Commenti all'articolo La virologa cinese: “Il virus è stato creato in laboratorio”

Torna all'articolo
Avatar
guest
38 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
l
l
5 Ottobre 2020 18:08

eh ti pareva!!!!!!!!!!!!!!!. lucero

Franco Maloberti
Franco Maloberti
5 Ottobre 2020 8:49

Per curiosità ho cercato su Scopus. Ci sono tre Yan, Limeng: dell’università of Hong Kong con 5 documenti e h-index 3, dell’ Zhujiang Hospital di Guangzhou, 4 documenti h=3, Langfang Yanjing Vocational and Technical College, 1 documento h=0.

marcor
marcor
4 Ottobre 2020 17:46

Si sapeva già.

Giorgio
Giorgio
3 Ottobre 2020 10:50

Anche a me questa giovincella mi puzza di CIAticcio………..

Giorgio Colomba
Giorgio Colomba
3 Ottobre 2020 10:37

Più segreto di Pulcinella, che sconvolgente rivelazione. Alla quale, va da sé, i gazzettieri di regime hanno sempre brigato per evitare la doverosa risonanza mediatica. Ma anche solare conferma della multiforme eziopatogenesi clinica del Comunismo: non è solo un cancro, ma anche un virus.

Luca
Luca
3 Ottobre 2020 8:06

Li-Meng Yan è diventata una delle più strette collaboratrici di un miliardario cinese, tale Guo Wengui, riparato nel 2014 negli Stati Uniti per sfuggire all’arresto da parte della polizia cinese a seguito di varie accuse, quali «corruzione, sequestro di persona, riciclaggio, frode e stupro».
Nella breve biografia della ricercatrice, open.online scrive: «Li-Meng Yan , del tutto sconosciuta fino al 14 luglio 2020, quando per la prima volta è stato postato il suo nome su wikipedia, è diventata nota al pubblico solo a seguito della pandemia.
Insomma, una marionetta costruita dai sodali di Trump per alimentare la tesi del «virus cinese», smascherata e fatta a pezzi dal web, dove molti siti, ormai, danno la paga ai giornaloni e a chiunque pretende di governare con le fake-news.