in

Il trucco dei democratici per nascondere l’allarme immigrazione

immigrati usa

Dimensioni testo

«Chi parla male, pensa male e vive male. Bisogna trovare le parole giuste: le parole sono importanti!», urlava Nanni Moretti a una basita intervistatrice, in uno dei suoi indimenticabili film: Palombella rossa. Insieme alle parole, ancora più importante, è il significato delle parole. Alterare il significato consolidato di un vocabolo o di un’espressione, può rendere più caotico il meccanismo di interpretazione del discorso e intaccarne la coerenza e la logicità. Addirittura, in casi più estremi, può arrivare a sovvertire il nostro pensiero relativo al termine in questione. Prendiamo un caso fresco di introduzione nel linguaggio politico americano: avete mai sentito parlare di “infrastrutture umane”?

In genere noi associamo la parola “infrastrutture” a strade, autostrade, ponti, porti, piste ciclabili e a qualsiasi opera inanimata, prodotto di ingegneria o di edilizia, che renda più agevole il movimento delle persone o delle merci nello spazio. Ma cosa accade quando associamo la definizione di “umano” a quella di “infrastruttura”? Si umanizza la strada, oppure si disumanizza l’uomo? In ambo i casi, il risultato è che l’interpretazione diventa ambigua e più complessa sarà anche la nostra reazione. Se è possibile sostenere – come nel recente disegno di legge Usa da 3,5 trilioni di dollari intitolato Human infrastructure bill l’equiparazione uomo-infrastruttura senza generare stupore o orrore, allora è possibile entrare in una nuova logica, proprio grazie allo slittamento semantico delle parole.

Nelle scorse settimane dei parlamentari americani hanno presentato al Congresso vari emendamenti a questo disegno di legge, voluto dall’ala radicale dei Democratici. Il provvedimento stabilisce, anche a favore degli immigrati irregolari, il diritto ad agevolazioni sociali e il riconoscimento di una sorta di amnistia generale grazie alla concessione lampo di green card, propedeutiche alla cittadinanza. Un emendamento bipartisan chiedeva di eliminare dalla platea dei beneficiari della legge tutti gli individui riconosciuti come criminali abituali o membri di gang. Ma è stato respinto con una singolare obiezione: se fosse passato, avrebbe messo in crisi il fabbisogno di “infrastrutture umane” raccomandato dai legislatori a garanzia del possente investimento economico stabilito per gli anni futuri.

Del resto, se la persona non è più un essere umano ma è una “infrastruttura”, è logico che i suoi precedenti penali, la sua compatibilità al patto sociale e alle regole dell’ordinamento civile, non saranno più criteri dirimenti alla sua permanenza. Quello che conta è che l’infrastruttura umana sia funzionale a realizzare un preciso obiettivo tecnopolitico. Per esempio, assicurare forza lavoro a basso costo per incrementare il pil nazionale o sopperire a una crisi occupazionale. Oppure, ma qui bisognerebbe essere più maliziosi, è funzionale ad assicurare una nuova base elettorale, fedele al partito che ha provveduto alla sua regolarizzazione.