Commenti all'articolo Mr Carpisa sui trolley in aereo: “È un governo da rimettere in valigia”

Torna all'articolo
guest
10 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Gastone Corbanese
Gastone Corbanese
11 Settembre 2021, 12:28 12:28

Non sono d’accordo sul governo tecnico; questo che abbiamo che governo è? Ci vuole un governo politico che abbia il mandato dal POPOLO. Dei governi tecnici alla Monti e Draghi ne abbiamo piene le tasche; combinano solo disastri per i cittadini, ma grandi profitti per le elite.

Tullio Pascoli
Tullio Pascoli
17 Luglio 2020, 20:54 20:54

Purtroppo, il nostro caro Paese, grazie all’ingenuità di buona parte degli elettori, ha ceduto al deleterio canto delle sirene, dal quale deriva, appunto, quello che probabilmente, rimarrà nella storia, il peggiore governo dalla fine della Seconda Guerra…

Dopo aver potuto assistere ai lumi di un grande liberale quale è stato Luigi Einaudi, ahimè, stiamo tornando molto indietro, a calcare oscuri sentieri che non potevano condurci altrove se non al presente tortuoso ginepraio…

Quello che, in altri tempi, qualcuno aveva, di buon proposito, definito la solita “Italietta”, dove qualcun altro alludeva alla gente che danza il Walzer: un giro a sinistra ed un altro a destra…
Ed io aggiungerei, senza riuscire a fare i necessari passi avanti, in direzione al vero progresso che un Popolo creativo come il nostro meriterebbe.

Giorgio
Giorgio
17 Luglio 2020, 11:21 11:21

Non serve il braccialetto, perché lo smart-working si può fare anche stando in spiaggia, visto che si tratta di lavoro “intellettuale” e basta avere un personal computer, dovunque uno si trovi. L’importante è che il lavoro richiesto sia svolto al meglio. Io quest’anno ho visto diverse persone che, proprio in spiaggia o nel giardino dell’hotel, lavoravano al computer. Del resto, che smart-working sarebbe se uno fosse costretto a farlo esclusivamente da casa? E chi può dire che da casa il lavoro verrebbe svolto meglio?

giorgiop
giorgiop
17 Luglio 2020, 8:57 8:57

D’accordo con gran parte di quello che dice l’intervistato; tuttavia ci sono due cose sulle quali fare osservazioni:
* le imprese hanno retribuito la quattordicesima in quanto mensilità aggiuntiva; Covid o non Covid, dovevano pagarla, quindi non doveva essere identificata come un sacrificio contingente, perchè l’INPS non c’entra.
* i decreti succedutisi non hanno mai parlato di rimborsi per acquisto di DPI o sanitizzazioni, bensì di crediti di imposta.
* quanto allo smart working è vero che per molti sarebbe occorso, o occorrerebbe tuttora, il braccialetto elettronico, specialmente per i dipendentti pubblici; è altrettanto vero che alcuni imprenditori hanno fatto lavorare da casa gente che ufficialmente era in CIG in deroga; i controlli erano estremamente labili causa la penuria di personale da adibire ai controlli stessi.
Queste tre sciocchezze sarebbero state evitate se l’intervistatore avesse controllato le risposte prima di pubblicarle.
Per il resto, ripeto, tutto combacia con la realtà.

Mario
Mario
17 Luglio 2020, 7:52 7:52

Ci vorrebbe la Merkel in Italia o anche l’ultimo dei sindaci delle città tedesche (che risulterebbe migliore dei nostri “politici”). Concordo con l’idea che non bisogna dare alcun euro all’Italia ed anzi, aggiungo, ci dovrebbe essere un commissario europeo a tal fine per decidere dove devono andare gli investimenti. Al contrario penso che i soldi verrebbero utilizzati per le solite marchette elettorali come il reddito di cittadinanza.
Mario

Elisabetta
Elisabetta
17 Luglio 2020, 2:04 2:04

Basta governi tecnici; abbiamo gia’ avuto Monti. ANDIAMO A VOTARE

Iscrivi al canale whatsapp di nicolaporro.it

12 e 13 Luglio 2024 a Bari

la grande bugia verde

SEDUTE SATIRICHE

www.nicolaporro.it vorrebbe inviarti notifiche push per tenerti aggiornato sugli ultimi articoli