in

La Lega non torni alle origini

Dimensioni testo

“Adesso basta, prima il Nord”, invocano non pochi leghisti delusi dal risultato elettorale del salvinismo. Ma siamo sicuri che una simile pezza non sia peggio del buco?

All’inizio, a cavallo tra gli anni Ottanta e Novanta, la parola d’ordine della Lega fu “secessione”. E su quello slogan Umberto Bossi costruì la sua ascesa. Poi venne l’abbraccio con Silvio Berlusconi, che intuì le potenzialità di quel bizzarro movimento e lo portò al governo, nel cuore di Roma Ladrona.

La parola “secessione” in breve fu sostituita da una più moderata e tranquillizzante “autonomia”. Sono passati trent’anni e lì ancora siamo. Nel senso che lo slogan è lo stesso, ma non ha sortito un granché di risultati…

Continua ascoltando il podcast di Alessandro Sallusti del 4 ottobre 2022