in

Messico, il presidente si dà all’apologia di Fidel Castro

Ogni giorno uno sguardo esclusivo sul mondo sudamericano

Andrés Manuel López Obrador-1

Dimensioni testo

Messico: AMLO confessa il suo amore per Fidel Castro

Andrés Manuel López Obrador venerdì ha fatto l’apologia di Fidel Castro e ha invitato i parenti del “Che” Guevara alla festa per l’indipendenza a Città del Messico.

Perù, l’inizio e la fine della democrazia sudamericana

La difesa che Messico, Colombia, Argentina e Bolivia hanno fatto di Pedro Castillo contrasta con l’unanimità con cui la regione aveva respinto l’auto-colpo di stato di Fujimori trent’anni fa. All’epoca l’ondata democratica che si diffuse in America Latina alla fine delle dittature militari generalizzate si rafforzò con il golpe di Fujimori. Oggi sta accadendo l’esatto contrario. Non solo un presidente di sinistra ha voluto eliminare il Parlamento e governare per decreto e militarizzare il paese per controllare la reazione sociale (la sinistra ha sempre attribuito tentazioni di questo tipo alla destra, anche se le attuali eccezioni autocratiche sono Nicaragua, Venezuela e Cuba), ma altri presidenti dello stesso orientamento politico sono venuti in sua difesa.

Andrés Manuel López Obrador, Gustavo Petro, Alberto Fernández, Luis Arce e il governo dell’Honduras, di Xiomara Castro, non hanno voluto riconoscere il nuovo presidente del paese, Dina Boluarte, complicando ulteriormente un’evoluzione pacifica della crisi. Inoltre, il fatto che figure come AMLO e Petro, che rivendicano la leadership regionale, approvino un tentativo di auto-colpo di stato arriva a formalizzare la fine dell’ideale di democrazia liberale a cui 30 anni fa aspirava l’America Latina. L’iper-presidenzialismo messo in atto dalle costituzioni bolivariane, la proliferazione di modifiche legislative per consentire l’accumulo di mandati consecutivi e il crescente controllo dell’esecutivo sugli altri poteri, in particolare quelli giudiziari ed elettorali, hanno gravemente deteriorato la prassi democratica latinoamericana.

La corruzione, la polarizzazione politica e un personalismo che ha distrutto le strutture dei partiti hanno generato atteggiamenti sociali allarmanti. Secondo l’ultimo Latinobarómetro, solo il 48% dei latinoamericani pensa che la democrazia sia il sistema politico preferibile. Lo stesso sondaggio ha anche segnato un record di insoddisfazione per le democrazie di ogni paese, che ha raggiunto una media del 72%, mentre la soddisfazione è scesa al 24%. E il 51%, per la prima volta superando la metà della popolazione, ha dichiarato che non gli importa che un governo antidemocratico arrivi al potere se risolvesse i problemi. Ne scrive il sempre ottimo Emili Blasco sul quotidiano spagnolo ABC.

Paolo Manzo, 25 dicembre 2022


Tutto sull’America Latina e il suo impatto su economia e politica del vecchio continente. Iscriviti gratis alla newsletter di Paolo Manzo http://paolomanzo.substack.com. Dopo una settimana se vuoi con un abbonamento di 30 euro l’anno avrai diritto oltre che alla newsletter a webinar e dossier di inchiesta esclusivi.