Il governo pubblica gli atti del Cts. Ma è l’ennesima farsa

Condividi questo articolo


Il governo ha deciso di pubblicare i documenti del Comitato tecnico-scientifico, contro la cui diffusione s’era apposta l’Avvocatura dello Stato, adducendo addirittura motivazioni di ordine pubblico. A ragion veduta: dal verbale del 7 marzo, s’è scoperto che gli scienziati volevano chiusure differenziate e che avrebbero lasciato in attività negozianti, bar e ristoranti anche nelle zone rosse. Il governo, invece, ha optato per il lockdown totale e generalizzato. Una scelta che ha ammazzato l’economia e che, peraltro, non ha impedito che il virus si diffondesse al Sud (verso il quale masse di fuori sede erano scappate proprio sulla scia delle indiscrezioni sulla serata della Lombardia).

Peraltro, molti documenti rimangono segreti e non ce n’è nemmeno uno che si occupi del tema della zona rossa nella Regione che, in seguito, si sarebbe rivelata la più drammaticamente colpita dall’epidemia. Insomma, l’esecutivo di Giuseppe Conte vuole apparire benevolo e trasparente, ma la sua è soltanto l’ennesima farsa.

Alessandro Rico, 6 agosto 2020

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


13 Commenti

Scrivi un commento
  1. Ma è mai possibile che nessuno, e dico nessuno sbatta fuori dal parlamento italiano queste bestie che hanno rovinato in tutto la nostra vita e quella di milioni di commercianti,piccole, medie e grandi industrie. Sbattendo fuori dai posti di lavoro, milioni di italiani, riducendoli alla fame e alla miseria. L’opposizione cosa fa? Non parliamo poi della mummia che pare non essere italiano ma uno straniero venuto in Italia per rovinare le nostre esistenze.

  2. Se fosse vero che il governo ha esteso il lockdown a livello nazionale superando le indicazioni dei tecnici (che avrebbero voluto restrizioni parziali), il merito di Conte nella gestione della pandemia sarebbe ancora maggiore.
    Tutta l’opposizione ha sempre dichiarato che era compito del governo e non delle regioni creare le zone rosse, imputando al governo centrale ritardi e lentezza nell’azione. Ieri la Meloni ha ricordato per l’ennesima volta che era stata tra i primi già da febbraio a raccomandare di “chiudere”
    Il governo ha agito senza la dittatura dei medici.

    • Come no.
      Chiudere ristoranti, negozi, fabbriche, mandare gli elicotteri sul bagnante in spiaggia… tutti episodi che hanno fatto il giro del mondo a significare il completo impazzimento governativo, sono proprio un grande merito.
      E tutto questo in regioni dove i casi erano meno di uno su mille sulla popolazione, e dove, una volta impedito il ritorno dei concittadini dalle zone più colpite (l’unica cosa da fare, e fatta con colpevole ritardo), non c’erano pericoli, causando un inutile disastro economico.
      C’è modo e modo di chiudere, il nostro governo ha chiuso sempre in ritardo e sempre peggio.

    • @ sal
      Se fosse vero…
      Qui non è ancora vero niente perché Conte è il governo non hanno consegnato tutti i verbali integrali partendo dalla prima riunione del governo con il Comitato Tecnico Scientifico.
      Ma è solo una parte delle informazioni di cui disporre.
      Sarà molto significativo acquisire tutti i rapporti intercorsi tra la Cina e l’Italia da settembre 2019. Lì c’è l’informazione decisiva su quando la Cina cominciò ad informare sulla pandemia e cosa disse al governo Conte. Ci sono le condizioni per ritenere che il governo fosse informato almeno tre mesi prima di quanto si pensi su quanto era successo in Cina e che ha nascosto tutto.
      Se il Comitato ha consigliato zone rosse specifiche senza la chiusura totale del Paese Conte dovrà difendersi dall’aver causato un disastro economico generale senza precedenti e quindi senza motivazioni tecnico-scientifiche adeguate.
      È che la smetta di nascondere la verità e le carte.
      Denunciarlo e cacciarlo prima possibile è quello che bisogna fare. Con quale coraggio e faccia tosta nasconde la verità?

      • @Guido Moriotto
        La verità è che non vi sta bene nulla e la vostra critica è soltanto strumentale.
        Siete capaci di accusare il governo di non aver chiuso e nello stesso tempo di aver chiuso le attività con un’ ipocrisia sconcertante!

        • Io non sono in condizioni di poter chiudere o di non poter chiudere.
          Non ho vinto “il governo” del Paese alla lotteria Italia, come l’Azzeccagarbugli di turno nominato da qualcuno ed eletto da nessuno.
          Pretendo di sapere:
          1. Chi e in base a quale atto legalmente fondato e legittimato dalle norme ha deciso di chiudermi in casa, assieme a 60 milioni di italiani, per due mesi.
          2. Pretendo di sapere i contenuti e gli atti che hanno portato a questa decisione e le motivazioni, chi ha deciso e se poteva farlo.
          3. Pretendo di sapere quando il governo è venuto a sapere dalla Cina del virus uscito dai laboratori statali cinesi di Wuhan e cosa ha fatto nei mesi di ottobre, novembre, dicembre 2019 e febbraio 2020. La partita dell’Atalanta a Milano è del 17 febbraio, per dare un riferimento.
          4. Pretendo che il Parlamento è la Corte Costituzionale esaminino gli atti del governo e ne riscontrino la legalità.
          5. Il governo Conte II ha mandato a processo il ministro degli interni del governo Conte I perché avrebbe sequestrato, pensate, a bordo di una nave spagnola, ancorata di sua iniziativa alla banchina del porto italiano e libera di ripartire quando avesse voluto. E tu allora dormivi. E ora tu, Azzeccagarbugli pervenuto da chissà dove, sequestri 60 milioni di italiani e non rispondi? Ci riduci in miseria per cui dobbiamo indebitarsi per trent’anni se va bene e mi vieni a spiegare che l’hai fatto per una tua opinione e in base ad un atto “legittimante” che non esiste nell’ordinamento giuridico italiano?
          6. Ci hai salvato da che? Ma se abbiamo avuto 36.000 morti su 60 milioni di abitanti e in gran parte concentrati nel nord, percentuale altissima confrontata con tutti gli altri paesi, siamo in crisi e in bancarotta, pieni di debiti, e ci hai salvato? Nella narrazione del regime orchestrata dalla virologia del regime? Virologi un tanto a comparsata in televisione, pronti per candidarsi e scrivere libri?

          • questo succede quando non c’e’ democrazia e la magistratura e’ prettamente di sinistra,
            lo si evince chiaramente da almeno mani pulite in poi.

        • Non si sta dicendo nulla di nuovo.
          È solo una conferma che la chiusura generalizzata e non mirata, come richiesto, sia stato un disastro causato dal governo.

          • Ovviamente Guido ha precisato puntualmente quanto si chiede al Governo Conte. Lo ringrazio

  3. Aspettiamo che gli avvocati chiedano la desecretazione degli altri documenti e poi vedremo se Conte vorrà ancora apparire benevolo con tutta l’armata Brancaleone.

  4. Senza tanti discorsi inutili ormai si può dire che: questo è un governo di golpisti, e di conseguenza vanno arrestati tutti, compresi i sostenitori. Peccato però che tutto finirà a tarallucci, vino, spumante e caviale fra massonetti di ogni ordine e grado.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *