Commenti all'articolo La “nuova normalità” di Speranza: Stato d’emergenza senza emergenza

Torna all'articolo
guest
127 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Rizzi
Rizzi
6 Novembre 2021 11:35

Da diversi mesi il 99% dei tamponi effettuati risulta negativo, e il 96% dei posti in terapia intensiva è libero. Negli ultimi giorni, non mi pare che le percentuali si siano sostanzialmente modificate, benché le fonti ufficiali e i media si arrampichino sugli specchi per creare allarmismo. Sarebbe questo lo stato di emergenza da prorogare all’infinito? Purtroppo disporre di poteri straordinari fa troppo comodo perché ci si possa rinunciare.

stefano.f
stefano.f
5 Novembre 2021 20:36

Povero malinconico bolscevico pagato da tutti i contribuenti italiani oltre 30 k al mese oltre benefit e quant’altro. Contenti? Andate a votare li )))
Andate andate che tanto alle prossime se nel durante qualcosa non va poi decide il pdr non eletto e tutti a casa per la terza volta…

Franco M
Franco M
5 Novembre 2021 15:09

Non si potrebbe pensare a una protesta “comoda”, tipo: spegnere tutti gli apparecchi elettrici a mezzogiorno di una certa domenica o ritirare tutti 500 euro dal bancomat nello stesso giorno?

marco
marco
4 Novembre 2021 23:03

L’ossimoro vivente che sta al ministero della salute deve togliersi dalle palle, altrimenti l’emergenza non finirà mai. Il problema è soprattutto lui. In Gran Bretagna hanno tolto di mezzo con uno scandalo il ministro della salute chiusurista e subito dopo sono tornati alla normalità. Da noi non si può fare?
NO all’emergenza perpetua
NO alle chiusure
NO al bavaglio, in tutti i sensi
NORMALITA’ subito per tutti , senza se e senza ma.

Dario Bellocchi
Dario Bellocchi
4 Novembre 2021 21:57

La vera emergenza è avere un ministro comunista come Speranza tanto incompetente quanto cialtrone che ha ancora il coraggio di parlare.

Frank
Frank
4 Novembre 2021 16:20

In Italia, la durata dello stato di emergenza di rilievo nazionale non può superare i dodici mesi, ed è prorogabile per non più di ulteriori dodici mesi (art. 24 del d. lgs. 1/2018).