in

Il poemetto dei Casalini

Dimensioni testo

L’Olgettin di Casalino

Gioca a trading già al mattino

Quand’è sera è rovinato

Se n’accorge il fidanzato

Che gli toglie la paghetta

Poi s’inventa in tutta fretta

Una storia che stia in piedi:

Poverino, l’è malato!

Emaciato, non lo vedi?

Ludopatico sfondato

Quasi quasi abbiamo rotto

Mo’ lo curo, è un po’ corrotto

Da spericolato gioco

C’è rimasto un conto fioco

Sulla carta arcobaleno

Prosciugata in un baleno

Dovevamo andare a Bali

Far vacanza senza mali

Dopo aprire un ristorante

Dove il sushi era importante

S’è magnato quasi tutto

Cosa faccio, tengo o butto?

Max Del Papa, 2 agosto 2020