Commenti all'articolo La fatina dei Boschi (alla faccia del popolo)

Torna all'articolo
Avatar
guest
29 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Giorgio Colomba
Giorgio Colomba
27 Luglio 2020 15:26

In tema di gozzoviglie partitocratiche, l’unica differenza tra destra e sinistra e che quest’ultima non rinuncia, né si vergogna a farci la morale.

Matteo
Matteo
27 Luglio 2020 12:09

“Sul governatore Fontana si continua a fare il linciaggio mediatico con il solito Corriere della Sera in prima fila, con qualche spruzzo anche a Gallera che per Il Fatto non può neanche farsi una foto in barca.”
Parole di Porro…

Rosa
Rosa
26 Luglio 2020 10:39

Non poteva credere come trattava i camerieri?
Tardi è arrivato tardi!
Già Califano, il califfo, lo disse: e lo disse negli anni 70!
In sostanza il PCi non è mai stato rigoroso etc: il PCI ha avuto solo la frtuna che non c’era la tecnologia di oggi.
Ex fructibus cognettis eos

Davide V8
Davide V8
25 Luglio 2020 19:10

Ennesimo esempio, dopo Vespa/Zaia/Emiliano, di come la politica e la pubblica amministrazione concepiscano la società ed i rapporti tra sè stessi e le persone normali:
padroni vs sudditi.
Loro possono fare come gli pare, i sudditi devono invece subire ogni genere di vessazione, di limitazione della libertà, con tanto di predica “rigorista” su quanto siano irresponsabili, e quindi su quanto sia giusto controllarli e punirli duramente.

Gli avvenimenti di questo periodo portano sempre lì: si tratti di politici (di ogni livello, ruolo e colore), di magistrati, di forze dell’ordine, di burocrati sovranazionali, di “scienziati” (lol), è sempre più chiara la distruzione dell’ordine liberale (in cui le persone non sono alla mercè dei capricci di altre, perchè sono *libere* da esse), ed il trionfo della prevaricazione attuata col tramite del dio stato.
Il tutto ammantato da ipocrisia, falsità, malafede apparentemente senza limiti.
E’ il nuovo medioevo, coi nuovi feudatari ed i nuovi servi.

Il messaggio è chiaro: la soluzione si chiama *liberalismo*, cioè togliere potere a tutta questa feccia, che non deve poter disporre della libertà degli altri.