in

Il nuovo delirio ecologista: sterilizzarsi per fermare il cambiamento climatico

La chiamano “vasectomia climatica”: è l’ultima follia prodotta dall’ideologia green e progressista

vasectomia climatica

Dimensioni testo

: - :

Si chiama “vasectomia climatica” ed è esattamente la follia che il nome roboante e dal sapore politically correct lascia immaginare: sterilizzarsi volontariamente per limitare il proprio impatto ambientale.

Ne ha parlato qualche giorno fa Vanity Fair, citando uno studio secondo cui “l’azione più efficace che un individuo possa intraprendere per aiutare il pianeta sarebbe avere un figlio in meno”. Potremmo anche concluderne che, se il cambiamento climatico è accelerato da fattori antropici, la soluzione ideale sarebbe direttamente quella di far sparire il genere umano. Nel mondo, comunque, si stima che siano fino a 60 milioni i maschietti, alcuni dei quali contagiati dal delirio verde, che si sono privati deliberatamente della possibilità di generare una vita. Vanity Fair cita l’intervista al Guardian di un medico australiano, Nick Demediuk, il quale racconta di aver trattato almeno 200 pazienti giovani e senza figli, tra cui circa 130 gli avrebbero confessato di volersi sottoporre all’intervento (con il quale si recidono i dotti che trasportano lo sperma dai testicoli) per ragioni ambientali. Uno degli squinternati sentito dal quotidiano inglese, un trentaseienne americano, riferisce di essersi convinto dopo l’elezione di Donald Trump (ma vi rendete conto?): “Stiamo portando gli ecosistemi fuori equilibrio”, si è messo a predicare, “causando l’estinzione di massa di innumerevoli specie”. Ecco: se tutti (s)ragionassero come lui, la prossima a estinguersi sarebbe la nostra.

Non c’è da meravigliarsi se in questo pazzo mondo siamo arrivati a una simile deriva di fanatismo. Nell’era in cui, come ha lamentato papa Francesco, gli animali domestici hanno sostituito i figli, non è così strano se pure noi finiamo con il sottoporci alle sterilizzazioni chirurgiche, alla stregua dei nostri animali domestici.