in

Le 6 malattie sociali aggravate dal virus

Dimensioni testo

Il virus è una bestia davvero feroce che distrugge con facilità alcuni dei nostri dogmi conclamati. Alcune verità scomode, che per anni abbiamo sepolto, adesso emergono con durezza. Quali sono queste asimmetrie esasperate dal virus?

1. I garantiti contro i non garantiti.

Tema sempre presente nella società italiana dove l’equilibrio era dato dal maggiore reddito dei non garantiti ( e anche da una certa sbagliatissima immunità fiscale). Ora, Il reddito sparisce di colpo e l’immunità fiscale senza redito non vale nulla. Esplode il conflitto perché sono i non garantiti che generano tasse per pagare i garantiti, e… i non garantiti scendono in piazza. Onestà vorrebbe che l’immunità fiscale sparisse per sempre e il sistema delle garanzie venisse rivisto al ribasso coerentemente  con il XXI secolo , ma questa operazione richiede ben altro spessore rispetto all’attuale governicchio che peraltro è espressione pressoché unilaterale dei garantiti, quindi per definizione inadatto a cercare una nuova difficilissima ma indispensabile sintesi.

2. La politica di breve termine contro la visione del paese.

I nostri politici negli ultimi 30 anni hanno privilegiato i prossimi 6 mesi ai prossimi 10 anni con risultati evidenti. Nessuna visione del paese e una costante campagna elettorale su temi populisti ed emotivi. Crescita zero, debito altissimo, produttività zero. Il virus porta 300 miliardi di debiti in più e decreta ipso facto la fine della possibilità di continuare così. Bisogna crescere, pena l’inferno del default. Ma si continua invece a pensare di spendere, spendere. E spendere nell’illusione che tutto torni come prima. Non sarà così. Dall’anno prossimo il vincolo del deficit sarà un cappio molto stretto e bisognerà spiegare che per difendere sanità, istruzione e welfare, bisogna crescere e anche alla svelta con tutte le medicine molto amare che l’imperativo della crescita (privata perché crescere a debito con lo stato elemosiniere non si può più fare) comporta per una visione del mondo anti impresa e anti crescita (la decrescita felice che diventa il default annunciato).

3. La burocrazia contro l’efficienza nella  gestione dello stato.

Tutti ci siamo sempre lamentati della burocrazia e tutti ci siamo nel tempo assuefatti ad essa come buoni eredi dei Borboni e della decadenza dell’impero . Abbiamo imparato a districarci sia pur con mille lamentele nella burocrazia e nell’inefficienza del nostro stato. Il virus devasta tutta questa visione. La burocrazia e l’inefficienza quando costa vite umane per mancanza di strutture, per la risposta tardiva , per i banchi a rotelle diventano  insopportabili. Da domani voteremo chi ci convince di essere capace di gestire, stato, scuole, sanità e realtà locali non più chi si fregia della “benedizione”  del partito.

I più svegli lo hanno già capito e con i prossimi candidati sindacI vedremo esponenti della società civile e non dei partiti. E da lì il passo sarà brevissimo e sarà “ ma allora cosa ci servono i partiti anche a Roma?” Perché il massimo dell’efficienza della gestione serve a Roma. Le prossime elezioni politiche saranno uno sconvolgimento assoluto e l’attuale classe dirigente verrà spazzata via a partire dai 5 stelle espressione massima dell’incompetenza, ma molto realisticamente lo tsunami colpirà anche il pd e la lega se non saranno rapidamente in grado di adattarsi al nuovo mondo.

4. La salute contro l’economia.

Ne abbiamo sentito parlare per mesi e il partito dei benpensanti ci ha detto che non si può avere economia senza salute. Giustissimo. Il problema però, adesso, diventerà molto meno facile da declamare in belle interviste perché il virus passerà o perché la seconda ondata si esaurisce pressoché da sola come tutte le seconde ondate (che è l’opinione di chi scrive alla luce dei numeri), o perché i vari lockdown avranno effetto o perché a brevissimo vaccino e monoclonali arrivano davvero. Da lì in poi però la convivenza con il virus, che anche con il vaccino non sparisce e viene solo ridimensionato nella crescita, diventa giornaliera e le ragioni dell’economia “di convivenza con il virus” saranno esplosive.

Qui scoppierà l’ennesima contraddizione di cui vediamo già i primi albori. Meglio chiudere in modo aggressivo ogni rischio di terza ondata anche a costo di limitare l’attività economica o si può prendere qualche (modesto) rischio? Quindi, quelli che oggi dicono non c’è economia senza salute solo per non affrontare la scelta, saranno COSTRETTI a scegliere e lo faranno con l’asimmetria del politico, che vede il rischio sanitario come catastrofale domani mattina e il rischio economico come invece di medio termine, quindi irrilevante.
Così facendo si esporranno alla rabbia sociale di chi, invece, con buon senso e non dovendo essere rieletto, vorrà scelte coraggiose, trasparenti e motivate numericamente accelerando ancora di più il ricambio della classe dirigente

5. I giovani e gli anziani.

Per anni abbiamo sentito i politici dichiarare che i giovani sono importanti. Salvo poi fare tutto il contrario. Quota 100 è un trasferimento di risorse pesantissimo a favore di pochi privilegiati e a danno di una generazione. Lo stesso, il reddito di cittadinanza. Anche qui il virus farà giustizia e anche alla svelta. Invece di continuare a DICHIARARE di essere pro giovani e di COMPORTARSI pro anziani (che sono 17 milioni e votano in massa a differenza dei giovani che sono 5 o 6 milioni e votano in percentuali molto inferiori), la crisi renderà esplicita la difficoltà dei giovani a trovarsi un lavoro (acuita in modo estremo dal blocco dei licenziamenti per 1 anno).

La crisi renderà ancora più esplicita la bomba demografica su cui siamo seduti con un drammatico crollo delle nascite per l’incertezza del lavoro e delle prospettive dei giovani come l’Istat ha già segnalato. A quel punto non si potrà parlare bene e razzolare male. Bisognerà pensare DAVVERO ai giovani, favorire in tutti i modi le nuove famiglie e creare un clima di maggiore sicurezza per riportare la natalità a livelli di stabilità (siamo a 1,3 figli per donna e bisogna arrivare a 2,05. Una strada infinita). Questa necessità inevitabilmente comporterà anche, al margine, trasferimento di risorse dagli anziani ai giovani. Una specie di anatema impronunciabile nel nostro sistema politico (“le pensioni non si toccano”), ma anche qui i dogmi sono stati terminati con brutalità dal Covid, che è assolutamente cieco e non è cresciuto con 30 anni di dogmi indiscutibili.

6. Incompetenti popolari e populisti (1 vale 1) o il governo dei migliori?

Finora in tutto il mondo occidentale abbiamo visto 10 anni di crescente incompetenza e populismo al potere. Trump, Boris Johnson, i 5 stelle ma anche Afd in Germania e Le Pen in Francia sono tutte facce della stessa medaglia. La ricerca di soluzioni semplici e immediate a problemi complessi. C’è chi è molto incompetente ( i 5 stelle) e chi molto populista (Trump e Boris Johnson) e quindi i danni sono molto maggiori in Italia (purtroppo) che in Usa o in Uk. Ma in tutti i casi è la data X è il 3 novembre con le elezioni Usa. Da lì in poi l’onda avrà il suo naturale riflusso e il mondo occidentale, per difesa della propria sussistenza, diventerà quasi aggressivo con gli incompetenti trasformandoli in capri espiatori e condannandoli all’irrilevanza se non peggio.

L’altra data chiave sarà l’accordo Brexit che alla fine Boris Johnson sarà costretto a fare e infine le elezioni italiane del 23 (al più tardi) che segneranno l’inizio di un’era totalmente nuova nella politica di un grande paese occidentale.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
10 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
rosario nicoletti
rosario nicoletti
5 Novembre 2020 15:55

Una serie di vaniloqui divisi per argomento. Servono ad imbrattare la carta (od a occupare spazio nel WEB) ma lasciano il tempo che trovano.

Nico TANZI
Nico TANZI
4 Novembre 2020 21:59

Una riflessione non sull’articolo ma sull’immagine di presentazione: è riportata la fotografia di una provetta sulla cui etichetta si legge chiaramente “COVID 20119 POSITIVE”, ovvero “test di positività al COVID 2019”.
Primo errore: il termine COVID 2019 non esiste: al limite dovrebbe essere COVID-19.
Ma c’è di più in quella che appare come una semplice etichetta:
C’è una menzogna che parte da lontano: il test si fa per accertare la positività al SARS-COV-2 e NON AL COVID-19 (semmai “alla COVID-19”, visto che in italiano ‘malattia’ è un sostantivo femminile).
La menzogna genera ed alimenta l’equivoco POSITIVO (al SARS-COV-2) = MALATO (di COVID-19) su cui si basa il terrorismo mediatico ed istituzionale di questi mesi sciagurati.
Altra terminologia errata: “IL Coronavirus” riferito al SARS-COV-2. Si dovrebbe dire UN Coronavirus, oppure IL NUOVO CORONAVIRUS, visto che di questi Coronavirus se ne conoscono sette, se non erro.
Siccome nulla è fatto mai per caso, ritengo che ci sia pura e semplice malafede.

Giovanni Barbisotti
Giovanni Barbisotti
4 Novembre 2020 21:46

Una predica dal pulpito . Devi ascoltare e fine

aac
aac
4 Novembre 2020 20:51

naaaaaaaaaaaaaaaa l uomo e’ schiavo da sempre le malattie se non sei re di te stesso sono tutte quelle conosciute

stefano
stefano
4 Novembre 2020 20:38

Ma parliamo degli aiuti economici alle imprese,per adoperare il termine giusto. Sembrerebbe anzi è,che al senato abbiano evidenziate serie problematiche di coperture riguardo a quelli precedenti….quindi,entro il 15 novembre non arriverà proprio un bel nulla!!!

Flavio Pantarotto
Flavio Pantarotto
4 Novembre 2020 19:39

Non le considero puttanate. Nel finale è aria fritta, con nomi bruciati da tanti compromessi, ma la prima parte era buona, dài.
#
Quanto al Rinascimento, spero si intendesse RISORGIMENTO.
Che fece saltare qualche testa, poche in verità, siamo mica francesi.
Mi spiace però trovare zero futurismo in questi articoli: si osserva l’oggi da punti di vista personali, qui si critica chi non guarda dieci anni avanti, ma mancano le ipotesi, le proposte, le idee che possano trascinare.
Il sogno più lontano, per eletti ed elettori, arriva fino alla prossima chiamata alle urne. Triste.

mikepz
mikepz
4 Novembre 2020 18:32

non pensavo di leggere ste puttanate sul sito di porro