in

La Capitana sfida l’Italia e a sinistra applaudono

«Forza Capitana», titolava ieri Repubblica. Forza Capitana? «Capitana, mia Capitana»? No, grazie. Forza italiani, piuttosto. Salvini non è il nostro Capitano e non lo sarà finché si accompagna ai 5 stelle, il Movimento degli statalisti incapaci. Non c’è bisogno di essere leghisti per capire che, nel caso contingente, quello della Sea Watch, ha ragione il ministro dell’Interno, appunto il Capitano, come lo chiamano i suoi fedelissimi.

Il Pd ha scelto di fare passerella recandosi in massa a omaggiare la nave Ong che, dopo aver atteso 14 giorni sul limitare delle acque italiane, ha deciso di forzare il blocco e avvicinarsi a Lampedusa in vista dello sbarco. La Sea Watch batte bandiera olandese ed è proprietà di una Ong tedesca.

La capitana è Carola Rackete, tedesca, 31 anni. Si è assunta la responsabilità di tenere in mare 42 immigrati prima di infrangere la legge. In due settimane avrebbe potuto andare e tornare da Amsterdam o Amburgo. Invece ha preferito fare salire la tensione per creare un caso politico, riuscendoci. L’Italia di fronte a una simile provocazione, con tanto di ricatto morale, non può che rispondere duramente. Non farlo equivarrebbe a dichiarare le nostre coste a disposizione di chiunque e incentivare il traffico di schiavi al quale assistiamo disgustati ormai da anni.

Anche i media progressisti (si fa per dire, qui stiamo tornando allo schiavismo) si sono schierati contro l’Italia e contro la civiltà: il titolo di Repubblica «Forza Capitana» esprime un’adesione alle azioni di chi ha ignorato il governo italiano e la Corte europea. Si può discutere di come sia meglio affrontare l’immigrazione. Su una cosa però dovremmo essere d’accordo: la risposta non può essere tollerare violazioni della nostra residua sovranità. Lo Stato. Invece no: «Capitana, mia capitana», scrive il Manifesto, storpiando la poesia di Walt Whitman.

Il Partito democratico, per rinsaldare lo zoccolo duro degli ex comunisti, ha scelto di assecondare il suicidio dell’Italia. I nuovi (pseudo) socialisti si preoccupano di qualunque problema nel mondo ma se ne fregano dei concittadini che muoiono di fame a Canicattì o ancora soffrono a causa dei terremoti di tre anni fa. Dopo aver rinnegato il mondo del lavoro per i «diritti»; dopo aver ceduto con entusiasmo quote di sovranità all’Unione europea, che ricambia fregandosene dell’emergenza migranti; dopo aver scelto di radicarsi nella borghesia danarosa, metropolitana e cosmopolita, la sinistra ha stabilito che il popolo italiano, reo di non farsi incantare, non merita di essere tutelato.

Conosciamo ormai il trucco dei media che si accodano a questa visione del mondo per la gloria e talvolta la pecunia: spacciare per fascismo/razzismo qualunque posizione sia contraria all’accoglienza indiscriminata. Agli italiani però non è sfuggito che un conto è accogliere, un altro farsi invadere, un conto è salvare le navi in difficoltà, un altro incitare gli scafisti a partire, un conto è garantire condizioni di vita dignitose a chi sbarca, un altro è lasciare che venga arruolato come schiavo pagato a cottimo. Gli italiani sono generosi. Ma non fessi.

Alessandro Gnocchi, 28 giugno 2019

Condividi questo articolo

27 Commenti

Scrivi un commento
  1. ragazzi ma ancora rispondete a questo qua?? ma è fasullo, non lo capite? questo di pascoli ha solo il cervellino storno!! non sapete che adesso i troll del PD, quale lui senza dubbio è, siccome si vergognano a presentarsi come elettori del PD o gente di sinistra perchè ormai non hanno più argomenti,idee,proposte, uno straccio di progetto politico,niente di niente,adesso si spacciano per elettori delusi o pentiti della lega o di centrodestra??

    gli sono rimasti solo i soliti,vecchi, grotteschi, ridicoli,tediosi,insulsi, noiosi,fasulli, triti e ritriti pipponi antisalviniani e antifascisti, che ormai sono credibili come pillon che organizza il gay pride o fratoianni che si candida a sindaco di pontida,che non convincerebbero nemmeno un obeso a ingozzarsi al macdonalds.

    ma vi rendete conto quanto sono disperati?? il fatto è che non sanno più con quale corda impiccarsi, se provano a fare i “sovranisti” pure loro, tipo minniti, l’unico decente che avevano che ovviamente è stato subito fatto fuori, si incazza lo zoccolo duro e la gente vota comunque l’originale, se continuano con le loro cazzate buoniste filomigranti e antiitaliane e a correre dietro a ste burattine tipo thumberg o sta testa di cazzo tedesca so mazzate ancora peggio perchè gli italiani sono così incazzati co sta gentaglia che salvini, che adesso grazie alle prodezze della rackietta per la cronaca è al 38%,+4 punti in tre giorni, altre due o tre motovedette speronate e le elezioni le vince per acclamazione.
    sconcerta l’ostinazione autolesionistica con la quale questi buffoni continuano imperterriti con le loro pagliacciate buoniste tipo “il grande battello” andato in scena a lampedusa con quei 5 derelitti, uno dei quali incredibilmente era ministro dei trasporti, praticamente con senno di poi è stato come mettere un piromane a capo della forestale.
    ormai stanno al tanto peggio tanto meglio, non c’è altra spiegazione, lo fanno per puro sfregio verso quegli stronzi di italiani che non li votano e non li voteranno mai più. siamo ormai al ciapanò politico, per dispetto fanno tutto il contrario di quel che vogliono gli italiani, che così imparano a votare salvini. figurati se gli viene il dubbio che la gente vota salvini semplicemente perché loro, esaltando e preferendo una delinquente nemica dello Stato e degli italiani allo Stato stesso, hanno dimostrato di essere indecenti come uomini, prima ancora che come politici e amministratori.

    NB: visto che ti appassiona tanto l’antroponimia, per questo ho trovato ispirazione proprio leggendo o ascoltando le cazzate di gente come te!

  2. Dedicato al comico Sig. Enzo N.N.

    Hahahahaha ancora una volta l’analista sbaglia; non ci sono affatto amnesie…

    Invece, mostrare come certa gente è solita a ricorrere all’anonimato, per nascondersi dietro la comoda “discrezione”, omettendo, o vergognandosi del suo cognome; così,, si può permettere di dare sfogo alla propria animosità che denota l’indole bellicosa per cui non può ammettere pareri contrari e se la prende con chi possa pensarla in maniera opposta…

    Di solito, certi soggetti, con la loro aggressività congenita, nei migliori casi, giudicano gli altri in funzione dei propri limiti e vizi…

    Poi, alla fine, si qualificano da soli. E, francamente, nel caso specifico, si ha l”impressione che il soggetto abbia bisogno di una certa assistenza medica, da parte di specialisti per bipolari. Certamente non è una colpa, ma è solo un caso patetico da compatire…

    Del resto, la frana di sciocchezze che esprime a vanvera, sono tipicamente di natura puerile, frutto di un’illimitata immaginazione, caratteristica di confusa deviazione della personalità, generata da oscuri complessi, per cui, per non esporsi, preferiscono pseudonimi o semplicemente si firmano con un semplice nome, come in questo caso.

    Ma, ogni tanto, nella loro ingenuità, sanno anche divertire…

    • Scommetto che quanto ha scritto Enzo ti turba caro vecchio rincoglionito depensante; ho seguito i tuoi ridicoli sfoghi e penso che ti dovresti ritirare dalla vita attiva; tanto non se ne accorgerà nessuno.

      • Caro Franco84, ormai il Sig. Tullio liberal chic sta diventando un caso pietoso. Ti ringrazio di esserTi schierato a mia difesa ma, se posso, Ti consiglio di ignorarlo.

        • Hahahahaha il grande analista che ha bisogno di soccorso per cercare di uscire dal vicolo cieco in cui s’è infilato, rendendosi così ridicolo…

          Ma forse dovrei essere più tollerante con chi, apparentemente, dimentica di prendere la propria dose quotidiana di Fluoxetina…

          hehehe…

      • hahahahaha: davvero divertente constatare come certa soggetti si irritano al punto di esibire gli effetti delle proprie frustrazioni, cedendo alla propria indole di ragazzini eccessivamente viziati.

        Poi, per non mostrare la faccia si nascondono coraggiosamente dietro l’anonimato ma sempre omettendo la propria identità… Roba da bulli; infatti, fanno come certi monelli che gettano il sasso e nascondono la mano… adulti infantili che non sono mentalmente cresciuti hahaha…

        • Mi ero riproposto di ignorarti anch’io vecchio rincoglionito ed aggiungo impotente costretto a prendere la polverina miracolosa per masturbarsi compiacendosi dei propri scritti. BASTA !!! FATELO SMETTERE C’HAI ROTTO I C… ORMAI SIAMO AL DELIRIO PURO.

  3. ah, ces Allemands, toujours les mêmes !
    Toujours la mauvaise conscience d’avoir “obéi aux ordres” entre 1933 et 1945. Toujours Jaspers, toujours Habermas.
    Per esempio, è la cattiva coscienza del generale Bastian, membro fondatore del gruppo parlementario dei Verdi che” dimentico’ ” (!) di dire che era nazista convinto tra il 1940 ed 1945.

    e anche, la cattiva coscienza del presidente Mitterrand che fu’ un ardente collaborazionista tra il 1940 e fine 1943 (ed allora “Résistant” delle ultime ore), chi, divento presidente della Reppublica, avrà fatto scuola nella Germania con il motto “la forza ingiusta della legge” per difendere l’accoglienza senza limiti dei migranti sul territorio francese ed europee…..

    Au secours !! Salvini et “notre soeur latine, sauvez l’honneur de l’Europe “ici et maintenant” !!!
    Henri Courivaud (Lione)

  4. Dedicato a Tullio Pascoli: lei sta cercando a tutti i costi di farsi passare per “liberal chic” senza esserlo. Se ritiene potrei elencarLe i titoli che mi consentono anche di misurare e quindi giudicare il Suo quoziente intellettivo che francamente mi pare distante anni luce dall’eccellenza che sembra voglia palesare ad ogni costo.
    Se posso Le do un consiglio: continui a scrivere su “www.liberalismowhig.com” -tanto il suo pensiero interesserà pochissima gente – e cerchi di non addentrarsi in discussioni più grandi di Lei, se poi ritiene di far parte dell’umanità ottusa è un problema che non mi riguarda.
    Se poi non fosse convinto si rilegga il commento di “ancoraparli” postato successivamente al Suo; commento che condivido quasi integralmente:
    A disposizione per continuare, anche sino allo stremo, a dibattere con Lei.
    La informo che è molto importante, che le discussioni avvengano rigorosamente nei giorni festivi in quanto trascorro i giorni feriali quasi esclusivamente a valutare i problemi, quasi sempre esistenziali, delle persone con Q.I. raramente superiore a 90.

    • Credo di aver già perso tempo con chi ama il pensiero unico, credendo di vivere al centro dell’universo .

      Analizzi pure il Q.I. di chi lei non conosce ed emetta le sue innocue quanto inutili sentenze…

      Non ho alcun bisogno di mettermi al livello di chi non ha il coraggio di rivelare la propria identità e si nasconde dietro un nome di decine di migliaia di individui.

      • Ultimo commento della domenica: il nome è quello con cui sono iscritto all’anagrafe del mio Comune e che corrisponderà certamente a quello di decine di migliaia di individui ma i fatti sono questi. Poi Le confesso che provo, in questo momento, un subdolo piacere a far irritare i personaggi come Lei che, credendo di essere ad un livello superiore rispetto all’intera umanità hanno usato, usano e continueranno ad usare argomentazioni che li qualificano inequivocabilmente. A tale proposito vorrei dispensarLe un ultimo consiglio: con questo caldo cerchi di non uscire di casa nelle ore sconsigliate dai medici, beva molti liquidi ( per liquidi intendo acqua) e cerchi di stare al fresco. Così facendo non migliorerà il Q.I. ma sono convinto che potrebbe sproloquiare in modo meno evidente. Si ricordi infine, e ciò Le sia ben chiaro, che sono io a non avere alcuna intenzione di SCENDERE al Suo livello e se desidera farmi divertire ancora un po’ Le do appuntamento a domenica prossima. (Nicola PORRO permettendo)

        • Hahaha, poveretto, il grande ignoto analista a distanza, aspirante indovino che si attribuisce la facoltà di dare consigli del tutto a sproposito e non solo per il fatto che qui le temperature sono piacevolissime…

          Ma, evidentemente, il caldo a Lei deve aver dato alla testa…

          Non era Lei che pretendeva che mostrassi la tessera del PD??
          Proprio a chi non ha mai “danzato il Walzer” – come fanno in molti dell’Italietta -, avendo io, fin da giovane, votato il partito di Giovanni Malagodi, Aldo Bozzi.ecc.

          E Lei? Leghista, no? Il partito che ha fatto cadere il governo Berlusconi, per boicottare le riforme liberali. Non era quello il partito di una una Sinistra (male)dissimulata, guidato dall’erudito soggetto, finissimo Umberto Bossi dalla fotogenica canottiera?

          Non sia così ridicolo, non le conviene, eviterà di mostrarsi anche patetico.

          Stia bene, Signor geniale anonimo analista a distanza che teme – o si vergogna – di rivelare il proprio cognome; è lecito chiedersi il motivo di tanta “discrezione”?

          • Eccolo! non poteva resistere sino a domenica ed ha risposto quasi subito per il chè cercherò anch’io di accontentare questo Signor Tullio PASCOLI il “liberal chic” che si vanta di aver votato Giovanni Malagodi, Aldo Bozzi e , aggiungo, Biondi e Zanone dimenticando, forse per problemi mnesici, Francesco De Lorenzo e Renato Altissimo nobili Ministri, ricordo, condannati entrambi per tangentopoli, che contribuirono a far diventare l’Italia quella che Lei definisce “L’Italietta”.Se lo desidera ed al fine di rinfrescarLe la memoria, Le ricordo anche un certo Bignardi che, nel 1976, è riuscito a far scendere il Suo grandissimo partito all’eclatante percentuale dell’1,3%. Risultato indubbiamente determinato dal fatto che molti “patetici” elettori hanno scelto di votare per altri partiti ivi compresa la Lega Nord di Bossi alla quale Lei, dall’alto del Suo scranno di color azzurro, mi ha inesorabilmente ed arrogantemente associato.
            Non ricorderà neppure che, negli anni 90, è crollato il muro di Berlino con tutte le conseguenze che i liberali come Lei, all’inizio, non sono riusciti ad intravedere rifugiandosi nelle proprie obsolete ideologie.
            Scendendo al Suo livello, Le voglio rammentare che per raffrescare gli ambienti e financo le autovetture, esite l’aria condizionata, comfort di cui posso liberamente usufruire senza dover subire il caldo che potrebbe (parole Sue) “avermi dato alla testa” Lei, invece, dichiarando di vivere in località con temperature piacevolissime, attualmente potrebbe trovarsi quasi certamente lontano dalla vituperata “Italietta” dove le temperature, come noto, almeno sino alla data della Sua ultima risposta, sono state torride ovunque da nord a sud per cui, approfitti del piacevole clima che La circonderà certamente, e cerchi di far pace con se stesso senza blaterare inutilmente e se intende proprio continuare ad ostentare la Sua ridicola arroganza continui a scrivere i Suoi monologhi su “liberalismowhig.com” – che, non mi pare, sia la tessera di un partito.
            Desidero poi chiarirLe che, nonostante la cosa La infastidisca notevolmente, sono e sarò soltanto io a decidere e scegliere a chi rivelare il mio cognome del quale, Le assicuro non mi vergogno nè mi devo vergognare affatto. Se poi debbo fingere di accettare le Sue ridicole provocazioni, per accontentare quanto Le detta la sua infantilizzazione posso affermare che il mio cognome potrebbe essere persino più importante e conosciuto del Suo dichiarato “Pascoli” e non si monti troppo la testa perchè, pur portando od ostentando il cognome di un grande Poeta, si comporta soltanto come un piccolo insignificante uomo intento ad osannare il Suo “ego”
            Ora La saluto e vado in vacanza lasciandomi definitivamente alle spalle il tempo che ho voluto deliberatamente perdere con Lei “grande scrittore liberal chic” convinto di essere il censore dell’intera umanità.
            Le ricordo che non ho più intenzione di usufruire dell’ospitalità di Nicola Porro per dibattere argomenti che ricadono nella sfera del privato e che non hanno alcuna attinenza con la SEA WATCH e la sua capitana e nello specifico non interessano i lettori. Se poi intende continuare a rendersi ridicolo con quello che diventerà un improduttivo soliloquio si accomodi pure.

  5. tu sei di destra come fratoianni. questi troll di sinistra che infestano il web sono insopportabili quasi quanto le rakiete che infestano il mediterraneo.cominciate a farli circolare nei vostri feudi turistico-elettorali gli individui, invece di raccogliere le firme per cacciarli via come a capalbio, con le stesse motivazioni, anzi molto più meschine, che contestate a salvini(“..che vengono a fare questi qui?? ma non si integrano!! e poi con questi in giro la villa mi si svaluta!..”), ipocriti che non siete altro.è facile riempirsi la bocca con l’accoglienza per poi confinarli a torre maura e casal bruciato, i cosidetti poveri disperati, sul groppone del popolino di periferia, che tanto ormai vota salvini, a mendicare e spacciare droga butttati in mezzo alla strada.la sinistra…poi si chiedono perchè sono sprofondati al 17%. ma andate a farle a taranto o a napoli le passerelle, buffoni, se ancora trovate la strade per le fabbriche, visto che non ci mettete piede da 20 anni, salvo, raramente, in campagna elettorale. macchè, ma vuoi mettere il risalto mediatico internazionale della solita africana incinta e del solito bambino in mezzo al mare strappato alle grinfie di quei boia della marina libica con l’operaio col cancro di taranto? ma quello non lo caga nessuno! e poi lì dovrei trovare una soluzione, qui basta dare addosso a salvini!
    che schifo, fate proprio schifo, mi vergogno da essere umanmo ancor prima che da italiano per avere simili vermi come rappresentanti del popolo della nazione a cui disgraziatamente, a causa vostra, appartengo.

  6. Non c’è bisogno di essere di Sinistra per sfidare misure assolutamente ingiuste.

    Io, in controcorrente con la maggioranza dei miei connazionali, pur essendo dichiaratamente di Destra (libertario), sono d’accordo con chi ha il coraggio di sfidare il razzista, nazionalista che – guarda che coincidenza – ama esibirsi in uniforme proprio come faceva il Duce… ciò che di per stesso caratterizza le sue inclinazioni, mentre molti, anzi troppi applaudono.

    Il grande salto del progresso nel mondo è avvenuto con la libera circolazione degli individui e non con i muri ed i fili spinati.

    È la diversità, delle idee, delle conoscenze, dei geni, delle culture che fa la differenza; ogni uniformità, come del resto l’unanimità, è ottusa, per non dire altro.

    • Penso che a lei, di destra, sia rimasto l’unico lobo del cervello ancorché mal funzionante. Non si nasconda e mostri la tessera del P.D.

          • invece di mostrarsi a corto di argomenti intelligenti si esprima con ragionamenti concreti e contesti ciò che scrivo su

            www.liberalismowhig.com

            forse, farebbe più bella figura, anche perché è evidente che lei non abbia affatto titoli per misurare il Q.I. altrui…

            Infatti, chi non ha argomenti, in genere si comporta come fa proprio lei: offendendo, ma ciò che giunge da così dal basso, non mi può colpire…

            Dovrebbe cercare di mostrarsi superiore alla media di Q.I. invece di dimostrare il contrario.

  7. ascoltando il farneticante arrampicamento sugli specchi di tal fiano l’altra sera e, trattenendo a stento i conati di vomito, assistendo all’ennesima incredibile, grottesca, paradossale passerella di quel che resta di tal partito democratico nella persona di alcune sue cosiddette sentinelle democratiche + il solito fratoianni, personaggio di una nullità talmente disarmante che se non ci fossero i migranti a fargli aprire bocca e dargli fiato ogni tanto con le solite stronzate trite e ritrite sul fascismo e sul razzismo di salvini neanche la madre si ricorderebbe che esiste, mi sono chiesto seriamente come siamo usciti vivi da sette anni sette con questa gente al governo.
    fedeli alla parte che si sono dati nell’eterna recita a soggetto che goffamente interpretano ormai da 20 anni dei salvatori dell’africa e degli africani e dalla quale,nonostante batoste elettorali in serie che hanno certificato che agli italiani non fa piangere nè tantomeno ridere più, non riescono proprio ad uscire, pur di dare addosso a salvini ci vengono seriamente e convintamente a dire che le nostre leggi, le nostre autorità, i nostri confini,la nostra sovranità non sono altro che una burletta, e che in nome di una improbabile solidarietà verso gente della quale a loro in realtà non frega nulla e vedono solo come un business politico ed affaristico possono essere tranquillamente sfanculati dalla prima cialtrona viziata e impunita figlia di papà che arriva via mare, una karola rakete qualsiasi che non avendo un cazzo da fare perchè mantenuta dal teutonico paparino combatte la noia giocando al piccolo pirata sulla pelle di 53 disgraziati (CHE LEI SI CHE HA SEQUESTRATO,E POI SFRUTTATO COME ARMA PER LE SUE IGNOBILI BATTAGLIE POLITICHE CONTRO UN GOVERNO E UN MINISTRO CHE CONSIDERA NEMICI,CHE E’ IL VERO SCOPO DI QUESTI INFAMI, ALTRO CHE SALVARE VITE UMANE) e rompendo le palle a 60 milioni di italiani. italiani che di questi fottuti invasati delinquenti che con incredibile sprezzo del ridicolo si spacciano per angeli custodi ma che non sono altro che gli ennesimi sgherri prezzolati della premiata ditta soros & C e soci occulti ma non troppo di scafisti e mercanti di clandestini, metteteveloni testa imbecilli buonisti, SI SONO ROTTI FEROCEMENTE I COGLIONI. io invito a riflettere, da cittadino e da elettore, dopo lo scempio di ogni più elementare regola di civiltà, di buonsenso, di rispetto delle leggi e della pacifica convivenza tra nazioni da parte dei barbari di cui sopra avallato e entusiasticamente difeso da questi statisti della mutua, come sia anche solo possibile a questo punto immaginare di mettere la nostra sicurezza, la nostra incolumità, la difesa dei nostri confini in mano a simile gentaglia, a simili incoscienti ipocriti demagoghi che con queste indegne pagliacciate e questi irresponsabili “endorsement” verso veri e propri delinquenti nemici e dell’italia e degli italiani hanno ormai certificato senza alcuna possibilità di equivoco la loro totale e inequivocabile inadeguatezza a governare, checchè ne dicano l’ubriacone di bruxelles e la sua scalcinata banda di eurocrati, quella che resta una delle prime potenze economiche al mondo. e che hanno ormai dimostrato oltre ogni ragionevole dubbio, da antidemocratici quali sempre sono stati e sempre saranno, tutto l’odio feroce che da sempre covano per tutti gli italiani che non condividono la delirante e perversa visione del mondo e della società che scaturisce dalle loro menti malate.

  8. Eddai ! Diciamo pane al pane e vino al vino ! La sinistra, non solo italiana, ma quella italiana in particolare che si sdilinquisce dietro a una presuntuosa stronzetta figlia di papà malata di protagonismo e con ridicola acconciatura rasta dei capelli annessa, facendone una specie di Giovanna d’Arco, è come la corazzata Potemkin di fantozziana memoria: una cagata pazzesca !

  9. che differenza c’è fra la capitana caccola e quelli che tengono in ostaggio i clienti di una banca? non è solo una sequestratrice, è una TERRORISTA

  10. I cretini hanno sempre voluto distinguersi dalle persone normali, quindi non vedo nulla di strano del comportamento dei signori dlla sinistra con Rolex di fare passerella per chi si dichiara contro il governo che li ha stracciati.La rabbia e l’invidia portarono uno a tagliarsi i gioielli per farla pagare alla moglie infedele; ecco loro stanno castrandosi per farla a Salvini che sta solo cercando di far rispettare le leggi. Potrebbero provare in Cina o Arabia a fare una bella scenografia contro il governo cattivone così, magari, ci libereremmo di questa gentaglia.

  11. In tutta questa kermesse piena di ospiti illustri della politica italiana (perché di questo si tratta, tra le tante possibilità di aiutare questi poveri disperati, questa è quella sotto gli occhi del mondo), nessuno si preoccupa di quelli che invece muoiono nel tragitto verso la Libia? Di questi ultimi non si hanno numeri. Di quelli che attraversano il Mediterraneo si.

  12. Grazie ad Alessandro Gnocchi per aver analizzato da par suo la questione Sea Watch. Ho letto parecchi commenti dei frequentatori di questo blog, tutti preoccupati e giustamente indignati per la tracotanza di questa sedicente capitana, in verità pirata ( o piratessa?). Vorrei però vedere, a fronte dell’indecente schiamazzare della sinistra, una consistente manifestazione di popolo a sostegno della linea dura che non è solo di Salvini, ma è, o dovrebbe essere, del governo italiano.
    Si ricorda, carobdotyor Gnocchi, della bella gioventù che bruciava e bandiere americane al tempo della guerra del Vietnam? Non si rischiava niente, allora. E adesso? Un’educato vaff sotto le ambasciate di Germania e Olanda?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.