Mascherine? Zingaretti pensi a quelle che ha perso

Condividi questo articolo


Nicola Zingaretti attacca Matteo Salvini, mettendolo tra gli “scellerati che si tolgono la mascherina per farsi pubblicità”. Lui, di mascherine, se ne intende: la Regione Lazio ne aveva ordinate da una società che vendeva lampadine, le ha pagate in anticipo e non le ha ancora ricevute – spariti pure i milioni già versati.

Anche Giuseppe Conte s’inserisce nella polemica sui Dpi e attacca i “negazionisti”. Bella tattica orwelliana: si prende un termine che evoca un orrendo stigma per screditare a prescindere chi contesta il regime sanitario. Così, l’uomo che ha propiziato l’inciucio giallorosso per impedire che Salvini prendesse i pieni poteri, alla fine, i pieni poteri se l’è assicurati per sé.

Alessandro Rico, 2 agosto 2020

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


25 Commenti

Scrivi un commento
  1. Discorso troppo di parte di questo giovanotto.
    Mascherina Gate strumentalizzato per la storia dei negazionisti e Salvini.
    FQ ne parla da maggio e Rico si sveglia il 03/08/2020.
    Aperta inchiesta Corte dei Conti.
    Gli unici che portano il virus non sono i migranti. ERRATO.
    Stato d’emergenza non significa pieni poteri, liberticidio, deriva democratica e dittatura. Questo è anche TERRORISMO PSICOLOGICO.
    Ocone il 02 agosto nel descrivere RENZI ha descritto i politici italiani di tutte le RAZZE.

  2. Prima ci liberiamo di questi politicanti inetti, poi ripuliamo la magistratura dalle toghe corrotte e infine dai comunisti !!! solo così l’Italia diventerà una potenza!!!

  3. L’atteggiamento del grazioso odontotecnico zingaro è dato dall’arroganza di sentirsi intoccabile. Per molto meno, nel recente passato alcuni ministri sono stati costretti alle dimissioni.

    • al momento si sentono tutti come “moggi” i comunisti, intoccabili… ma ricordiamoci poi come è andata a finere!! speriamo di arrivare allo stesso epilogo

  4. Su mascherine ed idrossiclorochina, un paio di cose che dedico agli amanti della “scienza” medica e farmaceutica.

    1) Fauci sulle mascherine:
    “Fauci said there are enough “meta-analyses” of existing data showing the efficacy of masks.”
    “I would not want to do a randomized controlled study because that would mean having people not wear masks and see if they do better,” he said.
    https://www.breitbart.com/politics/2020/07/16/dr-anthony-fauci-opposes-controlled-study-effectiveness-masks/

    2) Risch accusa Fauci sull’hcq:
    Fauci “has been maintaining a studious position that only randomized controlled trial evidence has any value,” Risch said, “and everything else he calls anecdotal.”
    Harvey Risch, a noted Yale epidemiologist, has accused White House coronavirus task force member Dr. Anthony Fauci of waging a “misinformation campaign” against the drug hydroxychloroquine, claiming the medication has shown consistently encouraging results in treating COVID-19 when used properly.
    https://justthenews.com/politics-policy/coronavirus/yale-epidemiologist-accuses-fauci-running-disinformation-campaign

    Insomma, situazione imbarazzante come al solito.
    Attendo i soliti soldatini del “non ci sono due pesi e due misure”.

    Ovviamente i giornalai italiani non vi diranno queste cose, così come non vi diranno che in Olanda NON si impongono le mascherine perchè non c’è evidenza che servano:
    https://www.politico.eu/article/as-europe-masks-up-coronavirus-covid19-the-netherlands-dithers/
    “From a medical point of view, there is no evidence of a medical effect of wearing face masks, so we decided not to impose a national obligation,” said Dutch Medical Care Minister Tamara van Ark late Wednesday, after a meeting with health experts and mayors

    Fontana, invece che preoccuparsi delle scemenze che racconta, non si fa mancare neanche l’obbligo di mascherine fino al 10 settembre.
    Se volete una chicca sulla penosa situazione di parte del cdx italiano, ecco un tweet patetico di Stefano Parisi (capirete la verità dai commenti):
    https://twitter.com/s_parisi/status/1289822620150448131
    “Anche ieri a #Berlino stelle gialle con su scritto “non vaccinati”. Un’altra sfilata di antisemiti e complottisti senza mascherina. Quando accadono cambiamenti drastici e difficili da spiegare la colpa è sempre degli ebrei. E della scienza. Altro che libertà. È Medioevo. ”

    Peccato che…
    “Perdoni ma mettere la stella gialla con la scritta ” non vaccinati”, mi sembra stigmatizzare,ed evidenziare, come ,chi rifiuta il vaccino ai nostri tempi ,venga emarginato e marchiato come accadeva agli ebrei .
    L’esatto contrario della sua interpretazione di antisemitismo.”

    Imbarazzante.
    La gente si deve svegliare.

    • Dalle due righe che ha inserito nel testo, deduco questo:

      a. Lei è in malafede, e mi dispiace doverlo dire
      b. Quello che scrive è partigiano quanto quelli che dice di detestare: le ricordo che essere pro o contro non significa necessariamente essere dalla parte del torto o della ragione, e viceversa
      c. Non mi capacito del fatto che non riesca a comprendere perché si può non sposare le teorie ufficiali senza approvare incondizionatamente quelle alternative
      d. Gliel’ho già detto: ambo le parti mentono. Il Guardian dice il falso su certi studi, e la gente ha abboccato al lavoro di Surgisphere, ma allo stesso tempo siti come Swiss Policy Research o lockdown skeptics deformano gli studi per citare solo quello che sposa le loro teorie, tipo citare solo il livello basso dell’intervallo di confidenza della mortalità. Perché devo fidarmi di uno o dell’altro?
      e. James Watson dice meglio di me come la penso sulle clorochine: https://mobile.twitter.com/jwato_watson/status/1288477693340655617
      f. Ripeto: quale dei protocolli è il più efficace? Vogliamo veramente agire alla Di Bella, o, peggio, Vanoni, perché non vogliamo capire come funzionano le cose? Insisto che sarei ben felice se fosse provata l’efficacia (e come dice Watson, servono studi di potenza sufficiente). Ma se così non fosse, amen. Ho visto sufficienti flop in farmacologia da accettare questo fatto
      g. Il dibattito sulla clorochina è solo politico e ha inquinato persino gli studi, che devono per forza provare o confutare ciò che dicono i politici. Citando ancora Watson, rischiamo di non saperlo.
      h. Ribadisco che non sposo nessuna causa e ragiono unicamente con la mia testa. Scrivo qui per fornire informazione che spero sia il più possibile fattuale per permettere poi a chi legge di farsi un’idea propria, non necessariamente la mia.

  5. Rico, politicamente questa crisi rottamerà moltissimi personaggi.
    Il referendum sulla riduzione dei delinquenti presenti in parlamento darà una belle spinta.
    Di certo zingaretti non si è ancora accorto di esser diventato uno zombie politico.
    Non esiste già più, nella sostanza.

  6. @ leo
    Allora, immaginando ciò – chiunque sa che c’è sempre qualcuno che, in momenti così, specula o pianta il “bidone” – uno, prima di sganciare sull’unghia tutti quei soldi (nemmeno suoi…), almeno fa una verifica dell’azienda che, come dice il dott. Rico, faceva tutt’altro…ma tanto, paga Pantalone e Zingaretti (protetto dai suoi sodali) non ne risponde!

  7. Perfinino il pagliaccio biondo sembra cedere sulle protezioni alle vie respiratorie. Il cazzaro lo scimmiotta insieme ai suoi amici negazionisti tentando di trasformare la mascherina in un campo di battaglia pseudopolitico. Qualcuno prova anche a definire quel gesto “disobbedienza civile”. Ridicolo canto del cigno di un perdente nato.

  8. Zinga: guarda la pagliuzza nell’occhio altrui e non si accorge
    della trave nel suo. Detto questo, la faccenda delle mascherine
    è comica se non fossero soldi dei contribuenti, mentre si continua
    con i pieni poteri del nostro capo del governo, criticando altri.
    L’emergenza finirà, allora cosa si inventeranno?

  9. Dilettanti allo sbaraglio. Della serie: che qualcuno lasci fare a chi ne sa. Qualunque imprenditore, ma anche qualunque persona dotata di un minimo buonsenso, sa che al momento di un ordinativo si anticipa solo una parte dell’importo totale e si salda a fine consegna, al fine di evitare ciò a cui è andato incontro lo “scafato” Zingaretti, ossia perdere capra e cavoli. Non ci vuole un genio, figurarsi se a farlo è un improvvisato del commercio, quale ha dimostrato essere il principiante di cui sopra. Ma questi qui, hanno mai vissuto nella vita REALE?

    • Normalmente gli acquisti si svolgono come da lei indicato, purtroppo nel caso delle mascherine, per poterle ricevere, in quel periodo, bisognava presentarsi praticamente con la valigetta dei soldi in contanti. Per questo le truffe sono state innumerevoli.

      • @ Leo: assolutamente d’accordo. Era un periodo in cui acquistare “cash” era l’unica soluzione praticabile, vista l’emergenza, cosa che (come giustamente ha detto anche lei) ha favorito le truffe. Il problema centrale di questo caso è, però, il non sospettare di una società con un capitale sociale (cioè l’importo per il quale una società è responsabile nei confronti di eventuali creditori – ed i truffati sono evidentemente creditori) 10.000 euro, affidandogli “la valigetta dei soldi” da 14 mln di euro. Inoltre, non per infierire, la suddetta ditta trattava (nella sua ragione sociale) materiale elettrico o comunque di altra natura, rispetto al materiale sanitario. Come dire: una persona di media intelligenza (in diritto si cita, ad esempio di buonsenso, il “buon padre di famiglia”) si sarebbe fatto venire qualche sospetto in merito alla questione, soprattutto se i denari del pagamento fossero stati i propri. Allora mi chiedo: come mai un Presidente di Regione, che ha una responsabilità superiore rispetto ad una persona media, non ha usato la stessa accortezza (diligenza)? Un simile comportamento non potrebbe essere un motivo per ritenere “inadatto” qualcuno a ricoprire incarichi di un certo tipo, quale quello ricoperto dal Presidente Zingaretti?
        Lo chiedo di diritto: come cittadino della Regione Lazio. Ed anche perché al Presidente della Regione Lombardia, tale Attilio Fontana, si chiedono le dimissioni per una gaffe, con la quale i cittadini lombardi non hanno subito alcun depauperamento (come invece è capitato ad i cittadini laziali) o mancanza dei DPI sanitari (come, ribadisco, capitato ad i cittadini laziali). Quindi, visto che il Presidente Zingaretti ha causato un danno economico ai cittadini della regione che amministra ed uno materiale al personale sanitario della stessa regione, che non hanno potuto usufruire di quei DPI in tempo di crisi pandemica, cosa bisognerebbe chiedere? Qualcuno dice che non sia stato Zingaretti in persona ad occuparsi della questione, ma la magistratura (mi pare con la sentenza Berlusconi, sull’evasione fiscale) ha comunque stabilito in Cassazione (cioè fa giurisprudenza) che se si è ad un certo livello “non si può non sapere.” Che sia anche per questo che la magistratura di Roma non muove foglia?

    • Magari non si è perso nulla, ha solo fatto a metà… sempre perchè a pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca… poi tutti quegli aperitivi coi magistrati amici toccherà pagarli…

    • Difficile credere che la truffa sia potuta andare a buon fine senza
      alte complicita’ all’ interno della Regione., anche se laggiu’ la voragine sanitaria e’ tra le piu’ profonde d’ italia, indice di una gestione che, per esse definita allegra, non ha aspettato certo la pandemia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *