Commenti all'articolo Il documento che spiegava l’alternativa al lockdown

Torna all'articolo
Avatar
guest
53 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Luca Zanella
Luca Zanella
30 Marzo 2021 11:10

Condivido il pezzo e la ringrazio. Con una eccezione: non voglio più sentire parlare di aperture, per il semplice fatto che nessuno mai avrebbe dovuto parlare di chiusure. Non va mai accettato, in nessun caso, a nessun costo, l’idea che il Potere abbia diritto di applicare la Decimazione Sociale: tu puoi vivere e tu puoi morire. La Costituzione della Repubblica Italiana, i Diritti dell’Uomo calpestati come carta straccia. Leggo commenti che mi fanno raggelare perché certificano come buona parte della cittadinanza abbia pienamente accettato il postulato, falso come Giuda, del dobbiamo rinchiudervi per il vostro bene. La libertà vale più della vita e non viene concessa dall’alto, si conquista, si ottiene, si difende.

A.L.
A.L.
22 Marzo 2021 4:28

Ottimo articolo e ottima riflessione, naturalmente. Grazie Daniele Capezzone.

gaas0569
gaas0569
21 Marzo 2021 15:32

Fenomeno di Capezzone, mi spieghi come si può organizzare una differenziazione di questo tipo in Italia dove i giovanii vivono ancora coi genitori fino a quarant’anni? I genitori a casa in lockdown e i figli a fare movida e portare a casa il virus?
Io è dall’inizio della pandemia che dico che basterebbe che tutti rispettassimo due semplici regole: mascherine nei luoghi pubblici e distanziamento. Non a caso i paesi che hanno avuto meno casi sono quelli con la minore densità di popolazione.
Non c’è bisogno di essere degli scienziati per capire che per arginare una malattia trasmissibile per via aerea occorre il distanziamento. Ce lo hanno insegnato i nostri nonni e noi ai nostri figli. Vale per il raffreddore, per l’influenza e per il covid.
Eppure proprio su questo sito vengono ridicolizzati chi, per rispetto del prossimo, rispetta le regole.
Viene invitata la gente a ribellarsi. Ho letto post aberranti di gente che gira armata perché nessuno deve dirgli cosa devono fare.
Sono questi i responsabili delle chiusure. Siete voi i responsabili della chiusura delle attività.
Per non dire che invitare l’opinione pubblica a disattendere le leggi, è un REATO.
Nelle società democratiche la libertà è garantita solo dal rispetto delle leggi, non dal fare quello che si vuole.
La libertà di ognuno finisce dove inizia quella degli altri.

Elia
Elia
17 Marzo 2021 13:40

È esattamente questo il punto..quello descritto da capezzone in questo articolo.. Il problema è il futuro.. Se non ci scrolliamo via questa assurda idea del rischio zero e del “covid free” non torneremo mai a vivere.. E toccherà a noi liberali combattere.. Sarà dura.. Molto dura..