Commenti all'articolo “Per una nuova destra”: perché leggere il libro di Capezzone

Torna all'articolo
guest
13 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Davide V8
Davide V8
9 Ottobre 2021 17:30

Grande Desiderio.
3 cose.
1) Niente sconti, niente sudditanza: l’aneddoto mostra appunto come ci voglia molta forza e nessun compromesso sul piano *ideologico*. Libertà vs tirannia, bottom-up vs top-down.
2) I sovranisti devono puntare su questo: persone libere vs pseudoelite di ogni genere, dall’Europa a lascienza.
3) MAI avere l’illusione di pensare che “se solo fossimo al potere noi” le cose andrebbero bene. Le istituzioni pericolose vanno depotenziate, abolite, perchè *non devono essere in grado di nuocere*.

Sindaco di Londra? La Thatcher sostanzialmente lo *abolì* nel 1985, lasciando solo enti più piccoli.
Rimesso da Blair.

Franco
Franco
9 Ottobre 2021 15:28

Veramente stiamo ancora aspettando la rivoluzione sociale delle partite iva che, secondo Capezzone, avrebbe dovuto sconvolgere la società italiana in autunno.

Il libro fa previsioni sballate come quella?

Giovanopoulos
Giovanopoulos
9 Ottobre 2021 14:18

Bravo Desiderio, sei uno dei due o tre veri liberali in Italia.
Pensare che il socialista Berlusconi ha rappresentato (ora è finito) l’alternativa alla sinistra, dà un’idea di come siamo conciati.

Iena
Iena
9 Ottobre 2021 13:52

Grande donna la thacher!

Franco
Franco
9 Ottobre 2021 12:51

Tolstoj, Maupassant, Pirandello, Twain, De Lillo, Hemingway, Kundera, Flaubert, Proust, Fitzgerald, Joyce, Marquez, Mellville, Dante, Shakespeare, Kafka, Austen, Dostoevskij……… e altri mille e mille.

Capezzone noooooo