in

Le mascherine a 50 centesimi? Un’imposizione che avrà conseguenze

La lettera di un piccolo imprenditore del Veneto al governatore Zaia

Dimensioni testo

Ascoltate le urla di dolore di un’economia che muore, in cui un impasto di burocrazia e inettitudine governativa sta distruggendo la nostra società. A proposito del blocco prezzo delle mascherine, ecco una lettera di un imprenditore al governatore del Veneto.

Caro Nicola, ho piacere di girarti la lettera aperta che ha inviato questa mattina mio marito al governatore Zaia:

Egregio Dott. Zaia, sono un piccolo imprenditore veneto che 2 mesi fa, su vostro appello si è convertito alla produzione di mascherine chirurgiche di fascia uno, regolarmente marchiate CE e omologate dal Ministero della salute (la mia azienda prima del virus produceva intimo e costumi da bagno). Abbiamo acquistato con pagamento anticipato le materie prime e abbiamo, giustamente, pagato a vista i laboratori che le hanno confezionate; non ho messo nessun dipendente in cassa integrazione proprio per non far pesare loro le eventuali attese dello stipendio e per l’orgoglio di far lavorare i miei 35 dipendenti, mantenendo loro lo stipendio e chiedendo loro e ottenendo una riconversione delle loro mansioni (chi ha girato giorno e notte col furgone, chi ha imbustato, chi ha tagliato fili, chi ha preparato scatoloni per la merce in spedizione ecc… )

Abbiamo speso somme rilevanti per l’ottenimento delle certificazioni e ci siamo attrezzati per mettere l’azienda in sicurezza. Abbiamo venduto le mascherine a 1 euro + Iva; tenga presente che il costo industriale delle mascherine si aggira attorno ai 65 centesimi. Abbiamo fatto molte donazioni sul territorio e i margini acquisiti li abbiamo “investiti” per pagare stipendi, contributi e fornitori pregressi (facenti parte della merce bloccata in magazzino perché mai ritirata dai clienti) senza fare nemmeno un insoluto. Bene, stamattina ci svegliamo con l’ordinanza del Dott. Arcuri.

Caro Luca inutile commentarla e dirle che la cosa è addirittura grottesca e che va contro a tutte le leggi commerciali, etiche e morali esistenti, spero solo che lei intervenga affinché quello che era diventato un salvagente per qualche piccola azienda non diventi la sua fine. E non solo per le aziende ma anche per le persone che non troveranno più una mascherina in giro nell’arco di 2 settimane. Per il resto preferisco non aggiungere altro Dott. Zaia, poiché ho un grande rispetto per la sua intelligenza e mi auguro che presto sia Lei a prendere in mano questo paese.
La saluto cordialmente.

Marika Pittarello, 27 aprile 2020