Io sono un’attività non essenziale

Condividi questo articolo


Se la prima volta è un’emergenza sanitaria, la seconda è un’emergenza governativa. Domenico Arcuri è il commissario all’emergenza. O si cambia il commissario o si toglie lo stato d’emergenza perché insieme, ormai, è chiaro che non possono stare.

A Vinovo, in Piemonte, è andato in scena il primo caso di delazione (la famosa segnalazione teorizzata da quel grande statista liberale del ministro della Salute). Un uomo ha chiamato i carabinieri segnalando il reato di cena dei vicini (che erano in 6 e tutti con la mascherina). Siccome è morto Alfredo Cerruti, fondatore e voce degli Squallor, il giusto commento per questa grande ed efficace strategia anti-Covid è la citazione da “Pierpaolo Il Rivoluzionario” (Pace, Bigazzi, Savio): “… ma non vi sputate mai in faccia?”.

Quando i fascisti invasero la casa di Croce (e furono cacciati via a pedate), il filosofo disse: “Ho ricevuto la visita dello Stato etico”. Oggi la storia ha rischiato di ripetersi ma, ecco la differenza, con la presunzione da parte del governo della sinistra ex comunista di essere legale ossia di essere veramente lo Stato etico. La “religione della libertà”, questa sì, caro presidente Mattarella, è una “cosa” seria.

Il presidente del Consiglio, l’avvocato del popolo professor Giuseppe Conte, dice che se ci sarà o no il lockdown dipenderà dal comportamento vostro: se sarete cattivi ci sarà, se sarete buoni vi farà un regalo. Ve l’ho detto, ma voi non mi credete: se le cose vanno bene, allora, è merito del governo; se le cose vanno male, allora, è colpa vostra. Quando si dice amare libertà e serietà.

Tre cosette

Io sono un’attività non essenziale.

Come funziona la mente totalitaria? Così. Coprifuoco. Chiusure. Lockdown. Delazioni. Colpevolizzazioni. Però, si capisce, per il bene dell’umanità. Che significa comunista? Due volte fascista.

La gara

Il virus corre avanti e il governo corre dietro. Non lo prenderà mai. Il virus, infatti, non si rincorre ma si attende nei presidi sanitari territoriali disposti per la sorveglianza attiva che non abbiamo. Purtroppo, il governo ha sprecato ben 9 mesi di tempo e ora vi accusa di aver fatto un’estate vivace mentre adotta il coprifuoco e prepara un lockdown mascherato che già esiste nella testa degli Italiani statali e statalisti. E pensare che basterebbe un uomo politico autorevole capace di dire la verità e non creare allarme sociale che, invece, è usato come alibi e sfruttato per tenere su un governo illiberale e dannoso.

Il “bene comune”

Non dovete lavorare perché va tutelato il “bene comune”, però le tasse le dovete pagare perché servono i soldi per il “bene comune”.

La differenza tra i comunisti di ieri e i benecomunisti di oggi è che i comunisti volevano sì l’esproprio ma almeno riconoscevano valore e necessità del lavoro, mentre i benecomunisti vogliono ancora l’esproprio ma credono, come Pinocchio, che i soldi nascano sull’albero degli zecchini d’oro in Campo dei miracoli.

Lo sceriffo ha chiuso le scuole certificando, dopo sei mesi di annunci e di mancata organizzazione della sanità regionale, il suo fallimento.

La letterina

Signor Vincenzo De Luca, presidente regione Campania, Le ho sentito chiedere collaborazione e aiuto. Eccomi.

Mi sia consentito, però, dirLe che può avere maggior collaborazione se la smetterà di apostrofare i campani come: “Imbecilli, stupidi, idioti”. I miei e i Suoi concittadini non sono imbecilli, mentre proprio Lei rischia di fare la figura dello stupido se continua ad avere come obiettivo di fermare il mondo e bloccare la vita. Se ci troviamo in queste condizioni è perché Lei aveva detto che eravamo pronti, mentre ora si scopre che la sanità non regge. I bluff si pagano. Si dedichi a rafforzare la sanità, non crei allarme sociale, non sia arrogante, non dia dell’idiota a nessuno e vedrà che i cittadini, come già fanno da tempo, saranno prudenti, collaborativi e attueranno la prevenzione.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


17 Commenti

Scrivi un commento
  1. Il comunismo!!
    Oggi nel mondo poco più di 2000 capitalisti (duemila) guadagnano come 4 miliardi di persone (!!!!!!)
    Il comunismo di Desiderio è davvero comico.

    • 2.000 capitalisti pure comunisti che, grazie ai favori degli amici in politica, continuano ad arricchirsi aumentando il divario tra “ricchi” e “poveri”. Da un De Benedetti che si fa dare quasi 2 miliardi di euro da MPS senza restituirli (Monti ha tassato tutti gli italiani per ripianare parte del buco), a una Fiat che sola può spostare sede legale e fiscale in paradisi fiscali (Olanda e GB) mentre se lo fa un Valentino Rossi viene tacciato di fare l’evasore fiscale (trasferimento sede e/o residenza, anche solo per un vantaggio fiscale, peraltro ammesso dai trattati UE che valgono solo quando fa comodo).
      IMU triplicata sui negozi sfitti per obbligare i piccoli proprietari a svendere per due soldi, così che pochi amici targati PD possono diventare proprietari di tutto. Tasse di chi lavora usate per monopattini elettrici anziché per sviluppo e progresso, tutti più poveri ma col monopattino e chi gestisce il tutto sempre più ricco. Lei, che parla a vanvera, dovrebbe rivedere la vecchia URSS: nomenklatura con le Ferrari in garage e il popolo alla fame, in pratica tutto ciò che sta avvenendo con la scusa della redistribuzione di redditi e risorse. Posso comprendere che per lei sia difficile comprendere certi meccanismi economici ma, onde evitare figuracce, farebbe bene a starsene zitto.

          • Mi fa piacere che rida, cominci a guardate in giro, guardi che automobili e appartamenti in centro vedrà quanti assessori e lavoratori pd. Onestà intellettuale comunque rida pure ognuno è libero di pensare quello che vuole! Buona giornata

      • Io invece le ricordo, a proposito di parlare a vanvera, che in Russia il comunismo è finito da un pezzo e che definire De Benedetti e Agnelli comunisti significa non avere il cervello.

        PS. nel forum nessuno può obbligare nessuno a stare zitto, altrimenti che forum sarebbe.

        • Giusto, infatti io penso che il CoronaVirus tra le prime avvisaglie (tosse, febbre, mancanza di sapori) ne dia una che non si riconosce subito : la stupidità. Si diventa utili idioti e si scrivono ca..ate perché il virus è arrivato al cervello (prende soprattutto la parte sinistra). Dovete andare al pronto soccorso!

  2. Gli ospedali si stanno riempiendo di nuovo, le terapie intensive stanno salendo in modo preoccupante e Desiderio ancora parla di Stato etico.
    Ma non si vergogna?

    • Stanno anche ammettendo persone che possono essere curate a casa. Di chi è la colpa? Forse della comunicazione terrorizzante?

      Nessuno aveva previsto niente in sei mesi? Ah no, ci sono le proiezioni catastrofiche pseudoscientifiche che emergono solo ora, ovviamente a favore dei blocchi.

      Bassetti l’aveva detto che c’era questo rischio, in tempi non sospetti.

      • Le persone possono essere curate a casa? Ma non mi dica!
        Tra poco scopriremo che per chi presenta come unico sintomo la febbre a 37,5 e il naso chiuso, il paracetamolo è un’ottima terapia.
        Che fortuna vivere nel 2020, con tutte queste conoscenze che ci salvano la vita.

        • Oltre agli antipiretici, forse un po’ di eparina a basso peso molecolare (se tollerata). Alcune persone, anche con pochi sintomi, possono avere rischio di qualche trombosi, quindi l’eparina può aiutare (anche se probabilmente, a vedere un lavoro di un paio di giorni fa, il vero bersaglio per impedire la trombosi diffusa sarebbe un altro).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *