Il sindacato di polizia: “La gente è disperata, proteste comprensibili”

Se persino la polizia, che ieri era in piazza Montecitorio, costretta a randellare i pochi facinorosi che hanno tentato di forzare le transenne, giustifica gli esercenti in protesta, significa che qualcosa di davvero grave sta accadendo in questo Paese.

Significa che il moto di rabbia di ieri non nasce da desideri sediziosi, ma da un’autentica disperazione. La nota del sindacato, Fsp polizia, è dunque lucidissima nella sua analisi. Il segretario generale, Valter Mazzetti, osserva che “di fronte al protrarsi di uno stato di cose che schiaccia la cittadinanza sotto al peso di sacrifici insostenibili, è inevitabile che riprenda la sequela di proteste e manifestazioni di ogni genere da parte di tutte le più disparate categorie sociali ormai allo stremo”.

Insomma: se alla gente è fatto divieto persino di lavorare, quindi di procacciarsi i mezzi per sostenere sé e la propria famiglia, è normale che qualcuno si convinca che non ha più nulla da perdere, e agisca di conseguenza. Prosegue Mazzetti: “È indispensabile censurare senza se e senza ma ogni tipo di violenza che, lungi dall’affermare le legittime istanze di chi scende in piazza, fa passare in secondo piano, oltre che dalla parte del torto, chiunque abbia qualcosa da dire. Ma con altrettanta onestà intellettuale non possiamo che rilevare come questa esasperazione generalizzata sia comprensibile e ormai incontenibile, e ciò significa che bisogna dare ai cittadini risposte diverse. Al momento, come sempre, solo le forze dell’ordine si ritrovano a raccogliere e fronteggiare gli sfoghi di un livello di disperazione che non può e non deve essere sottovalutato. Pensare di gestire questa situazione ormai non più emergenziale, dato che va avanti da oltre un anno, da una prospettiva scollata dalla realtà di chi invece non riesce più a tenere in piedi la propria esistenza costruita magari dopo una vita di lavoro, significa sottovalutare pericoli seri e reali per la sicurezza interna del Paese”.

Sono accuse durissime: c’è una classe politica “scollata dalla realtà”, che crede di poter affrontare la situazione trincerandosi ancora dietro l’emergenza, gli algoritmi e la valutazione burocratica dei numeri. Questo approccio da grigi funzionari ministeriali non basta più. È un messaggio chiaro soprattutto ai signori della sinistra, che pensano di poter ridurre la disperazione di intere categorie alle “infiltrazioni di Casapound”, o al folklore del tizio vestito da Sciamano di Capitol Hill. Dovete rendervi conto, cari signori, che non siamo di fronte a pericolosi estremisti, ma a persone che stanno perdendo tutto, che stanno bruciando i sacrifici di una vita e che hanno difficoltà a mettere insieme pranzo e cena. Pensiamo di rabbonire questi nuovi poveri con le elemosine di ristori e sostegni? O di negare loro rappresentanza politica, con la scusa del fascismo?

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
40 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Girolamo Tarantino
Girolamo Tarantino
11 Aprile 2021 3:20

Bravissimi! In questo modo, ci troverete sempre dalla parte vostra!!!

silvia
silvia
8 Aprile 2021 16:22

Grazie per la solidarieta’ che avete verso noi cittadini che penso pienamente motivata perche’ siamo tutti esasperati da queste continue chiusure e non si regge piu’ questa gravissima crisi economica e di seri problemi per la salute che non trova alcuna risposta dai governanti e si aggrava sempre piu’
Se manca il lavoro manca pure la dignita’ ed i soldi per curarsi ed il popolo e’ ormai sfinito, quindi giustamente protesta e cerca di farsi sentire ed esaudire.
Credo che se continua cosi’ veramente si rischia la guerra civile.
La mia solidarieta’ va anche a voi poliziotti che in questa ‘pandemia’ vivete con il lavoro che svolgete una situazione alquanto difficile e stressante, perche’ dovete mantenere l’ordine e la pace ed incassare la rabbia e talvolta la violenza della gente mantenendo sempre l’autocontrollo e penso non sia affatto facile.

Patti
Patti
8 Aprile 2021 15:54

https://www.alessandriaoggi.info/sito/2020/05/09/poliziotti-in-rivolta-basta-siamo-stufi-di-perseguitare-i-cittadini-italiani/

Anche a maggio dello scorso anno, le FF.OO hanno dichiarato di essere STUFI di queste angherie contro i cittadini.
Ed è un OTTIMO messaggio.

Non tutti gli appartenenti alle FF OO sono arroganti e spocchiosi, perché capiscono i malumori delle persone e la maggior parte di loro provengono da famiglie come queste che oggi scendono in piazza.

Questa loro ennesima loro vicinanza alla cittadinanza, dimostra che Sono persone come NOI… e non come i CIALTRONI al governo che se ne infischiano di chi è ormai senza un cent ma pieni di debiti…

giùalnord
giùalnord
8 Aprile 2021 10:49

Una classe politica assolutamente incosciente?!?!
P.S.: Tutto escogitato a tavolino,dai grandi della terra ,per azzerare l’economia italiana e venderla al primo offerente.
Lo notiamo dal fatto che dall’inizio della prima crisi economica ,iniziata nel 2008,l’Italia non si è più risollevata perché schiacciata dallo Spread(volutamente alzato dalla BCE(Draghi ne è consapevole).Oggi con un debito pubblico enorme in aumento (160% nel 2021,e nessuno si preoccupa)tutta l’attenzione è rivolta verso l’emergenza Covid e non su lato economico offuscando le menti dei cittadini.

Lettera Anna Maria
Lettera Anna Maria
8 Aprile 2021 10:41

Caro Porro, io c’ero e sono testimone di quello che è accaduto. In quella piazza c’erano uomini donne e ragazzi inermi e disperati.Stanchi e pronti a tutto per farci sentire, ma no alla violenza. La piazza era gremita senza distanziamento tutti con la mascherina tranne in pochissimi, abbiamo rilasciato interviste, abbiamo fatto richieste, ma niente di tutto ciò è stato trasmesso dai giornalisti, perché erano tutti impegnati altrove, perché la violenza fa più audience e nulla è valso per attirare la loro attenzione. Questa è un Italia marcia dove solo i prepotenti e i violenti vanno avanti, basta pensare a chi ci governa e nulla si può fare. Abbiamo visto la faccia dei poliziotti li abbiamo guardato negli occhi avevano lo stesso nostro sguardo e inermi come noi, questa lettera mi ha commosso. Ti prego continua a parlare di un Italia disperata sei l’unico che può. Un abbraccio virtuale.

Fabry
Fabry
8 Aprile 2021 10:36

@Nedo Micci…..per quello che vale……se la GDF ti ferma in Ferrari. controlla i tuoi redditi e vede che sei nullatenente, prova a dire di non formulare ipotesi “pressapochistiche, fallaci e prive di solido fondamento….”
Se poi eventualmente ti chiedessero di DIMOSTRARE che sei nullatenente e come mai giri in Ferrari, chiama un tuo amico politico e a tempo di record fai deliberare una legge che impedisca le verifiche fiscali ai nullatenenti in Ferrari.
Ecco. spero di averti spiegato in modo semplice e comprensibile a tutti , qualcosa che di complesso ha davvero molto poco. di grottesco moltissimo.

Nicola
Nicola
8 Aprile 2021 9:15

E’ curioso come alcuni media presentino la notizia del possibile ( e probabile) prolungamento dello stato di emergenza fra le notizie che riguardano l’economia che sicuramente sarà coinvolta e si ripercuoterà pesantemente anche su di essa ma divulgare la notizia solo come se fosse un problema che riguarda solo l’economia mi sembra quantomeno riduttivo.

Mike
Mike
8 Aprile 2021 6:25

Perché fanno passare tutti i morti (ictus, infarto, diabete, ecc.) per morti covid. Semplice.