Nancy Pelosi e i democratici che odiano la democrazia

pelosi trump

Qualcuno si ricorda Matteo Renzi a settembre scorso? Cercando di giustificare il ridicolo maquillage con cui truccò come gesto di responsabilità l’inciucione gialloosso, il senatore semplice rievocò la tremenda immagine di uno storico strappo istituzionale: Donald Trump che, al dibattito tv con la sfidante Hillary Clinton, prometteva che non le avrebbe stretto la mano, se fosse stato sconfitto alle urne dalla candidata dem. Inaccettabile: il senso di terrore che quella scena gli aveva instillato lo aveva spinto tra le braccia dei Cinque stelle, pur di impedire al dinamitardo Matteo Salvini di scegliersi un capo dello Stato a sua barbara immagine.

Be’, oggi sembra che Renzi non abbia niente da dire di fronte allo spettacolo osceno offerto dai democratici Usa, in occasione del discorso di Trump sullo Stato dell’Unione. A cominciare dal gesto orribile di Nancy Pelosi, che a orazione conclusa, ha strappato i fogli con il discorso del commander in chief della sua nazione. Per carità, lo sgarbo è reciproco: l’inquilino della Casa Bianca, poco prima, aveva evitato accuratamente di stringere la mano alla sua grande accusatrice nel ridicolo impeachment (da cui il Senato lo scagionerà). Ma quello di Pelosi non è un terrificante strappo istituzionale? I sinistri nostrani, i media sempre pronti a scandalizzarsi per ogni uscita sopra le righe del tycoon, i giornali con gli occhi puntati sul citofono di Salvini, considerano normale la sceneggiata dalla presidente della Camera americana? Peraltro, Nancy Pelosi s’è anche rifiutata di officiare il cerimoniale di presentazione. Sui media liberal statunitensi, spicca solo la dura reprimenda (come no!) del New York Times: il gesto della speaker, si legge sul quotidiano della Grande Mela, «è stato particolarmente insolito per il personaggio, che s’inorgoglisce nell’esibire l’appropriato decoro». Chissà quanti editoriali e vesti stracciate, a parti invertite.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Condividi questo articolo

18 Commenti

Scrivi un commento
  1. Dopo tutte le critiche viste, ho ridotto la velocità del “playback” per vedere quello che veramente era successo.

    Guardando l’incidente fra Trump e Pelosi a velocità ridotta a 0,25, si vede che Trump si girava via non vedendo la mano stesa della Pelosi.

    Quante interpretazioni hanno fatto di questo fatto?

    • Precisamente. Ho cercato il video anch’io, e si vede chiaramante come dia i fascicoli a Pence e Pelosi, e poi si giri. La Pelosi gli porge la mano mentre si sta girando.

      Trump non la stringe nemmeno a Pence.

      Solite fake news per spalare un po’ di fango, e distogliere l’attenzione dalla cafonaggine, voluta ed esplicita, della Pelosi.

      • Caro Davide, ti ringrazio per confermare quello che è veramente avvenuto, è non le balle che fanno i “Media”.

        Saluti

  2. E anche oggi ho sprecato il mio tempo leggendo un articoletto pressappochista e biased di uno che di politica americana capisce quanto io di astrofisica.

    L’ho letto sperando di trovare, oltre all’attacco di chi si è permesso di criticare il mitico leader della destra internazionale, il fact checking alle bugie che Trump ha detto in questo SOTU o la critica all’assegnazione della Medal of freedom a Rush Limbaugh ma niente, due pagine (due così da poter esporre il doppio della pubblicità) sulla cattivissima Nancy Pelosi.

    “Io comunque gli avrei tirato anche i coriandoli di carta”

    Grazie a questa stupidaggine appena detta cerco di accodarmi al livello bassissimo dei commenti, giustamente siete tutti così ignoranti e rancorosi, avrete paura che il vostro idolo non sia rieletto forse, che in un articolo il cui scopo è dire “la sinistra non è moralmente superiore alla destra” inondante i commenti di insulti. Da voi fini intellettuali di destra (ma esiste questa figura poi?) mi aspettavo di più.

  3. ANDANDO CON ORDINE: E’ STATO “IL PRESIDENTE” CHE HA MANCATO DI RISPETTO PER PRIMO ALLA PADRONA DI CASA! nON GIRATE LA FRITTATA, NON SERVE A NULLA!

  4. Sinceramente credo che Trump non abbia proprio visto la mano della Sig.ra Pelosi e anche se l’avesse evitata di proposito onere e merito alla coerenza (perché mai dovrebbe stringerla, lei è stata ed è la sua principale accusatrice?!). Il gesto di lei si commenta da solo: bambina isterica e frustrata che batte i piedi a terra quando le cose non vanno come vuole lei. Il discorso di Trump è stato un gran discorso, unitario e sostanziale. Strappare i fogli vuol dire venir meno a quello stato dell’Unione. Au revoir Sig.ra Pelosi & Co., ci vediamo alle elezioni!

  5. Rico… ma parla d’altro che di politica americana non capisce una mazza…. Magari prima di inneggiare a quell’incolto di Trump – che parla inglese con l’eloquenza di un bambino di 5 anni – dovresti factcheck il suo discorso, pieno di inesattezze e di menzogne. Davvero lascia stare la politica americana. Saluti da New York

        • È una questione di rispetto verso il lettore italiano. È una questione di rispetto verso la propria lingua madre.

          Non dobbiamo prostrarci di fronte all’inglese, soprattutto quando in italiano esistono i relativi traducenti. Se io parlassi in tedesco, lei apprezzerebbe?

          Tutto qui. È solo un invito ad amare e usare la nostra bella lingua.

          • Se parlasse in tedesco apprezzerei… e’ il 2020 non il 1950… la società cambia e anche l’uso delle parole. Sono meno italiano perché uso un termine inglese? Ma non mi faccia ridere. Allora cosa dovrebbe fare un pilota dell’Alitalia? Rifiutare di atterrare a New York perche’ deve comunicare in inglese con la torre di controllo? Guardiamo alla sostanza invece che a queste baggianate superficiali.

          • Spero che lei sia laggiù a lavorare tenendo alto il vocabolo Italia; anche se così fosse, tuttavia, non è giustificabile una certa spocchia nell’usare i termini inglesi ed il tono con il quale ha risposto a Fabio; il fatto di essere più o meno temporaneamente negli USA, il fatto di lavorarci, non giustifica il ritenere di capirne e di saperne di più, sopratutto in politica, visto che anche qui da noi, Paese di “seconda categoria”, i media – a 360° – ci informano su cosa accade da quelle parti. E non siamo attaccati a quanto dice il Rampini della situazione; non è da solo e, sopratutto, quanto accade è divulgato da emittenti di vari colori, quindi al riparo da un ascolto o visione soltanto di parte. L’esempio del pilota, poi, è veramente inutile e fuori luogo.

          • Anche se mi trovo più a mio agio con la lingua Inglese, sono d’accordo con la sua osservazione.

            Uso questo blog per migliorare il mio Italiano, e devo dire che in Italia c’è troppo uso dell’Inglese, e spesso in modo incorretto.

    • E ci mancava il punto di vista del genere fighetto Ztl, nonché factchecker “de noantri” e liberal d’adozione, insomma del tipo

      “sotuttoiocheanewyorkcisono, parlo inglese meglio di Trump e voi state zitti che non capite un kazzo”. Insomma la versione aggiornata con una pennellata cosmopolita della massima del marchese del Grillo “io so io e voi nun siete ‘n kazzo”. E bravo ! Insomma uno di quei tipi che stanno a New York (Nord America) ma ricordano Cristoforo Colombo che la prima volta che approdò da quelle parti era convinto di essere arrivato nelle Indie. Buona permanenza, resti lì che a noi ci fa solo piacere e ci saluti Nancy Pelosi appena la cariatide si riprende dalla crisi acuta d’isteria per mancato impeachment.

      • In genere questi personaggi passano da Manhattan al centro di qualche altra città, e pensano che questo li renda conoscitori del mondo.

        E’ il nuovo provincialismo.

  6. Pelosi?…isterica babbiona frustrata…certo che se cattivone Trump avesse osato tanto…guai a lui…sarebbero intervenuti just in time caschi blu ONU…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

    • Trump ha fatto anche di peggio. Ma come si fa a difendere un presidente che quasi ci riporta ai limiti del nucleare. Che dice a una parlamentare se l’America non ti piace torna a nel tuo paese solo perché di origini latine. Che non crede al cambio climatico. Secondo il Times ha detto più di 12000 stupidaggini e false affermazioni in un anno. Tutto questo in cambio d dire sono di destra. Ma smettetela. È un personaggio disgustoso sotto tutti i punti da vista…..e la gente lo difende solo perché sto imbecille promette di risolvere le paure degli americani………vedete perchè la paura fa danni? Ci mette in mano del primo voglio che ci promette di avere la soluzione.

2 Pings & Trackbacks

  1. Pingback:

  2. Pingback:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *