Commenti all'articolo Perché il 25 aprile è divisivo

Torna all'articolo
Avatar
guest
20 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Giugirich
Giugirich
27 Aprile 2022 18:06

Perché non si sono impedirgli eccidi e gli assassigni post 23 aprile. Senza parlare di quelli post 25 aprile.

marcor
marcor
27 Aprile 2022 13:59

Perchè è la festa di servi, vigliacchi e voltagabbana. Difatti solo in italia si festeggiano le sconfitte, in Germania e Giappone feste analoghe non esistono.

de-nazificando
de-nazificando
27 Aprile 2022 9:46

25 APRILE, FESTA DELLA LIBERAZIONE DEL NAZISMO, tant’è vero che :

– dall’Ucraina si sparge pus neonazista su tutta l’Europa e con particolare virulenza sull’Italia
– Un segretario dell’ANPI viene ritualmente torturato e moralmente assassinato per aver dato dei nazisti ai nazisti e dei conduttori di guerre ai conduttori di guerre
– bande di squadristi ucraini, fiancheggiate da servizio d’ordine politico-mediatico, imperversano, minacciano, picchiano, alla maniera del ’22 o delle notti dei Cristalli, chi suona Tchaikovsky e non incendia bandiere russe.
(…………….)

Annibale
Annibale
26 Aprile 2022 19:07

Se non vado errato, è stato definitivamente appurato che le fosse di Katyn sono state opera di Stalin, non di Hitler.

Valter Valter
Valter Valter
26 Aprile 2022 18:37

Lagioia si tenga il suo 25 Aprile che si é ridotto ad una ordalia antioccidentale ed antisemita con la foglia di fico di un bolso antifascismo, e se lo festeggi nel fantozziano cineforum di quella sinistra che ha perso il treno delle BR e vorrebbe solo che ne passasse un altro. Chi non appartiene alla parrocchietta degli Speranza ed altre cariatidi del comunismo della liturgia di questo 25 aprile può dire solo quello che Fantozzi disse all’ennesima replica della “Corazzata Potemkin”. Amen.

Fabio Bertoncelli
Fabio Bertoncelli
26 Aprile 2022 17:40

Giampiero Mughini: “La guerra contro il nazifascismo non l’hanno vinta né quelli che andarono sulle montagne né quelli che ammazzavano più o meno a caso un tedesco o un repubblichino di passaggio nelle grandi città. La guerra l’hanno vinta i milioni di uomini che gli Alleati mobilitarono pur di piantare gli stivali sulle spiagge della Normandia e liberare palmo a palmo l’Europa; almeno fin dove erano arrivati i russi, i quali non liberarono nulla di nulla ma solo sostituirono un regime dittatoriale con un altro”.

Toh, per fortuna Mughini ci rivela chi ha vinto la guerra! E ora, cari marxisti immaginari del forum, a studiare tutto il resto!