in

Incesto a Parigi: 4 riflessioni sullo scandalo Sciences Po

Dimensioni testo

Mentre in Italia i già populisti riscoprono, dans l’espace du matin, le virtù dei competenti, delle élite e magari dei salotti, in Francia trema uno dei santuari della competenza e della oligarchia repubblica, quella Sciences po travolta dallo scandalo del suo ex presidente, Olivier Duhamel, e dei suoi trascorsi di violenza sessuale e di pedofilia nei confronti del figliastro, molti anni fa.

La vicenda ci induce a quattro brevi considerazioni.

  • La prima. Le oligarchie, anche se repubblicane e competenti, puzzano comunque sempre un po’. Non tanto e non solo per i casi in sé, ma per l’omertà che circonda questi ambienti. Il direttore di Sciences po si è dimesso ieri perché accusato di aver coperto una notizia; di fatto, sembra che tutti sapessero, e che questo non abbia impedito a Duhamel di scalare i gradini del prestigioso ateneo.
  • Seconda considerazione. Sono oligarchie repubblicane, quelle dei competenti, ma mostruosamente familistiche. Duhamel è importante studioso, ma il fatto di essere figlio di un ministro di Giscard, nonché di una famiglia che ha dato giornalisti e uomini politici, lo rende di fatto uno dei bramini, di quella sinistra braminica che caratterizza in particolare il paesaggio francese.
  • E qui siamo alla terza considerazione, Sono oligarchie prevalentemente progressiste. Duhamel è stato a diverso titolo consigliere di Mitterrand, Jospin e Hollande, due presidenti e un primo ministro ed è stato eurodeputato socialista. Ovviamente il suo caso singolo non consente di generalizzare sui nessi tra sinistra e pedofilia. Però è vero che il Partito socialista mitterrandiano, fortemente sessantottardo e libertario, ha sempre sostenuto delle posizioni molto blande in tema di lotta alla pedofilia e, quando era all’opposizione negli anni Settanta, aveva proposto leggi molto al limite della eliminazione del reato di pedofilia. Gli intellettuali di sinistra poi, in nome del “libero amore” e del “love is love”, una sorta di politicamente corretto antilitteram, hanno sempre sostenuto che il bambino avrebbe “diritto” ad essere amato e ad amare sessualmente come un adulto.
  • Infine, quarta considerazione. Politicamente corretta, anti sessista, “anti razzista”, femminista, la sinistra francese è però diventata vittima dei mostri che ha creato e del clima di inquisizione conseguente. In un altro frangente,l’affare Duhamel, grave in sé ma attinente al privato dello studioso, sarebbe stato risolto con l’ipocrisia privata, che è sempre il sale delle società.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
17 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
A.L.
A.L.
14 Febbraio 2021 19:49

Ma cos’è successo al finale dell’articolo? Lo cito: “…la sinistra francese è però diventata vittima dei mostri che ha creato e del clima di inquisizione conseguente. In un altro frangente, l’affare Duhamel, grave in sé ma attinente al privato dello studioso, sarebbe stato risolto con l’ipocrisia privata, che è sempre il sale delle società”. Premesso che al di là dell’articolo non ho mai sentito parlare di questo caso Duhamel (e non so chi sia costui), osservo che il giornalista nelle frasi finali si è espresso molto male o si è confuso, mi spiace. Non lo farei notare se non si trattasse di un aspetto particolarmente importante, fondamentale. Scrivendo così, sembra voler dire che un delitto del genere sia attinente solo al privato di chi lo ha commesso. Non è così: un delitto del genere di cui si tratta nell’articolo è da codice penale, va rigorosamente punito, ed è un crimine che ferisce gravemente la società intera oltre alle vittime, riguarda tutti noi. Anche se nessuno che abbia civiltà, buona coscienza e buon senso potrebbe approvare, neanche per accuse del genere, le gogne preventive -sui media per esempio con nome e cognome- sulla base solo di accuse, la colpevolizzazione in seguito ai pettegolezzi più che alle indagini, per non dire delle frequenti calunnie che sono una cosa sconvolgente capace di rovinare… Leggi il resto »

barbara
barbara
12 Febbraio 2021 19:47

In che senso, signor Gervasoni, sarebbe un affare attinente al privato? Stupro incesto e pedofilia sono usciti dal codice penale per entrare a far parte dei piccoli vizi privati che più o meno tutti coltiviamo come scaccolarsi o uscire dal bagno senza lavarsi le mani?

Alfonso Di Loreto
Alfonso Di Loreto
12 Febbraio 2021 18:19

Ma è tanto difficile dire che quel francese è un uomo di *****?

Valter Valter
Valter Valter
12 Febbraio 2021 15:33

Intervista a Niki Vendola da Repubblica del 19 marzo 1985 (“Il gay della Fgci”):

«Libertà comunista è dinamismo, è contaminazione, con le nostre coscienze e i nostri corpi, è buttarsi nella mischia. Io l’ho fatto, sono diventato coscientemente omosessuale [ ……. ]
Non è facile affrontare un tema come quello della pedofilia ad esempio, cioè del diritto dei bambini ad avere una loro sessualità, ad avere rapporti tra loro, o con gli adulti – tema ancora più scabroso – e trattarne con chi la sessualità l’ha vista sempre in funzione della famiglia e dalla procreazione».

Quando si dice la coerenza di un comunista tutto d’un pezzo, eh !

Sandro Cecconi
Sandro Cecconi
12 Febbraio 2021 13:17

Professor Gervasoni,

e così si perpetua il famoso messaggio:
“Vizi Privati, pubbliche virtù”.

Evviva, secondo alcuni ben identificati.

Albert Nextein
Albert Nextein
12 Febbraio 2021 11:48

Un delinquente rimane un delinquente.
Anche con 10 lauree.

Gianluca
Gianluca
12 Febbraio 2021 11:13

In Italia la Casta (i bramini) l’abbiamo annientata, distrutta, sostituendola prima con gli amici tosco-piddini di Renzi, poi con con i nuovi barbari grillini, salvo dover implorare il più casto di tutti, Draghi, di salvare la baracca e soprattutto i burattini, che a quanto pare abbondano nei palazzi della politica. Chiudere un occhio sui presunti scandali sessuali altrui, forse non è una cattiva idea, soprattutto se ciascun individuo desse un’occhiata al proprio orticello…

nicola
nicola
12 Febbraio 2021 11:11

non dimentichiamo un’altra grande icona della sinistra, woodie allen…i sinistri sono propprio porci….e non dimentichiamo mai il forteto, bibbiano, gli stupri nei centri SSociali…quei porci di partigiani….