Articoli

Il miglior alleato del Coronavirus: il politicamente corretto

Articoli

L’epidemia da Coronavirus è un fenomeno globale: insidioso e pericoloso come altri mai. Che non esista un vaccino per combatterlo, è però vero solo in parte. Il vaccino esiste ma nel Paese ove questa brutta storia è cominciata, la Cina, non ha avuto mai corso, e in quello che in Europa ne è stato quasi più di ogni altro colpito, l’Italia, è stato messo da tempo in disuso da un’ideologia diffusa e anch’essa pervasiva. Eppure, Dio sa quanto ampie dosi di esso sarebbero state utili, soprattutto all’inizio, per impedire la diffusione del famigerato bacillo! Questo vaccino si chiama libertà, e il Paese orientale non l’ha mai conosciuta nella sua lunga storia, né tanto meno la conosce oggi sotto le ferree leggi dell’autoritarismo comunista. Il quale, fra l’altro, era tutto teso ad affermarsi ai nostri occhi, fino ad un momento prima della crisi, come un campione di efficienza economica, correttezza commerciale e impegno ambientalista.

Agli occhi di noi occidentali, voglio dire, che, come la monaca di Monza, scellerati abbiamo risposto sì alle sue richieste di partnership senza troppi distinguo o condizioni di sorta. Che mancasse poi l’elemento portante di ogni edificio, la libertà, era diventato per noi quasi irrilevante. Il risultato è qui ora davanti a noi, in tutta la sua drammaticità. Se i membri locali del governo, e cioè del Partito, avessero osato dire con franchezza la verità, senza occultare i primi casi o manipolando i dati, avrebbero rischiato sicuramente l’accusa di “alto tradimento” o “disfattismo”, come è stato nel caso del giovane medico dell’ospedale di Wuhan “riabilitato”, nella migliore tradizione staliniana, solo post mortem?

Quanto all’Italia, qui il nemico della libertà che ha favorito la diffusione del virus ha un volto meno arcigno, ma proprio per questo è più subdolo e invasivo. Si chiama “politicamente corretto” e ha impedito che, mentre ci si beava per aver “isolato” il virus che in verità già lo era stato prima di noi altrove, non ci si informasse sull’effettiva potenza del virus e non si prendessero le opportune precauzioni prese altrove, a cominciare dall’imposizione della quarantena a chi era stato da poco in Cina.

PaginaPrecedente
PaginaSuccessiva
Iscrivi al canale whatsapp di nicolaporro.it

12 e 13 Luglio 2024 a Bari

la grande bugia verde

SEDUTE SATIRICHE

www.nicolaporro.it vorrebbe inviarti notifiche push per tenerti aggiornato sugli ultimi articoli