Commenti all'articolo Negli Usa le proteste razziali scoppiano a presidenti alterni

Torna all'articolo
Avatar
guest
9 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Roberto G
Roberto G
3 Giugno 2020 11:30

Negli USA ogni giorno capita che qualcuno spari senza tanti scrupoli a poliziotti che si trovano ad operare singolarmente a bordo delle loro auto, ed è risaputo che gli stessi poliziotti, giusto o non giusto che sia, utilizzino le armi da fuoco senza farsi molti problemi.
Spesso capita che poliziotti innocenti muoiano, e talvolta capita che un malcapitato venga ucciso da parte di un poliziotto esaltato e imbecille, ma senza distinzione di colore della pelle. Anche oggi, in qualche qualche luogo degli states, un nero o un bianco avrà perso la vita per ragioni più o meno discutibili, ma se muore un delinquente bianco non fa notizia e non importa a nessuno, anche perchè in nome del politicamente corretto non si dica, per carità, che esiste al mondo anche un razzismo a senso inverso, tra neri e bianchi, così come non si parli di ciò che hanno combinato questi soggetti prima di essere fermati o durante il controllo da parte di poliziotti che lavorano nella costante consapevolezza che ogni persona che si trovano innanzi potrebbe essere armata.
Alla fine la colpa sarà ovviamente di Trump. Lui sì è un cattivone, non come quei bravi poliziotti inginocchiati davanti alla folla urlante.

Davide V8
Davide V8
2 Giugno 2020 15:40

Il discorso è molto semplice: i “democratici” vogliono fomentare lo scontro razziale, in vista delle elezioni. Sono pronti a tutto. A tutto. Non a caso, come continua a ricordarci Porro, tutto questo avviene soprattutto in città e stati saldamente democratici. E parte da episodi di violenza di stato, violenza pubblica, con un pubblico in mani stabilmente democratiche. Settore pubblico che poi “copre” e non ferma i barbari che saccheggiano e distruggono. A loro serve la contrapposizione razziale, perchè è per loro fonte di potere, serbatoio di voti (pensate che i neri voterebbero stabilmente dem all’80/90%, altrimenti?), e quando serve strumento di destabilizzazione e distruzione sociale per arrivare al potere. Vediamo addirittura arrestata la figlia di De Blasio durante le manifestazioni, per capirci. Le balle su Trump, che non ha fatto nè detto alcunchè di razzista, la follia di chiamare “nazi” chiunque non si allinei allo schifo del politicamente corretto (quando i veri nazisti sono “antifa” e simili – i metodi non lasciano molti dubbi), e così via: tutto parte di questo giochino, coi media in prima linea, italiani (pessimi) inclusi. Ripeto: o comandano loro, o sono pronti *a tutto* per tornare al potere. – Ma non preoccupatevi, questa è solo un’anticipazione di quanto avverrà qui in Italia ed in Europa, quando i nostri democratici avranno ottenuto una massa di immigrati… Leggi il resto »

Letizia
Letizia
2 Giugno 2020 8:52

Kim, anche ieri niente saluti.

marcor
marcor
2 Giugno 2020 1:01

Cosa succede in America quando un poliziotto nero ammazza un bianco? Dimostrazioni, violenze, saccheggi, accuse di razzismo? Non mi pare. Ditemi voi, se sapete altro.