La “triste” vita di un benefattore

Come di consueto, negli ultimi giorni dell’anno, Bloomberg pubblica il dato consuntivo di quanto siano aumentati i patrimoni dei 500 uomini (ci sono anche donne, ma nessuna nella primissima fascia) più ricchi del mondo. E io, nel mio piccolo, ci scrivo ogni anno un Cameo. Scopriamo così che, in un anno, i patrimoni di costoro sono cresciuti del 25%, avendo guadagnato 1.900 miliardi $, poco meno del debito di 60 milioni di sciamannati italiani. Ecco i numeri dei big five: Jeff Bezos 116, Bill Gates 113, Bernard Arnault 105, Warren Buffet 89, Mark Zuckerberg 79. Chi stila la classifica, pensa te, Michael Bloomberg ne ha 56, quindi è affidabile. Il pericolo per costoro? Da ricchi diventare riccastri. Come evitarlo? Facendo carità seppur “pelosa”. (chi vuole approfondire digiti “carità pelosa”, ci trova un mondo affascinante).

Invito quel manipolo di economisti esaltati che mi scrivono ogni anno per polemizzare con me sul merito di quei patrimoni, di non farlo, tanto io non rispondo. E poi, sono abbastanza vecchio e scafato per non cadere nelle loro fanciullesche trappole comunicative. Mai mi permetterei di fare alcun commento sui patrimoni di sociopatici di successo, tengo nipoti. Costoro sono talmente lontani dal mio mondo che provo pena per loro. Non per i quattrini che posseggono, non per come li hanno fatti, ma di come dev’essere triste la loro vita di benefattori. Penso ad esempio al povero George Soros, al quale va tutta la mia simpatia umana per gli insulti che riceve in ogni parte del mondo. In fondo, la sua “carità pelosa” auspica solo una società “aperta”, mica “chiusa”.

Penso al povero Bill Gates costretto a passare la vita alla disperata ricerca di dare in beneficenza parte di questi soldi. Nel mondo magico del Ceo capitalism, il modello economico, politico, culturale che vi è sotteso è talmente geniale che ha preso il sopravvento sui gestori. Ecco come funziona il modello “Il tuo patrimonio aumenta a tua insaputa, e senza che tu faccia assolutamente nulla perché ciò avvenga”. Sarebbe come se un operaio a 67 anni, il primo gennaio, andasse in pensione e il 31 dicembre si trovasse la pensione aumentata del 25%. Questo è il dramma di costoro, l’arricchimento automatico, a loro insaputa. Ovvio che sia l’orgoglio, sia la loro sensibilità umana ne siano colpiti.

Torniamo a Bill. Per lui fu imbarazzante quando volle regalare 100 milioni di galline ai boliviani poveri, ricevendo l’immediato disprezzo del Presidente Evo Morales che lo considerò un affronto a un Paese che è ai vertici mondiali del rapporto polli/umani. A gioco lungo, mal gliene incolse (a Morales, of course), tre anni dopo sarà deposto e ora è esule in Messico.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Condividi questo articolo

Un commento

Scrivi un commento
  1. Stiamo parlando dei soliti khazari askenaziti sionisti che comandano il mondo…che dicono che il loro Messia giungerâ quando il cristianesimo e i cristiani saranno eliminati dalla terra…e per questo investono soldi affinchè accada…

    E stupidi noi che gli diamo tutto questo potere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *