Commenti all'articolo Il doppio standard dei democratici Usa sulla Cina

Torna all'articolo
Avatar
guest
7 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
alessandro
alessandro
21 Febbraio 2021 11:11

Tutti sanno che il Forum di Davos è un raduno dell’élite finanziaria e industriale globale, persone che hanno un’influenza significativa, e talvolta decisiva, sulle politiche dei loro stati (e talvolta vicini). I politici, anche i più importanti, servono solo come condimento lì. La loro presenza testimonia l’importanza della parte apolitica degli ospiti. Chi parla dal palco significa molto meno lì rispetto a chi tace e ascolta in disparte. Inoltre, dal punto di vista informativo, qualsiasi discorso verrà bloccato da una decina di altri, bloccato in una tavola rotonda. I giornalisti presenti al forum sono più interessati a mostrare la propria importanza intervistando almeno un oligarca minore (ucraino, ad esempio, di anno in anno discute il colore degli gnocchi e la dimensione delle porzioni aPinchuk ‘s ‘ucraina Breakfast’ , senza essere distratti da qualsiasi altra cosa). In generale, è quasi impossibile dare a un discorso su questa piattaforma un suono politico e informativo appropriato. Ecco perché Putin non è andato a Davos per 12 anni – non ce n’era bisogno. Fu allora che arrivò la pandemia di coronavirus , che costrinse il forum a tenersi a distanza. Di conseguenza, un numero enorme di pavoni narcisistici, che in precedenza indossavano con orgoglio la loro coda lucida ai margini del forum, è rimasto a casa. Su Skype, non puoi scattare una foto sullo… Leggi il resto »

alessandro
alessandro
20 Febbraio 2021 10:55

Fino dal primo giorno del suo insediamento, l’ologramma Biden ha manifestato la sua posizione (di quelli che lo marionettano come 1 clown): la Russia deve rispondere delle sue azioni o gli Stati Uniti rischiano di perdere il controllo sull’Europa, in particolare se arriverà a completamento il progetto congiunto russo-tedesco “Nord Stream 2”. L’unico modo di spezzare ogni collaborazione fra Europa e Russia è quello di provocare una guerra in Ucraina con un intervento russo a favore delle repubbliche del Donbass, dove sono presenti circa 400.00 cittadini russi che Mosca non abbandonerà ad un destino di pulizia etnica e repressione, come nelle intenzioni di Kiev. Gli interessi di Kiev e di Washington, in questo caso, sono coincidenti: provocare la Russia e rompere il ponte di collaborazione fra Mosca e Berlino, cosa non riuscita con l’operazione Navalny, troppo scoperta per essere credibile. Dagli ultimi discorsi farneticanti di codesto ologramma, tenuti nella riunione del G-7, si capisce che il tono arrogante ed aggressivo di Washington contro la Russia è notevolmente salito.L’Ucraina è un satellite degli USA ed un debitore netto di finanziamenti e di supporto militare da quando è stato attuato il golpe del 2014 e si presta a questo gioco pensando di guadagnarci, senza intuire che otterrebbe la sua definitiva distruzione in poco tempo. Si può scommettere se gli alleati europei e… Leggi il resto »

alessandro
alessandro
20 Febbraio 2021 9:15

Mentre gli architetti del Grande Resetsono completamente dediti ai sistemi operativi chiusi che richiedono l’imposizione di modelli informatici al mondo guidando una politica da crescita zero verso l’equilibrio totale e l ‘”entropia”, l’alleanza multipolare guidata da Xi e Putin è impegnata nel pensiero del “sistema aperto”. Laddove il sistema chiuso/modello unipolare richiede la sottomissione dei governi a un sistema totalitario di controlli di “esperti” qualificati in modo univoco per controllare i tassi di rendimento decrescenti delle risorse fisse, il modello del sistema aperto/multipolare richiede il rispetto per le nazioni sovrane e focus sulla creazione di nuove risorse col progresso scientifico e tecnologico. Laddove uno si basa sul gioco a somma zero del comportamento vincente-perdente (ovvero: la sopravvivenza del più adatto), l’altro si basa su un gioco a somma non zero di cooperazione vincente-vincente. Quando si confrontano con la scarsità di risorse e la crescita della popolazione, i pensatori del sistema chiuso adottano una visione malthusiana secondo cui la crescita della popolazione va abbattuta per aderire a modelli matematici di “capacità di carico” in alcune affermazioni immaginarie delle “equilibrio naturale” che detti modelli pretendono esista. Questo è il tipo di pensiero dietro il fondatore della World Wildlife Foundation, principe Filippo di Mountbatten, che dichiarò in un’intervista del 1988 con la Deutsche Press Agentur: “Più persone ci sono, più risorse consumeranno, più… Leggi il resto »

Maliao
Maliao
20 Febbraio 2021 8:48

@alessandro : certo, l’America è divisa tra cosiddetti(??) liberals e SUPREMATISTI BIANCHI, come no.

74 Milioni che hanno votato per Trump (con la più alta percentuale di neri ed ispanici della serie storica per un Republican) sono tutti Suprematisti Bianchi.

Mi sa che la fonte della lunga dissertazione gira intorno al Washington “Bezos” Post e NYT…

Evidenzio solo questo passaggio, scritto in forma possibilista e dubitativa:

.. “è nel migliore interesse del Partito comunista cinese non tentare di espandere i confini della Cina o esportare il suo modello politico al di là delle coste cinesi”.

Davvero?
Esportare il suo modello politico?

E TUTTE LE AZIONI DI TANTI GOVERNI MONDIALI relative alla pandemia COS’ALTRO sono?
??

Il povero, vecchio, Biden, utilizzato per far abboccare la classe media a votare Dem, ed ora per firmare in fretta un sacco di discutibilissimi “DPCM”, ma presto sostituito per problemi di salute dalla super-radical Kamala (amata dai media “allineati” : fate pure ricerche di COME la trattavano quando ha lanciato la candidatura, salvo poi prendere 2% alle primarie…) abbaia un po’, ma in pratica non farà nulla ma ANZI favorirà i commerci della Cina e di Mr Amazon (Washington Post…) che é il più grande venditore di prodotti cinesi in Occidente.

Dagli US non verrà nulla di buono con questa amministrazione, anzi.