Commenti all'articolo L’eccezione italiana: Puigdemont in carcere, i criminali in libertà

Torna all'articolo
Avatar
guest
36 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
ubihe.2013@gmail.com
26 Settembre 2021 16:44

Sicuro, si mettono, i giudici, al riparo di eventuali azioni dei 4 gatti che vogliono l’indipendenza del Veneto: roba da matti!!!

Marieta
Marieta
25 Settembre 2021 17:48

Vorrei anche chiarire alcuni punti:

1. La Catalogna non è mai stata un Paese, faceva parte dal Regno di Aragona.

2. Il referendum di ottobre 2017 fu completamente illegale, gestito solo da indipendentisti e senza nessuna garanzia democratica, con molte persone che hanno votato più volte e senza registro legale.

3. Nelle elezioni catalane a dicembre 2017 i partiti indipendentisti hanno vinto per seggi ma non per numero di voti. Il voto non è uguale nelle diverse province. Un seggio a Lleida costa 21.000 voti, a Barcellona 38.000 voti. Il numero di persone che hanno votato per i partiti contro l’indipendenza è stato superiore.

Marieta
Marieta
25 Settembre 2021 17:47

Prima di tutto un saluto dalla Catalogna di una catalana spagnola molto vicina a l’Italia che non è favorevole al movimento indipendentista ma che non è neanche contraria in modo viscerale.

Condivido una riflessione: quello che è successo in Sardegna ha fatto uscire Puigdemont dal mediocre oblio in cui era sprofondato da un bel po’ di tempo (non se ne parlava più di lui). Proprio nel momento in cui inizia un processo di dialogo tra il governo centrale e il governo catalano, ora in mano ai comunisti indipendentisti (il partito di Puigdemont è indipendentista ma di destra e si contendono il potere). Tanto meno è un fatto curioso.

Marieta
Marieta
25 Settembre 2021 17:12

Prima di tutto un saluto dalla Catalogna di una catalana spagnola molto vicina a l’Italia che non è favorevole al movimento indipendentista ma che non è neanche contraria in modo viscerale.

Condivido una riflessione: quello che è successo in Sardegna ha fatto uscire Puigdemont dal mediocre oblio in cui era sprofondato da un bel po’ di tempo (non se ne parlava più di lui). Proprio nel momento in cui inizia un processo di dialogo tra il governo centrale e il governo catalano, ora in mano ai comunisti indipendentisti (il partito di Puigdemont è indipendentista ma di destra e si contendono il potere). Tanto meno è un fatto curioso.