in

Morti di Covid e morti dopo il vaccino: un confronto - Seconda parte

Dimensioni testo

Questi vaccini vengono dati invece a tappeto all’intera popolazione, che è una cosa mai fatta prima nella storia. Non è mai successo prima che si vaccinasse di colpo un’intera popolazione dai bambini agli anziani e per di più con vaccini che non sono stati testati prima per tre o quattro anni. Il Covid 19, ad esempio, nella letteratura scientifica è in realtà riferito al virus “SARS COV2” perché nel 2002 c’era stato il “SARS COV1” (i coronavirus in circolazione sono almeno sette) che è al 78% simile. Per il “SARS COV1” erano stati testati su furetti una dozzina di vaccini, ma erano stati tutti abbandonati perché dopo qualche mese si notava un aumento di contagi e mortalità. Nel caso del “SARS COV2” è stata data una autorizzazione di emergenza senza passare prima per i test su animali.

I dati indicano che questi vaccini riducono la mortalità degli anziani in condizioni fragili, anche se sembra che l’effetto duri non più di 4-6 mesi, ma al prezzo di aumentarla tra anziani, adulti e anche giovani che non erano affatto malati e non rischiavano molto con la malattia virale e che invece hanno reazioni avverse al vaccino. Inoltre, le stesse percentuali di riduzione della mortalità Covid tra gli anziani vaccinati sono state indicate in almeno sessanta studi anche per l’Ivermectina. Ma per poter autorizzare questi vaccini in fretta i governi dei paesi avanzati (non tutti) hanno boicottato altri trattamenti in cui si usavano farmaci generici in commercio da decenni.

Ad esempio, il 5 agosto presso il Senato italiano si è tenuto un incontro promosso da alcuni senatori in cui il dott. Alberto Donzelli ha presentato i risultati degli studi sull’efficacia dell’Ivermectina.

Non possiamo riassumere qui tutta la presentazione, ma dal grafico che alleghiamo le percentuali di riduzione della mortalità Covid ottenute negli studi citati sono simili a quelle dei vaccini Covid. La differenza è che si tratta di un farmaco generico in uso da decenni da somministrare al paziente (anche come profilassi) e non un trattamento sperimentale con cui inoculare l’intera popolazione

Purtroppo, i morti susseguenti alla vaccinazione Covid di cui si legge nelle cronache (e nei database dei paesi più seri) avvengono quasi tutti improvvisamente e per questi non ci sono cure.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
406 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Stefano
Stefano
2 Ottobre 2021 2:07

VAERS warns researchers using its database that the data should not be used in isolation to draw conclusions about cause and effect.[9] Nonetheless, data from VAERS has been used in vaccine litigation to support the claim that vaccines cause autism

Roberto
Roberto
29 Settembre 2021 10:23

Per che non scrivete la verità sarebbe molto meglio per tutti dato che prima o poi verrà a galla .

Alessandro
28 Settembre 2021 0:58

analisi del VAERS con tecniche statistiche avanzate (come giustamente qualcuno qui sostiene che vada fatto) sono state effettuate. Ad esempio dalla Dr. Rose, la quale, a scanso di equivoci, ha 2 post doc, uno in biochimica e uno in biologia molecolare, un dottorato in biologia computazionale, oltre che MD in medicina, in particolare tossicologia, e BSc in matematica applicata.
Le sue analisi scientifiche rigorose segnalano sospetti più che fondati sui ruoli causali delle vaccinazioni nella comparsa di avventi avversi potenzialmente letali, oltre che vere e proprie morti causate dalle inoculazioni.
Su YouTube cercate: VAERS UPDATE for CCCA

Stefano
Stefano
26 Settembre 2021 15:23

Prendere e sbandierare singole segnalazioni, generalizzando, affermare che i decessi del VAERS siano sottostimati di un fattore 100, e similari, sono sonore stupidaggini. Lo dimostra un semplice calcolo . Negli USA ad oggi si sono sottoposti a vaccinazione completa circa il 56% della popolazione, 183 milioni di persone. La speranza matematica di vita di questa popolazione è del 99% / anno, cioè il tasso di mortalità atteso è di circa 1% / anno (nel 2020 sono decedute 3,3 milioni su 328, moltissimi per Covid-19, come è evidente dalla serie storica). (segue)

Luciano
Luciano
22 Settembre 2021 8:57

https://facta.news/senza-prove/2021/07/26/non-esistono-prove-che-negli-stati-uniti-ci-siano-stati-45-000-morti-per-i-vaccini-anti-covid/

Luciano
Luciano
22 Settembre 2021 8:54

https://iusmanagement.org/2021/08/19/tutti-i-dati-usa-sui-morti-per-covid-e-sulle-reazioni-avverse-e-piu-pericoloso-andare-in-auto/
Interessante e simpatica disamina dei dati.

Erik
Erik
21 Settembre 2021 11:08

Purtroppo, a quanto mi comunicano dagli USA, molti medici hanno riferito di fronte alla corte dello stato (in diversi stati), che i dati del Vaers sono sottostimati anche di 100 volte. Hanno stabilito che i morti da vaccino in USA siano oltre 100.000 ad oggi.

Gia.Silipigni
Gia.Silipigni
21 Settembre 2021 8:19

Questo non si ricorda di aver preso il covid e poi tanti parenti potrebero approfittaree e dire che è stato il vaccino per avere dei risarcimenti anche se sono morti per qualsiasi altro motivo