in

La liceale francese perseguitata dall’Islam perché lesbica

Dimensioni testo

Diversi giorni fa in Francia, a Vienne, nell’Isère, succede che una sedicenne, Mila, venga minacciata di morte e insultata con una violenza tale da costringere le autorità a ritirarla da scuola. La ragazzina era alle prese con una diretta su Instagram – che usa per cimentarsi nel canto -, un utente ha iniziato a molestarla accusandola di essere lesbica e invocando per questo la solenne punizione di Allah. Non è tardata la reazione della sedicenne che si è scagliata contro l’islam, il Corano e la religione con un linguaggio molto colorito.

La comunità musulmana francese ha replicato in un baleno denunciando il carattere blasfemo della liceale Mila, per poi passare all’odio. Quello legittimo, fa sapere l’islam francese, perché Abdallah Zekri, delegato generale del Consiglio francese per il culto musulmano (istituzione destinata a rappresentare i musulmani davanti alle autorità pubbliche), fuori dai denti ha detto cosa pensano lui e la sua gente sulla questione, “Dico che questa ragazza sa benissimo cosa sta facendo”. Per aggiungere: “Chi semina vento raccoglie tempesta”.

E allora le minacce di stupro e di morte. Poi viene pubblicato online il suo indirizzo, la polizia la costringe a nascondersi. Insomma, il solito copione per chi osa criticare la religione di Maometto: una reazione quantomeno contraddittoria rispetto a quel che ci viene ripetuto dell’islam, dopo ogni attentato jihadista, un religione di “pace e di amore”. E soprattutto cosa ci sta dicendo Abdallah Zekri? Che con l’islam si torna alla legge del taglione?

Sono state aperte due indagini, tra cui una per “provocazione dell’odio razziale”. Un caso che rilancia il dibattito sulla “blasfemia”: reato non contemplato dalla legge francese, ma che viene regolarmente discusso, soprattutto a far data dagli attacchi a Charlie Hebdo nel 2015.

Ma per una volta la questione non è tutta qui. Pare, infatti, che Mila fosse omosessuale, o quanto meno si sentisse parte della comunità LGBT.  E qualcuno del mondo arcobaleno avrebbe invitato Mila a “rimuovere la bandiera LGBT + dai suoi account social: “Chiaramente non hai l’apertura per far parte di una comunità che sostiene l’amore e l’accettazione! Non fai alcuno sforzo per capire l’altro e ai miei occhi sei come un omofobo tranne che sei islamofobo (…)”. E pare che altri messaggi simili le siano stati inoltrati.

Così, mentre l’Occidente progressista si è proclamato campione di laicismo, cosmopolitismo e femminismo ci troviamo nel bel mezzo di scontri violenti che avvengono nelle metropoli dove la comunità islamica ha replicato le strutture valoriali dei paesi d’origine. Ma senza il giusto contraddittorio. E scopriamo che l’omofobia, quando esiste, è un peccato ad esclusiva dei bianchi, dei cristiani e degli occidentali. E soprattutto che sì, va bene tutto, tranne criticare l’islam.

Non è la prima né l’ultima volta che qualcuno viene minacciato di morte perché ha criticato l’islam, – in Francia la stampa dimostra di non essere neanche più sorpresa -, e il caso Mila non è di certo aneddotico. Rientra solo nel jihad culturale che gl’islamici hanno intrapreso circa trent’anni fa contro la libertà di espressione e di costume degli occidentali.  A volte bastano i tribunali, altre occorre un attentato o una minaccia perché ciò che li fa arrabbiare venga messo a tacere.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
183 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Orlo
Orlo
30 Gennaio 2020 14:57

L’articolo nn si discosta da una certa linea di “destra” che si regge a bordone con quella di “sinistra”. La stessa cosa avviene in Francia. Ciò che è successo alla sedicenne è nato come atto di bullismo di un misogino che,dopo che la giovane francese l’ha cassato definitivamente,ha messo in campo il “suo” dio. La giovane ha dato sfogo alla sua indole di occidentale secolarizzata e gliele ha cantate di santa ragione. La procura sta indagando sulle minaccie di morte e nn tarderanno le scuse delle mezzeseghe adolescenti da indirizzare sulla retta via. Mancando,nell’articolo,uno straccio d’analisi e pezze d’appoggio per meglio comprendere ciò che il fatto potrebbe portare nel dibattito pubblico slegato dal mero rafforzo del propio fortino d’appartenenza,posso cercare di instillare un barlume di speranza. Ciò che ci propina il tal fatto potrebbe interessare la visione iperfaziosa in cui l’occidente parrebbe avere intrapreso seguendo le vie tracciate dal “nemico”. Ci stiamo dividendo come le tribù arabe,chiudendoci in un recinto sempre più stretto in cui l’individuo resterà l’unico scopo. Essere parte di una comunità(neonazi,lgbt,etnica,ect…)ti rende parte di un tutto che riconosce soltanto un’altra comunità come pari grado. Nella tua comunità cerchi la tua affermazione e nel web le tue filter bubbles da cui parti all’attacco di coloro che cercano l’inclusione su basi multilivello. Le si apprezza se nn si ergono… Leggi il resto »

Sal
Sal
30 Gennaio 2020 14:38

Ma uno che si chiama Sal Demente può scrivere post in un mondo civilizzato?

gianfranco benetti longhini
gianfranco benetti longhini
29 Gennaio 2020 20:47

RIGUARDO RELIGIONI! Quando ero giovane, sentii mio padre dire “Se non ci fossero religioni, bisognerebbe inventarle”; allora studiai l’importanza delle religioni, e posso dire che capii che tutte erano create per rendere armonia e tolleranza fra i loro cittadini con un comportamento di rispetto altrui, ma forse più importante anche con un occhio alle esigenze del loro ambiente, per esempio nella dieta, (il maiale nei paesi freddi è meno nocivo che nei paesi caldi privi di refrigerazione), anche l’effetto negativo sul comportamento individuale dell’alcool (parola che viene dall’arabo) quando fa caldo, e pure la scelta dell’abbigliamento necessario nel deserto con le estremità di temperature fra il giorno e la notte, per le frequenti tempeste di sabbia, o il pericolo di melanoma cutaneo se una persona è carente di melanina. Ogni religione dovrebbe rispettare le altre, e la tolleranza non può essere in senso unico. Nel passato, le religioni erano in armonia accettabile in molte nazioni. Cosa cambiò? Basta leggere il comportamento nel passato della chiesa cristiana. Una persona saggia mi disse che i problemi in gran parte sono creati dalle religioni monoteiste, nonostante dicono che DIO è unico! In Arabia Saudita non permettono chiese cristiane o la pratica della loro religione in case private, e non permettono ai non musulmani di entrare a Mecca, con una segnaletica molto prima di… Leggi il resto »

gianfranco benetti longhini
gianfranco benetti longhini
29 Gennaio 2020 20:32

Per coloro che capiscono discretamente il parlato Inglese, consiglio di collegarsi a questo LINK

https://yt2fb.com/video/the-death-of-europe-with-douglas-murray/?fbclid=IwAR2DFa5gGns67AKs790tFM_SpHmAE0uPPx4xHlGtFvahsc8cnA26XgMYH24

Buon divertimento, ma avviso che è “per persone che sono con idee larghe”.

Giovanni
Giovanni
29 Gennaio 2020 16:20

C’è una gerarchia anche nel politicamente corretto e in essa l’ossequio all’islam viene prima di quello all’LGBT.

Andrea Salvadore
Andrea Salvadore
29 Gennaio 2020 16:10

Questa çi da la dimostrazione di quano sia globale l’ignoranza. Da una parte i non mussulmani che sono ancora ammalati dei pregiudizi sessuali dei loro padri e dei loro nonni. Dall’altra abbiamo mussulmani che invece di invocare il Corano seguono la Sunna , anzi ce nesono quattro,in veritá ce sono molte altre, ma senza autoritá, A loro succede quello che é comune a tutte le religioni che é il codice di comportamento terrestre creato da quattro Imam chenno redattato codici di condotta contenenti il maggior numero di frasi concordanti attribuite a Maometto.A loro succede quello che é comune a tutte le religioni, gli ebrei consultano il Talmud. i commenti dei rabbini e non il Pentateuco, i cristisni i vari Catechismi i Dogmi le parole del Papa, in pino sviluppo, duemila anni dopo, le lettere degli apostoli e dei padri della Chiesa, in gran parte false, invede dei quattro vangeli canonici e di quelli non canonici. Per quello che riguarda la Sunna la stragrande maggioranza dei mussulmani ignora quale delle quattro versioni sta srguendo e che la Sunna ebbe come scopo di coniugare la vita quotidiana con frasi isolate,” hadit” attribuite a Maometto e basate sui costumi dei paesi arabi del settimo secolo dopo cristo e di cui esistette una vera inflazione che condusse i “dottori a fare una scelta. Questo… Leggi il resto »

Dino
Dino
29 Gennaio 2020 15:39

L’islam non ha posto in Europa. Bisogna metterlo fuori legge in quanto incompatibile con le nostre leggi, la nostra cultura e la nostra mentalita’. O si convertono ad altre religioni, o se ne tornano ai paesi loro (che, evidentemente, preferiscono al punto da volerli ricreare anche nei paesi degli altri).

Sal
Sal
29 Gennaio 2020 15:25

Oltre 6 milioni le donne vittime di violenza in Italia, e in 8 casi su 10 (contro i 6 su 10 a livello globale) queste donne muoiono per mano di un partner, ex partner o familiare.