in

Obbligo vaccinale, la Consulta “assolve” Draghi: la sentenza

La decisione della Corte Costituzionale sul ricorso dei contrari all’obbligo di vaccino

obbligo vaccino

Dimensioni testo

L’esito era forse scontato. La notizia era attesa da ieri ed oggi è finalmente arrivata: la Corte Costituzionale, che era chiamata ad esprimersi sui ricorsi contro l’obbligo vaccinale imposto dal precedente governo, ha “salvato” l’imposizione della puntura.

Le questioni poste da numerosi tribunali, dal Tar e dal Consiglio di giustizia amministrativa siciliano, che chiedevano di fatto di bocciare due decreti firmati da Draghi, sono state rigettate al mittente. A nulla sono servite le veglie dei no vax che nei giorni scorsi si sono riuniti in attesa del giudizio: tutti i quesiti sono stati considerati o inammissibili o non fondati. Ieri si era tenuta una udienza pubblica molto accesa, con interventi da parte di numerosi avvocati e la risposta dell’Avvocatura dello Stato a difesa dell’operato dell’allora governo.

“La Corte – si legge nel comunicato diramato – ha ritenuto inammissibile, per ragioni processuali, la questione relativa alla impossibilità, per gli esercenti le professioni sanitarie che non abbiano adempiuto all’obbligo vaccinale, di svolgere l’attività lavorativa, quando non implichi contatti interpersonali”. Per la Consulta sono state inoltre “non irragionevoli, né sproporzionate, le scelte del legislatore adottate in periodo pandemico sull’obbligo vaccinale del personale sanitario”. Allo stesso modo “non fondate sono state ritenute le questioni proposte con riferimento alla previsione che esclude, in caso di inadempimento dell’obbligo vaccinale e per il tempo della sospensione, la corresponsione di un assegno a carico del datore di lavoro per chi sia stato sospeso; e ciò, sia per il personale sanitario, sia per il personale scolastico”.

Ovviamente non sono state ancora depositate le motivazioni della sentenza, per cui occorrerà attendere. Ma l’indirizzo è chiaro: per la Corte l’obbligo vaccinale era legittimo e costituzionale.