Commenti all'articolo “Perché non tollerate chi non la pensa come voi?” Cruciani e Giordano vs Vauro

Torna all'articolo
Avatar
guest
66 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Valter
Valter
4 Aprile 2019 10:10

Si, se ci fosse il nazismo, il fascismo o il franchismo …e mentre tutto questo non c’è, ci si deve confrontare con esponenti politici che si dichiarano a tutt’oggi Komunisti (ancora !!!!). La storia li ha condannati così come tutti gli “…ismi” qualcuno però di sinistra ritiene di essere il migliore e detentore di verità da inculcare al popolo bue solo perchè una Storia colpevolmente omertosa con la complicità dei media ha nascosto le violenze, i suprusi e le infamie dei regimi Komunisti (gulag,Katin,foibe etc…).Silenzio per favore

Roberto
Roberto
3 Aprile 2019 23:05

Pensavo di essere molto stupido ma mi rendo conto che Vauro è imbattibile e mi supera di gran lunga. Penso che sia come il tonno ” INSUPERABILE “.
Caro Porro registro e provo a resistere qualche minuto davanti allo schermo poi spengo. Assolutamente insopportabile la continua gazzarra sollevata dai “sinistri”. Forse confondono uno studio televisivo con la Piazza.

Rigel
Rigel
3 Aprile 2019 20:53

Vauro un ammasso di tessuto adiposo. Che schifo…!

Giacomo
Giacomo
3 Aprile 2019 16:11

La domanda che dà il titolo non è stata quasi recepita ed è stata praticamente ignorata, da quel che vedo e sento.
La tolleranza è un mito moderno e fa il paio con un altro mito, cioè quello dell’opinione. Le affermazioni non devono essere tollerate nei discorsi per gentile concessione, ma devono essere ascoltate tutte, secondo criteri di correttezza e praticità, per individuare dove sia la verità, che non è un’opinione.
È importante la presenza di Vauro, o chi per lui, per garantire il pluralismo e per tentare di arginare il fenomeno della polarizzazione degli schieramenti.