in

Perché il mondo ha paura di Biden

Dimensioni testo

Speciale zuppa di Porro internazionale. Grazie a un nostro amico analista che vuole mantenere l’anonimato, il commento degli articoli tratti dai giornali stranieri.

Il Financial Times provoca talvolta in chi lo legge una sensazione di ebbrezza, un quasi ritrovare lo spirito dei Vangeli: “Sia invece il vostro parlare: “sì, sì”, “no, no”; il di più viene dal Maligno”. Così ad esempio avviene scorrendo “Forecasting the world in 2021” del 30 dicembre, una raccolta di pareri delle firme più prestigiose del quotidiano londinese su quel che avverrà nel 2021.

Esemplare è l’inizio di questo “forecasting”. Quante non ne abbiamo prese sul 2020! Il disfacimento della grande coalizione tedesca, il ritorno di Matteo Salvini al governo, l’irriformabilità del partito laburista. Naturalmente si fa presente che la radice delle tante previsioni non azzeccate è il Covid-19 un fattore fondamentale nel definire le sorti del mondo di cui nel 2019 non si aveva alcuna contezza. Questa onestà sui propri errori rende ancora più interessante i pareri per il prossimo anno e coraggiosa la scelta di tener ferma la scelta del “sì, sì, no, no tutto il resto è del maligno”. Vi sono almeno diverse previsioni politiche “color salmone” che è interessante esaminare, e magari lo faremo nei prossimi giorni.

La prima su cui mi pare giusto soffermarsi è quella su Joe Biden: sarà una lime duck, un’anatra zoppa sin dall’inizio? Si chiede il principe degli analisti Ft sugli Stati Uniti, Ed Luce. No, risponde Luce: “Mr Biden will find it hard to get big reforms past a Republican-controlled Senate. But he will have plenty of leeway to act in foreign policy and via executive action”, probabilmente avrà molte difficoltà a far passare grandi riforme se il Senato sarà controllato dai repubblicani, ma avrà tanto spazio per agire in politica estera e nei campi dove contano le decisioni dell’esecutivo. Ecco un caso dove mentre si è entusiasti del “metodo”, cioè della scelta di non usare formulazioni pasticciate del tipo di quelle prevalenti in tanta parte della stampa italiana, sorgono diversi dubbi sulla sostanza.

Nelle ultime settimane sono successe le seguenti cose: un patto commerciale tra Cina. Australia, Giappone, Corea del Sud, Vietnam. L’uccisione del principale scienziato iraniano impegnato a costruire quella bomba nucleare con la quale Teheran minaccia di distruggere Israele. La Germania sta guidando l’Unione europea a firmare un accordo commerciale con la Cina che Biden aveva chiesto di non siglare prima che lui entrasse alla Casa Bianca. Infine la fedelissima Gran Bretagna ha appena approvato un accordo commerciale con una Turchia sottoposta a sanzioni da Washington per aver acquistato sofisticati sistemi missilistici da Mosca.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
20 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Giuseppe Lanzafame
Giuseppe Lanzafame
20 Febbraio 2021 3:37

ormai, dopo tutto il tempo che e’ passato, il mondo ha avuto conferma che ha a che fare con un cretino. Altro che paura, ci si sta piegando in due dalle risate!

roberto zanella
roberto zanella
4 Gennaio 2021 19:58

Volevo segnalare la cosidetta telefonata di Trump a Raffensperger Segretario di Stato Repubblicano della Georgia che è stata fatta girare dal Washington Post oggi. Si tratta di una sola parte che stravolge il senso della lunga telefonata di Trump a Raffensperger. Infatti dopo qualche ora il Washington Post o comPost come lo chiamano, ha dovuto pubblicarla interamente visto che la Casa Bianca ha detto che lo avrebbe fatto. Io l’ho ascoltata sul sito www.mazzoninews.com tradotta dal Giornalista Roberto Mazzoni dal suo Canale su rumble.com, che vi inviteri ad andare a vedere. La base da dove trasmette i suoi video veramente interessanti sugli USA, è in Florida. In sostanza la telefonata di Trump è un avvisare Raffensperger che poi dopo per ripensarci è troppo tardi. Distruzione di schede e materiali elettorali è penale. Per cui il voluto equivoco che ha montato il WP affinchè i Democratici lo usassero come scialuppa di salvataggio è legato all’ultima parte della telefonata dove Trump lo accusa di aver fatto sparire 200mila voti quasi tutti suoi. E lo invita ad andare a ricontare le schede che sicuramente troverà 11,700 voti che servono a lui per vincere la Georgia. Quindi nessuno scandalo anzi semplicemente diventa un boomerang sia per Raffesperger sia per il WP. Trump invita Raffensperger a pensarci bene perchè la Casa Bianca ha in mano… Leggi il resto »

Ugo Fanni
Ugo Fanni
4 Gennaio 2021 13:02

Bush junior l’ho sempre visto come la pecora nera dei Repubblicani, ma questa potrebbe essere una spiegazione.

Ave
Ave
4 Gennaio 2021 9:19

Non c’è stata una vera è propria sperimentazione sul vaccino, sarà fatta sul campo, potrebbe contenere acqua distillata, potrebbe uccidere più del virus stesso… non importa, cosa vuoi che sia?
La pandemia è stata studiata a tavolino, era l’unico modo per inibire le popolazioni, il fine? il Nuovo Ordine Mondiale, che qualche tempo fa poteva apparire come un utopia complottistica, ma adesso è stata rivelata in tutta la sua mostruosità comunista.
Vi sarà l’appiattimento sociale, verranno confiscati tutti i beni personali, immobiliari e mobiliari, non esisterà più la proprietà privata, la seconda casa sarà confiscata per darla agli immigrati che arriveranno a migliaia nei prossimi mesi, darete la colpa a una pandemia pianificata
Non pensate di poter rivolgervi ai giudici, non esisterà più la costituzione italiana.
Solo un un’ UOMO può bloccare tutto questo… DONALD TRUMP ♥️
Adesso… CANTATE BELLA CIAO.

Nella
Nella
3 Gennaio 2021 23:24

Kim sei un cretino!!!!Eliminato il “maiale biondo” come tu lo chiami, ora l’America è libera di allearsi con la Cina ed iniziare una nuova guerra (contro l’Iran) con la scusa di cercare le armi chimiche….Non dimentichiamoci che Trump è riuscito ad accordarsi col ciccione Nord Coreano…Biden (Obama) cercherà solo la guerra….Se poi pensiamo che la Cina pare diventata superiore agli States in quanto prima potenza mondiale…che stiamo a parla’ a ffa’??

Werner
Werner
3 Gennaio 2021 20:43

Un’amministrazione democratica negli USA è sempre una disgrazia per il mondo. E’ quella che organizza le guerre “umanitarie” di “esportazione della democrazia” che seminano morte e instabilità politica, come avvenuto in Vietnam, Iraq, Libia e che si è tentato di fare di recente in Siria. In realtà guerre per rovesciare i regimi non allineati, come quello di Milosević in Serbia nel 1999, di cui Clinton e la Albright si inventarono delle violenze gratuite ai danni dei kosovari di etnia albanese, a cui tutti abboccammo, per giustificare quello che di fatto fu un’aggressione militare ad un paese sovrano, considerato un crimine dallo Statuto di Roma della Corte penale internazionale. Per fortuna degli Yankees all’epoca in Russia c’era Eltsin l’alcoolizzato, con cui quel grande paese non contava una cippa. Se c’era Putin già all’epoca, non ci sarebbe stata alcuna guerra e Milosević sarebbe rimasto al suo posto.

Le uniche amministrazioni repubblicane che hanno creato il caos sono state solo quelle di Bush senior e Bush junior, in periodi diversi. Ma quelli sono neocons, ovvero democratici infiltrati nel Partito Repubblicano.

Sergio Endrigo
Sergio Endrigo
3 Gennaio 2021 20:01

Bidet non diventerà mai il presidente degli USA, The Donald ha troppe frecce al suo arco e diventano più numerose di giorno in giorno. I DEM HANNO RUBATO le elezioni con truffe e imbrogli di inaudita portata, ci sono prove, testimoni, dati, filmati e una popolazione che si rende conto ogni giorno di più di cosa i DEM, con la complicità di una discreta parte di repubblicani (i RINO in sostanza) ha combinato per falsare le elezioni. Se per assurdo bidet dovesse essere comunque “confermato” una cosa che apprezzo degli USA è che il popolo può accedere alle armi senza problemi, e voglio vedere 75.000.000 di elettori convinti di essere stati presi per il kulo se lasceranno correre. Intanto Il Presidente Trump ha convocato a Washington per il 06/01/2021 almeno 1.500.000 di sostenitori per far vedere al mondo che gli Americani non si fanno prendere per i fondelli.
Per chi vuole notizie “in diretta dagli USA” che non siano manipolate dal mainstream:
https://rumble.com/vcdyg7-2-1-2021-elezioni-usa-arriva-la-carica-dei-150-mn-67.html
P.S. il Giornalista Professionista Roberto Mazzoni è dovuto passare sulla piattaforma Rumble dato che youtube aveva iniziato a censurare i sui video perchè racconta la verità su quanto accade negli USA abitando in Florida.

Giorgio
Giorgio
3 Gennaio 2021 19:47

Il mondo ha tirato un sospiro di sollievo quando Biden ha vinto le elezioni.
Altro che paura.