Libertà e paura sono i due poli della nuova realtà (Massimiliano Lenzi)





Condividi questo articolo


Massimiliano Lenzi è uno dei pochi giornalisti che ha combattuto da toscanaccio quale è la battaglia di libertà contro il giornale unico del Coronavirus, durante il periodo del lockdown. Lo ha fatto sin dal primo momento e grazie a quello spirito libertario di Franco Bechis, dalle colonne del Tempo. Ne è uscito un libretto che consiglio: Shining Italia. La libertà contro la paura. Il senso di fondo lo si può ritrovare nelle prime pagine, la libertà contro la paura, secondo Lenzi è il nuovo e tragico bipolarismo globale per le democrazie liberali che il Covid si è portato con sé. A quante delle nostre libertà siamo disposti a rinunciare? Quante ne abbiamo già perse? Da sempre, ce ne siamo dimenticati, le libertà hanno un prezzo.

Per questo nella quarta di copertina il giornalista e autore televisivo ho scelto una frase di Curzio Malaparte. «La libertà costa cara. Molto più cara della schiavitù». Quanto al titolo, Shining Italia, è una citazione esplicita al film di Jack Nicholson che racconta il peggiore degli incubi. Un uomo di talento che perde la ragione. Non tutti, evidentemente, l’hanno persa. E alcuni di loro sono intervistati proprio da Lenzi nel suo libro: delle perle nel deserto del conformismo sanitario di quelle ora. Da Giuseppe de Rita a Giorgio Agamben, da Massimo Cacciari a Sabino Cassese.

Quello di Lenzi è un continuo rincorrersi di riferimenti storici e letterari. Perché la libertà si deve mantenere e corre sempre un grande rischio. Quello di Carlo Levi che nasce dalla paura, «la paura della libertà, quella che ha generato il fascismo. Per chi ha l’anima di un servo, la sola pace, la sola felicità è nell’avere un padrone». Ma c’è anche chi per la libertà, in questo caso negata, si uccide: «Libertà va cercando, ch’è sì cara, come sa chi per lei vita rifiuta» come scrive Dante, quasi giustificando, piazzandolo in purgatorio, chi si è ucciso per avere visto la propria libertà politica soffocata.

Il libro di Lenzi è una grande denuncia, più politica che tecnica, di quanto abbiamo vissuto in quei mesi degli arresti domiciliari. Ha colto il senso più intimo di quella tragedia politica: che non è solo quello partigiano delle cose giuste da fare, ma soprattutto quello liberale di ciò che non si sarebbe dovuto fare.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


9 Commenti

Scrivi un commento
  1. La paura, purtroppo, è sempre stata l’arma più efficace per togliere le libertà, perché chi ha paura cerca un paladino, un difensore e si mette nelle sue mani.
    E, purtroppo, di persone che non vengono inebriate dal potere ce ne sono poche e va sempre a finire che ci cercava protezione e conforto si ritrova schiavo senza nemmeno accorgersene.
    Una cosa che a me aveva colpito durante il terremoto dell’Aquila era il fatto che le persone non potessero rimettere piede nelle loro case se non scortate dai Vigili, magari anche case che non avevano danni.
    E, soprattutto, che furono cacciate dalla loro città (e qualcuno ci deve, forse, rimettere ancora piede) senza che potessero prendere in mano la situazione e ricostruirla.
    Libertà tolte, libertà a vivere nella propria casa, nella propria città, e in pochi protestarono, solo qualche vecchietto che si lasciare le proprie cose non ne voleva proprio sapere (giustamente!).
    La società moderna ci ha abituato che c’è sempre qualcuno più in alto, più esperto, più saggio che decide per noi, e a noi va bene (a me veramente per niente) perché c’hanno insegnato a fidarci delle istituzioni, di chi comanda, forse ciecamente.
    Chissà forse un giorno si tornerà ad essere veramente liberi, o forse non lo siamo mai stati veramente all’interno di questa società.
    Forse era solo un sogno, come in Matrix.

  2. Libro che senz’altro leggerò.
    Per non perdere del tutto la fiducia negli uomini veri, quelli che non barattano la libertà per una presunta sicurezza, che non si fanno ingabbiare dalla paura.

    Ancora una volta penso alla Servitù volontaria e al “profondo oblio della propria libertà” di De La Boetie.

  3. Le uniche conquiste buttate al vento sono quelle sociali negli ultimi trentanni grazie a quegli idioti che hanno favorito e supportato l’ascesa del nanetto corruttore al potere. Una sinistra ormai filooccidentale e non più filosovietica ha poi fatto il resto. Ma adesso è finita per i vostri porci padroni. La società capitalista occidentale si sta accartocciando su se stessa e la creazione di nuovo ordinamento etico sociale e in atto. La volontà assoluta del proletariato sarà la guida per l’annientamento dello ordine capitalista e dei valori occidentali.

    • Caro il mio Kim, toglimi una curiosità: tu stai combattendo davvero per l’annientamento dell’ordine capitalista e dei valori occidentali?

      Oppure ti stai solo sparando masturbazioni mentali davanti al computer?

    • Se sei un troll hai talento, se ci credi povero te. Tu stati vedendo un sovvertimento dell’ordine mondiale in cui le tue masse proletarie prendono il potere? Sta succedendo esattamente il contrario, il ceto medio si impoverisce, la crisi butta sul lastrico tutti meno che i ricchi, il mercato azionario va bene, quello finanziario del debito in realtà stava scoppiando da prima e qualche complottista sospetta che questo virus sia venuto giusto a fagiolo in modo da addossare al virus la colpa dei soldi bruciati, ovviamente rimarranno col cerino in mano (per non dire col cetriolo in un altro posto) i piccoli, quelli che nell’azionario venivano chiamati il parco buoi, i grandi si sono messi al sicuro, In quanto alle libertà che ti ostini a non vedere perse, anche in quelle c’è nulla di democratico che potrebbe solelticare le tue fantasie, perché non ci sarà mai un plotone di esecuzione per chi non mette la mascherina solo multe sempre più alte e ovviamente i tuoi odiati ricchi se vorranno togliersi uno sfizio la supermulta la possono sempre pagare e se quarantena deve essere sarà nelle loro ville con piscina o nell’attico con vista, mentre le tue amate masse proletarie staranno nel loro appartamento da 50mq (come quello in cui sto io per inciso).
      E se mi stai per dire: ma il mirabolante governo giallo-rosso la stravolgerà questa economia, questo è un governo rivoluzionario! Sì come no, per questo Conte anche se nel paese c’è tanto risparmio i soldi preferisce chiederli all’Europa ed indebitarsi ed incatenarsi pur di accreditarsi ahahahah Auguri eh!

      • Ammirevole il suo intervento. Ma forse non conosce bene il destinatario, uno zombie-troll comunista che copiaincolla sentenze ed anatemi veterocomunisti con l’unico scopo dei troll: insozzare ovunque vadano rilasciando le proprie deiezioni come fanno i piccioni. Tenga presente comunque che l’ I.Q. di Kim é pari a -273, equivalente allo Scemo Assoluto. Per cui la sua articolata risposta alle sue scemenze diventa purtroppo, come s’usa dire, “dare perle ai porci”.

    • Caspita! dopo i tanti profeti naufraghi del collettivismi se ne trova un altro;.

      Un superstite, un povero orfano che ci annuncia di nuovo quel paradiso del proletariato che dopo 70 anni ha confessato il proprio fallimento che, in realtà, è stato un delirio…

      Qualche idealista ogni tanto si trova ancora!

      Qualcuno lo svegli dai suoi sogni…

  4. Ma quali Libetta non ci sono mai state divertente finché un carabiniere un PM un poliziotto decide di rovinarti anche se sei innocente e non puoi difenderti

  5. Hanno messo in mano di bipedi idioti già notevolmente rimbecilliti da televisione…specie di arma termonucleare…internet e social…che si sta rivelando per ciò che è in realtà…una pistola ad acqua…bipedi idioti completamente depauperati propria fisicità animale pronti ad essere completamente soggiogati…impauriti ed incapaci di reagire a fronte pure di peggiori soprusi…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *