in

Le mosse dei centristi mentre Conte sale al Colle

binetti governo conte
binetti governo conte

Dimensioni testo

Mentre Giuseppe Conte sale al Quirinale per rassegnare le dimissioni, in Senato i centristi dell’Udc passeggiano e si confrontano. Cosa fare? Come comportarsi quando saranno ricevuti dal Colle? Paola Binetti e Antonio De Poli, senatori dell’Udc, ragionano sul da farsi. Entrambi si trovano nella sala lettura del Senato e parlano fitto fitto. Binetti è pronta a immolarsi anche alla causa perché, spiega, “bisogna dare un governo a questo Paese”. De Poli è assai restio perché essendo del Veneto – un tempo regione bianca, oggi leghista – avrebbe un accordo di massima per un collegio in quota centrodestra.

Eppur qualcosa si muove. Perché i centristi sono sì tirati per la giacca da una parte e dall’altra ma alla fine la linea Binetti potrebbe essere il punto di caduta. Per un governo con Conte? Agli amici Binetti avrebbe confessato parole di questo tenore: “Non è il momento dei veti”. E ancora: “Sarebbe ideale se ci fosse anche un coinvolgimento di Forza Italia”. Il Cavaliere ha aperto le porte alle larghe intese ma appare assai vincolato alla coalizione. A meno che, sussurrano alti dirigenti, “Salvini non gli dia il via libera”. Un po’ come nel 2018 fece il leader di Forza Italia quando disse a Salvini: “Ti do il lasciapassare per fare il governo con i grillini. Ma devi stare attento…”

Antonio Russo, 26 genniao 2021

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
8 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
ancoraparli
ancoraparli
26 Gennaio 2021 20:52

Il Piddino parte ter

ma ste dimissioni alla luca brasi come le vedete? “digli a mattarella che non ti trovi più bene con la famiglia renzi, che vuoi cambiare, e vedi che carte tiene in mano…” questo più o meno il tenore del discorsetto dei consigliori pentapiddini. per me finisce coi pesci pure questo. 10 a 1 che si sono già messi d’accordo per farlo fuori, perchè impiccarsi con 3-4 ciampolilli di scarto al senato e rischiare l’osso del collo a ogni fiducia quando puoi avere tutto il cucuzzaro centristra, berlusca compreso, con un altro che mette d’accordo tutti e di certo chiunque sia sarà di sicuro meno peggio di lui? secondo voi i 5 stelle rischiano lo stipendio per il suo bel ciuffo? ma ancora date retta a di maio e ai suoi terzultimatum “o conte o morte”? ma falla finita a ri-di-co-lo!! che voteresti pure borghezio sindaco di pomigliano pur di non tornare a vendere bibite!

German
German
26 Gennaio 2021 16:36

Il mio non vuol essere un commento, ma una constatazione: i centristi rappresentano il peggio, del peggio della politica all’italiana, sempre pronti a vendersi al migliore offerente. Le chiamerei: le “zoccole” della politica

Gianluca
Gianluca
26 Gennaio 2021 15:15

E questa sarebbe la Terza Repubblica, ove vengono riesumati i senatori a vita e pure questi qui, le Binetti e i Tabacci che tutti credevamo morti. Stamane in TV presenziava Gaetano Quagliariello, ex-radicale abortista e antinuclearista poi passato al PRI e quindi a Forza Italia, da cui è uscito per unirsi agli alfaniani, da cui è uscito per fondare altri quattro o cinque micro-raggruppamenti centristi dai quali è uscito per rientrare in Forza Italia, come “indipendente”. Trasmigrare è indipendente dalla sua volontà, a sentirlo parlare, sembrava disponibile, a tutto.

Albert Nextein
Albert Nextein
26 Gennaio 2021 14:51

I DC si buttano a capofitto nell’inghippo.
E’ nel loro Dna.

Fabio Bertoncelli
Fabio Bertoncelli
26 Gennaio 2021 14:31

Se Fanfani fosse ancora vivo, si potrebbe nominarlo presidente del Consiglio. Sarebbe un notevole miglioramento rispetto al presente.

max
max
26 Gennaio 2021 13:30

…una volta si votava….ma era tanto tempo fa….

Jimbo
Jimbo
26 Gennaio 2021 13:09

Il centrismo sta bene su tutto.