haiti

Il 60% di Port-au-Prince è dominata da bande le cui violenze e aggressioni sessuali hanno costretto migliaia di persone a fuggire dalle loro case, ha denunciato ieri il capo umanitario delle Nazioni Unite nella nazione caraibica, Ulrika Richardson, aggiungendo che quasi 20.000 persone nella capitale devono affrontare “condizioni catastrofiche simili a una carestia” mentre un’epidemia di colera si diffonde in tutta Haiti.

Paolo Manzo, 10 dicembre 2022

Tutto sull’America Latina e il suo impatto su economia e politica del vecchio continente. Iscriviti gratis alla newsletter di Paolo Manzo http://paolomanzo.substack.com. Dopo una settimana se vuoi con un abbonamento di 30 euro l’anno avrai diritto oltre che alla newsletter a webinar e dossier di inchiesta esclusivi.