in

Perché la mafia nigeriana prospera in Italia

Dimensioni testo

Le due maxi operazioni di queste settimane della Polizia di Stato tra Marche, Abruzzo e Sicilia sono l’ennesima prova che questo Paese ha un problema serissimo con la mafia nigeriana. I 47 fermati per associazione mafiosa, riciclaggio, tratta di esseri umani, droga, reati violenti o punitivi, sfruttamento alla prostituzione ed illecita intermediazione finanziaria, hanno scoperchiato l’ennesimo vaso di Pandora sulla criminalità organizzata nigeriana in Italia. Le confraternite Eiye e Mephite radicate in Nigeria, ma diffuse in molti Stati europei ed extraeuropei, non hanno niente da invidiare per struttura e forza intimidatoria alle mafie tradizionali. Anzi. L’Italia è il principale porto per la mafia africana. Addirittura un rapporto Iom-Onu del 2017 indicava un incremento del 600% del numero di potenziali vittime di traffico sessuale arrivate in Italia via mare e la maggior parte provenienti dalla Nigeria.

La mafia nigeriana è strettamente legata all’immigrazione clandestina e le accuse legate alla contraffazione e alterazioni di documenti per la permanenza clandestina sul territorio italiano lasciano ancora una volta poco spazio alle teorie di chi prova a sostenere il contrario.
Le due operazioni hanno reso possibile ricostruire l’anima profonda di queste cellule criminali. I nigeriani venivano identificati come membri della cellula “Family Light House of Sicily”, a sua volta collegata alla confraternita criminale “Mephite”, attiva nel catanese, ma anche a Palermo, Messina e Caltanissetta, da dove operava Ede Osagiede. A Catania invece il boss era Godwin Evbobuin. I soggetti arrestati tra Ancona, Ascoli Piceno e Teramo erano tutti membri di un “Nest” (nido), una delle tante cellule attive nel cosiddetto “Aviary” italiano della “Supreme Eiye Confraternity” che si contende il territorio con altre confraternite come la “Black Axe”, i “Viking” e, appunto, i “Maphite”.

Strutturate anche meglio delle organizzazioni camorristiche e mafiose nostrane, con tanto di segretezza del vincolo associativo, riti d‘affiliazione, linguaggio e simbologia rigorosi, la violenza estrema delle azioni. Come si prende parte alla confraternita nigeriana? Con il pagamento di una “tassa di iscrizione”: serve al finanziamento del gruppo di associati, a disposizione della confraternita “per la vita”. Ma soprattutto l’appartenenza alla “confraternita” è caratterizzata da un’iniziazione con vero e proprio pestaggio, un giuramento di fedeltà e la totale segretezza per l’affiliazione. Qualsiasi mancanza viene punita spesso anche con l’omicidio. Il capo, nella mafia nigeriana, è l’Ibaka, come il capo cellula fermato a Jesi nelle ultime operazioni. Un profilo assolutamente anonimo: viveva in un regolare appartamento con moglie e figlia e aveva anche il suo lavoro di copertura da operaio metalmeccanico. Agli Ibaka piace riunirsi spesso e le violente azioni punitive sono all’ordine del giorno.

Il fil rouge delle confraternite, non solo di quelle appena fermate, ma di tutte, è la magia nera. Il cosiddetto “juju” serve a far pressioni sulla reale miniera d’oro della mafia nigeriana: le giovani donne, le ragazze che spesso vediamo riempire i barconi sulle nostre coste con il sogno di una nuova vita in Europa e nel BelPaese. Ma sono semplicemente le vittime predilette di quelle criminalità nigeriana che con l’incubo della prostituzione forzata finanzia ogni attività illecita. Vittime anche dell’idea di diventare il bersaglio di devastanti vendette da parte degli spiriti con i quali, con la stregoneria, fanno stringere patti, nel momento dovessero pensare di sottrarsi o denunciare il giro della prostituzione. Capelli, sangue, unghie, servono per i riti animati da stregoni e sigillerebbero quelle giovani vite al girone della mafia nigeriana. Niente di nuovo: riti radicati in una certa Africa profonda.

Da alcuni anni la Conferenza episcopale gabonese, e non solo, prova a sensibilizzare i leader politici e la popolazione sull’argomento. Ed è anche stato proclamato il 28 dicembre, festa dei Santi innocenti martiri: una giornata nazionale di commemorazione delle vittime di sacrifici umani. Le vittime privilegiate restano comunque le donne. È di qualche anno fa soltanto la storia delle ragazze costrette a prostituirsi e ad abortire da una organizzazione criminale in Spagna passando per l’Italia dove le donne sono arrivate con i barconi. Una storia, di un po’ di tempo fa, che arriva da Madrid e che getta ancora una volta una luce oscura sulla tratta degli esseri umani nascosta dietro la favola del soccorso umanitario. La storia di Sandra e le sue sorelle, raccontata dal quotidiano El Mundo mostra – ancora una volta – la rete criminale che c’è dietro  le traversate lungo il Mediterraneo.

Quella mafia che prende le donne come pacchi, le imbarca di notte a suon di botte alla volta del paradiso perduto Europa, e se ne serve per la prostituzione. La storia di Sandra e le sue sorelle, una prostituta nigeriana, inizia in Italia e dalle maglie larghe dei controlli passa per Lecce, Milano fino alla Spagna. Anche loro vittime di riti voodo e coercizioni tribali. Una di loro, però, è talmente giovane che non passa inosservata alla polizia spagnola. Interrogate, si scopre il sistema di cui sono vittime e si viene a sapere che le ragazze hanno anche abortito nella clinica Dator: l’abortificio più grande di Spagna che avrebbe stretto un patto con la Mafia nigeriana. Procedure veloci per non fare troppa confusione e rimettere in strada, velocemente, le giovani vittime della criminalità nigeriana.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
45 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Giorgio
Giorgio
18 Ottobre 2020 23:55

La sinistra si pasce di avere la mafia nigeriana, non la considera un pericolo, vedi un imbecille come Saviano che dice che la Camorra la vince su tutti, e così da almeno 40 anni questa prospera felice e non a caso siamo il paese di maggior inquinamento africano! Quello che ormai c’è anche nei libri di storia è che la Mafia fa parte del circolo grande della Finanza mondiale e lascia ai trogloditi africani la parte hardware dei piccoli traffici, li considera parte del necessario caos che porta alla globalizzazione universale!

trackback
Perché la mafia nigeriana prospera in Italia | www.agerecontra.it
11 Agosto 2020 19:35

[…] Fonte: https://www.nicolaporro.it/perche-la-mafia-nigeriana-prospera-in-italia/ […]

sonnyblack
sonnyblack
9 Agosto 2020 9:18

non direi che se ne parla poco, ogni blitz contro la mafia nigeriana è sempre su tutti i tg contro 1 su 30 delle mafie italiane, direi che se ne parla anche troppo in proporzione

sonnyblack
sonnyblack
9 Agosto 2020 9:16

non mi sembra che se ne parla poco, ogni blitz sulla mafia nigeriana è su tutti i tg contro 1 su 50 delle mafia italiane, direi che in proporzione se ne parli anche troppo

Anna Fragella
Anna Fragella
9 Agosto 2020 9:14

Io non commento con le merde questi devono stare ha casa loro .più tosto mi vergogno .del sistema democrazia ,andeottana,ecraxsiana ,che vive ha pieno regime in italia di *****.che uno dopo l altro i governi.ci hanno affossati nella *****.noi siamo un popolo che di pirci nigeriani. Non neabbuamo bisogno grazie

Nuccio Viglietti
8 Agosto 2020 10:08

Il primo che ne ha parlato pubblicamente il prof. Meluzzi trattato come un invasato farneticante visionario da almeno tre anni denuncia la pericolosità di questo fenomeno…ma non si può dire…non si deve dire!…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

Sal
Sal
7 Agosto 2020 18:52

Avviso ai deficienti:
Guardate che se non scrivete prima il nome dell’ oggetto dei vostri insulti (come potete vedere questo post è quasi soltanto ripieno dei vostri insulti), vi mandate a fare in c u l o tra di voi:
E vi assicuro che è uno spasso!

gianfranco benetti longhini
gianfranco benetti longhini
7 Agosto 2020 17:35

Sono finalmente contento di leggere un articolo sulla Mafia Nigeriana, avendo amici Nigeriani, a cui feci la promessa di mai divulgare il loro nome, avendo paura per la loro famiglia. Mi chiedevono spesso di consigliare il nostro governo del pericolo della invasione del nostro paese da gente che in Inglese chiamano “NOT GOOD PEOPLE” dalla Nigeria. In Sud Africa ebbero lo stesso problema, e la popolazione locale reagì contro i Nigeriani.