Appunti sudamericani

Nicaragua, lo strano rapporto tra Ortega e la famiglia Gheddafi

Ogni giorno uno sguardo esclusivo sul mondo americano e sudamericano

ortega gheddafi

Nicaragua: il nipote di Gheddafi è uno dei diplomatici più fidati del Nicaragua di Ortega

Mohamed Farrara Lashtar, nipote del defunto dittatore libico è oggi uno degli alti funzionari più fidati del repressivo regime sandinista del dittatore nicaraguense Daniel Ortega. Lashtar ha servito Ortega per quasi due decenni, dal suo ritorno al potere nel 2007. Lashtar, prima di diventare un funzionario nicaraguense, serviva da collegamento tra il regime di Gheddafi e gruppi terroristici comunisti latinoamericani tra cui Sendero Luminoso in Perù e le FARC in Colombia.

Lashtar ha evitato la maggior parte delle conseguenze del crollo del regime di Gheddafi attraverso i suoi legami con il Nicaragua ed è attualmente ambasciatore di Ortega in Tunisia e Kuwait. Dal 2007, è stato “segretario privato del presidente Ortega; segretario privato per gli affari internazionali; ambasciatore speciale per gli affari esteri; delegato per Africa, Medio Oriente e Paesi arabi; ambasciatore in Kuwait e diplomatico in Egitto, Giordania, Algeria e Arabia Saudita.

Lashtar aveva iniziato la sua relazione con il paese centroamericano per nomina di Gheddafi come ambasciatore libico a Managua ed era direttamente associato a Rafael Ortega Murillo, il figlio maggiore dell’attuale coppia presidenziale, quando il leader sandinista si recò in Libia per farsi finanziare dopo la sconfitta elettorale del 1990 contro Violeta Chamorro.

Lashtar garantiva che i contributi monetari di Gheddafi al sandinismo e ad altre organizzazioni terroristiche latinoamericane finissero nelle mani giuste. Era comune per Rafael Ortega Murillo ordinare a Lashtar, ad esempio, “di assistere i peruviani”, intendendo i maoisti di Sendero Luminoso. Ci sono prove che legano Lashtar a “milioni di finanziamenti” da suo zio alle FARC. Diventato cittadino nicaraguense nel 1990, al termine del primo periodo al potere di Ortega, con il ritorno del sandinista al potere nel 2007, Lashtar è rapidamente salito nei ranghi diplomatici della dittatura e ha sostenuto apertamente la violenta repressione dei dissidenti nel Paese da parte di Ortega.

Nonostante i suoi legami con molteplici regimi violenti e le sanzioni Usa contro di lui, Lashtar è ben lungi dall’essere un paria globale. L’anno scorso, ad esempio, il “compagno” Lashtar ha guidato la delegazione nicaraguense alla COP27, la conferenza delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico nella lussuosa località turistica di Sharm el-Sheikh, in Egitto. Per la cronaca, come noto, Ortega ha come ambasciatore in Canada anche un altro parente illustre, il figlio di Licio Gelli. Ora El Confidencial ci ha svelato questo nuovo rampollo alla corte del dittatore di Managua.

Paolo Manzo, 17 marzo 2023


Tutto sull’America Latina e il suo impatto su economia e politica del vecchio continente. Iscriviti gratis alla newsletter di Paolo Manzo http://paolomanzo.substack.com. Dopo una settimana se vuoi con un abbonamento di 30 euro l’anno avrai diritto oltre che alla newsletter a webinar e dossier di inchiesta esclusivi.

Iscrivi al canale whatsapp di nicolaporro.it

12 e 13 Luglio 2024 a Bari

la grande bugia verde

SEDUTE SATIRICHE

www.nicolaporro.it vorrebbe inviarti notifiche push per tenerti aggiornato sugli ultimi articoli