Commenti all'articolo Il razzismo dei tifosi dell’accoglienza

Torna all'articolo
Avatar
guest
17 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Gold Escort Hatun
Gold Escort Hatun
20 Giugno 2022 19:14

There is definately a lot to find out about this subject. I like all the points you made

ferdinandeo gallozzi
ferdinandeo gallozzi
27 Febbraio 2019 9:35

A DAVIDE.
Tocqueville vedeva, se interpreto bene il suo pensiero, come un fattore positivo la presenza dei mulatti e non prevedeva la scomparsa, nel breve periodo, delle “razze” che danno origine ai mulatti. Vedeva la presenza dei “mulatti” come un ponte per far fraternizzare le razze. Quando vi fu la rivolta degli schiavi ad Haiti i mulatti, che avevano sempre odiato i neri, si allearono con essi e fecero scempio dei coloni bianchi e fecero buon uso delle donne bianche.
Questo contraddice la previsione “buonista” di Tocqueville.

ferdianando gallozzi
ferdianando gallozzi
26 Febbraio 2019 19:02

a DAVIDE
Mi sembra chiaro il pensiero di Alexis de Tocqueville, lui, dopo riflessioni accurate sui vari popoli europei e il loro incrociarsi con i neri, prediceva che se non ci fossero più stati tali incroci, che porteranno inevitabilmente alla fine dei due gruppi umani e alla nascita del prodotto di tali incroci che lui chiama “mulatti”, ci sarà , inevitabilmente, la guerra tra il gruppo umano bianco e il gruppo umano de neri. Da notare che, all’epoca, Tocqueville osservava che i meno predisposti, tra i bianchi, a incrociarsi con i neri fossero gli inglesi.

ferdianando gallozzi
ferdianando gallozzi
25 Febbraio 2019 7:39

“IL PUNTO DI UNIONE TRA BIANCHI E NERI E’ IL MULATTO” Alexis de Tocqueville (1803 – 18599. i buonisti vogliono evitare le guerre e per farlo si arrendono al nemico.. In Occidente è invalsa la sensibilità di tipo femminile per cui si ragiona con il cuore e si gode nell’essere posseduti. La scelta da fare è qeulla che ci prospettava Tcqueville già ai suoi tempi.