in

“Più di mille prigionieri politici”: la denuncia contro la comunista Cuba

Ogni giorno uno sguardo alternativo al mondo sudamericano

Miguel Díaz-Canel(1)

Dimensioni testo

: - :

Petro fa il ministro degli Esteri di Maduro e guida il riciclaggio del chavismo nel mondo

Si era detto che l’elezione di Gustavo Petro a presidente della Colombia avrebbe generato terribili conseguenze non solo per quel Paese, ma per l’intera regione. La presenza dell’ex guerrigliero nella Casa de Nariño ha aperto le porte alla creazione di un potente blocco territoriale integrato con il Venezuela governato dittatorialmente da Maduro, per accogliere un numero qualsiasi di attività criminali nello spazio comune delle due nazioni. Tuttavia, le cose sono andate molto oltre: Petro, lungi dal voler stabilire un’alleanza geopolitica con Maduro e il suo regime, si è dedicato attivamente sin dal suo arrivo al Palazzo del Governo colombiano a adempiere ai doveri di ministro degli Esteri della tirannia chavista. La mossa è chiara: spianare il terreno affinché prenda forma la piena assimilazione del regime venezuelano nella regione, e probabilmente nel mondo intero. Non importa quanto sia criminale, non importa quanto sia dittatura.

Così, il leader di sinistra colombiano è stato persino riconosciuto dall’amministrazione Biden negli Stati Uniti come un possibile ponte efficace affinché la Casa Bianca possa eventualmente migliorare i suoi rapporti con Caracas, interrotti definitivamente quando Donald Trump nel 2019 ha deciso di sostenere il leader dell’opposizione Juan Guaidó e la costituzione del suo governo provvisorio, alternativo a quello chavista. Lo sviluppo degli eventi è stato così veloce che questa settimana il presidente della Francia, Emmanuel Macron -uno dei principali sostenitori internazionali che Guaidó ha avuto illo tempore, tra l’altro – ha posato sorridente e rilassato con Maduro nelle pause di un evento sponsorizzato dalle Nazioni Unite (Onu) per discutere del cambiamento climatico in Egitto. Il principale argomento di conversazione sarebbe stato quello della ripresa del tavolo di dialogo e negoziazione che l’opposizione venezuelana ha con Maduro in Messico, allo scopo di fare elezioni presidenziali nel 2024. Va da sé che il Chavismo ha tutto per “vincere”.

Il presidente colombiano si è così ritagliato un ruolo sulla falsariga di un personaggio come José Luis Rodríguez Zapatero. Sebbene Zapatero sia stato un efficace lobbista chavista, brillante quando si tratta di creare accordi internazionali per legittimare i “dialoghi” e le “elezioni” che Maduro tira fuori dal cilindro di tanto in tanto, Petro lo supera perché è un presidente in carica che è anche il capo di stato del Paese che, per vicinanza geografica e per ragioni storiche, ha legami forti con il Venezuela. Le domande sorgono qui: perché il presidente colombiano è così disposto a svolgere questo ruolo? Sebbene un ignaro analista possa alludere a ragioni meramente ideologiche, dato che Petro e Maduro provengono da quella grande famiglia criminale internazionale di sinistra che è il Foro di San Paolo Forum creato da Fidel Castro e Lula, la cosa va ben oltre il campo delle idee. In campo pratico, Maduro ha grandi possibilità di aiutare Petro nel suo processo di “pace totale”, in particolare con i terroristi dell’Esercito di Liberazione Nazionale (Eln), che hanno trasformato il territorio venezuelano nella loro seconda casa, importando in diverse aree del paese vicino attività criminali. Non si può dimenticare che in questo momento Caracas e L’Avana stanno giocando un ruolo chiave nella finzione dell’abbandono delle armi che il gruppo della guerriglia sta portando avanti.

Il presidente colombiano è interessato a rifugiarsi con la stessa falsa epopea che Juan Manuel Santos ha costruito nel 2016 durante il processo di pacificazione delle Farc e che alla fine gli è valsa anche il Premio Nobel per la pace. Sei anni dopo, i risultati di quell’operazione sono conosciuti in tutto il mondo; ciò che viene fatto con l’Eln probabilmente finirà come quella pace fallita. Deve essere chiarito che il rapporto Petro-Maduro è in gran parte orientato dagli interessi perseguiti da ciascuno dei 2 attori in questo momento: mentre per il presidente della Colombia Maduro è il grande difensore che potrebbe aiutarlo a “risolvere ” il conflitto armato (e quindi a salire all’olimpo dell’opinione pubblica internazionale), per il tiranno venezuelano l’autorevolezza di Petro (assurto a una sorta di star della stampa mondiale di sinistra) è il miglior strumento a disposizione per guidare la sua operazione di “normalizzazione “e il riciclaggio di denaro internazionale.

Il Messico usa scene di strada di Filadelfia nelle sue pubblicità contro la droga

Il governo messicano sta utilizzando video di senzatetto e consumatori di droga nel quartiere di Kensington, a Philadelphia, in una campagna pubblicitaria per cercare di allontanare i giovani dalla droga. Non è chiaro come o perché il governo messicano abbia deciso di utilizzare scene di strada degli Stati Uniti per spaventare i messicani, che hanno i loro problemi di droga. Jesús Ramírez, il portavoce del presidente Andrés Manuel López Obrador, ha presentato con orgoglio la serie di annunci martedì ma Ramírez non ha risposto alle ripetute richieste di commenti su dove il governo ha ottenuto i video di Filadelfia e perché li abbia usati. Per la cronaca il Messico è la fonte della maggior parte del fentanil venduto negli Stati Uniti a cui le immagini fanno riferimento.

Bolivia: Arce fissa il censimento per il 23 marzo 2024 e Santa Cruz continua sotto assedio

Con un messaggio presidenziale a reti unificate, ieri Luis Arce ha fissato la data del censimento per il 23 marzo 2024. Il messaggio presidenziale è arrivato poche ore dopo una giornata violenta vissuta da Santa Cruz. I conflitti di ieri hanno provocato l’arresto di circa 15 persone dopo un confronto tra Polizia e settori che difendono lo sciopero per il censimento, fissato da tempo per questo novembre. Da 21 giorni la principale città della Bolivia è in sciopero e sotto assedio da parte di paramilitari del Mas di Evo Morales e dall’esercito.

Prisoners Defenders denuncia più di 1.000 prigionieri politici a Cuba: “La popolazione fugge in massa dalla repressione”

L’Ong ha fornito un bilancio aggiornato della situazione sull’isola e si è concentrata sul rapporto tra il regime di Castro e la Russia.

Paolo Manzo, 13 novembre 2022