I soldi di Black Lives Matter finiscono ai dem Usa

Condividi questo articolo


Segui il denaro, follow the money, e scoprirai qualcosa anche del movimento Black Lives Matters, che sta incendiando le piazze d’America e non solo. Tutti sanno come nasce il movimento. Un poliziotto ha brutalmente trattenuto a terra un giovane afroamericano con precedenti, beccato a spacciare una banconota falsa. Per diversi minuti, il video è girato per tutto il mondo, con una brutalità assurda e colpevole lo ha costretto a terra senza farlo respirare: il giovane ha perso prima i sensi e poi è morto. Il poliziotto è stato subito arrestato, nonostante fosse stato coinvolto anche nel passato di almeno una decina di casi simili, i suoi colleghi licenziati, il capo della polizia (il primo afroamericano a ricoprire un incarico simile) si è scusato, il sindaco liberal e democratico si è inginocchiato, ma, come spesso avviene in America, l’elettricità del razzismo e della violenza sui più deboli ed emarginati si è presto propagata.

Le piazze si sono incendiate in tutti gli States e si sono innescati due fenomeni paralleli. Il primo sono i veri e propri saccheggi e guerriglie urbane. Il secondo è la critica al presidente Donald Trump che ha subito chiesto, e non ottenuto, l’intervento dell’esercito, per fermare le proteste che sono presto degenerate. Ma, dicevamo, occorre seguire i soldi. Quelli che il movimento si è subito affrettato a chiedere al pubblico degli inginocchiati. Nato, è bene ribadirlo, per una violenza inaccettabile in un Paese civile, soprattutto se perpetrata da un uomo in divisa. Per seguirli occorre andare sul sito Blacklivesmatter.com. Dalla prima pagina, e ovviamente in bella evidenza, c’è un bottone, giallo, con su scritto «Donate». Dopo averlo cliccato si viene indirizzati in una pagina sicura organizzata da una piattaforma di raccolta fondi che si chiama ActBlue. E qui che nell’apposita casellina potete inserire la cifra della donazione. Ma per farne cosa? Non è molto chiaro.

Aiutiamoci con un altro interessante sito Opensecrets.org che tiene traccia di come le diverse organizzazioni spendono i quattrini raccolti dal vasto pubblico, spesso in risposta ad ondate di indignazione di massa. Digitando nell’apposita casella di ricerca Actblue (ripetiamo l’organizzazione scelta dal Blm) vediamo subito dove sono andate a finire le loro donazioni nel 2020. Compare una classifica dei primi dieci. Il primo della lista è il candidato presidenziale, avversario di Trump, che si è beccato circa 190 milioni di dollari. Secondo in classifica sempre Joe Biden, con 119 milioni, ma in questo caso si dovrebbe trattare della sua organizzazione elettorale. Al terzo posto un’altra democratica, la senatrice Elizabeth Warren, senatrice democratica che ora appoggia Biden. Seguono Pete for America, cioè Pete Buttigieg il giovane trentasettenne che infiammò sempre le primarie democratiche, e così via.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


4 Commenti

Scrivi un commento
  1. Porro come è possibile che non dici una parola su quello che è successo a RADIO RADIO????!!!!!!!!!!!!!!!!
    Comincio a pensar male anche su di te! Spero non sia così!

  2. I Democrat americani sono feccia ma non per il colore politico. Quella del BLM non è una novità. Da un pezzo che sono assetati di potere e non fanno più politica seria e trasparente. Certo, anche qualche Repubblicano è o è stato corrotto ma nulla supera i Democrat perché quelli hanno le mani dappertutto. Quella gente mi fa paura.

  3. Il commento …. ” ….un giovane afroamericano con precedenti, beccato a spacciare una banconota falsa.” mi sembra strano, dal fatto che George Floyd era nato Ottobre 14, 1973 e morto il Maggio 25, 2020.
    Il commento …. ” …. il capo della polizia (il primo afroamericano a ricoprire un incarico simile)”, è interessante, ma basta ascoltare il messaggio dello Sheriffo di Lakeland, Florida, [ Polk County Sheriff’s message to looters in Lakeland ] per capire come la determinazione contro i “Looters” funziona.
    [ And if you try to break into their homes tonight and try to steal, to set fires, I’m highly recommending they blow you back out of the house with their guns. Jun 2, 2020 ] che aveva subito chiesto a tutti i suoi cittadini di armarsi, e difendersi dai “Looters”, se entravano nelle loro case, con il permesso di sparare, e poi avvisò publicamente (via TV) tutti i saccheggiatori di stare lontano dalla zona, perché avrebbero fatto una fine certa, dopo avere già prima messo in prigione i primi che avevano tantato di entrare nella zona
    Questi “Looters” sono in genere dei codardi, e approfittano andare dove sanno che le persone hanno paura di loro.
    Di carattere, io sono per la pace e rispetto altrui, ma per difendere la mia famiglia sono disposto anche ad uccidere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *