Presidente Conte, espella il giovane criminale californiano: Trump saprà che farne

Condividi questo articolo


Mi piacerebbe scrivere al Presidente Conte, da italiano apòta, per chiedergli di espellere subito il giovane criminale californiano. Con la modalità che crede, anche impacchettandolo su un aereo di stato per una pronta consegna nelle mani del suo Presidente. Individui così non li vogliamo, appartengono a un mondo di inquinatori, di portatori di metastasi. Donald Trump saprà cosa farne. Quando vivevo in America, se ricordo bene vigeva la regola che per chi uccideva un poliziotto la pena minima era molto alta. Il destino giudiziario di costui non deve interessarci. Noi lo espelliamo, prima del processo, senza chiedere nulla in cambio, loro facciano ciò che credono.

Il fatto è incontrovertibile: un giovane cocainomane californiano uccide con undici coltellate un carabiniere, usando un coltello da marines che, pare, si fosse portato da casa, punto. Su questo episodio media, politici, intellò, uomini della strada, ci si sono buttati a capofitto, parlando, parlando, scrivendo, scrivendo. In tre giorni, mischiando legalità, sensibilità, odio sociale, politica politicante, menzogne seriali, insulti reciproci, hanno costruito una serie di orrende fake truth, coinvolgendo la figura (nobile per definizione) del carabiniere ucciso.

Ci hanno raccontato di tutto e di più e fatto i commenti più curiosi. Il giovane californiano è di buona famiglia, non sapeva che chi stava accoltellando era un carabiniere (sic!). No, è un giovane criminale, cocainomane perso che i compagni di scuola, interpellati, definiscono un picchiatore e un delinquente (sic!). Poi viene presentato come un poveretto che ha subito un bendaggio illegale durante un interrogatorio (interviene il Procuratore Generale Salvi dice: interrogatorio regolare, scopriremo l’autore del bendaggio e della foto).

Poi la famiglia. Appartiene al mondo del milieu californiano di alto livello, finanziere il padre, immobiliarista la madre, casa nel Sunset District di San Francisco, proprietà sparse nella Marin County, e che dicono? “Perché nessuno parla con lui in inglese?” e poi si chiudono in un dignitoso silenzio (sic!). Altri fanno passare il messaggio che è inutile processarlo, perché il processo è comunque da trasferire alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo (sic!). La più sincera, in fondo in fondo, è stata la professoressa novarese di storia dell’arte che, d’impeto, ha declinato, in linguaggio corrente, ciò che pensavano lei e quelli del suo ampio milieu sociale.


Condividi questo articolo


9 Commenti

Scrivi un commento
  1. Una lama di 18 cm. di fabbricazione americana ha passato lo scanner dell’aeroporto..americano? Per entrare in Duomo a Milano devi gettare via forbici, taglierini, temperini, penne a sfera… viva l’Italia e i suoi controlli antiterrorismo!

    • @Luigi Cestaro E’ quello che mi domando anch’io: come diavolo avrà fatto a passare lo scanner??
      La cosa più curiosa è che nessuno ne parla..

    • Mr.Luigi & Peter Per quale motivo non vi chiedete come ha fatto a partire dagli USA con quel coltello ?

  2. Mi stupisco delle conclusioni dell’apota Ruggeri. Egli forse dimentica che verrebbe estradato in California (quella fighetta delle “felpine californiane” per usare una sua felice espressione) dove mi dicono che le leggi che puniscono gli assassini non sono particolarmente dure. Ne parla come se a processarlo sarebbe Trump in persona (che recentemente ha esternato favorevolmente sulla pena capitale) quando ed egli stesso che deve faqre attenzione a non venir processato dai suoi detrattori.

  3. Per precisione, l’accoltellatore non è quello fotografato con la benda ridicola, ma l’altro, quello che si chiama ELDER Finnegan!
    La finanza apolide lo libererà sicuramente, perchè ha potere assoluto mondiale.
    E purtroppo ho dei dubbi che la nostra giustizia sia in grado di difendere noi Italiani, oggi come oggi l’hanno dimostrato anche con le evidenti colpevolezze delle ong e delle carole varie che appartengono sempre a quello spietato mondo.
    Che dire, siamo noi popolo a dover prenderne coscienza, ed imparare a difenderci da questi casi oscuri.

  4. no no! caro Ruggeri, il criminale deve restare qui all’ergastolo, troppo facile venire in Italia, danneggiare gli Italiani e poi tornarsene nel suo mondo dorato e corrotto, a San Francisco a giocare al videogioco sanguinario Elder, proprio come il suo nome…
    E’ stato sacrificato un brigadiere, è stata danneggiata l’Italia, niente estradizione!
    e se ha tempo vada a guardarsi i video dell’Avv. Paolo Franceschetti che spiega l’omicidio massonico come si presenta…
    e si legga gli articoli di Giacinto Buttindaro che parla del Bohemian Grove, una cosa raccapricciante che si svolge ogni anno, da 100 anni, vicino a San Francisco…
    oppure “confessioni di un illuminato” di Leo Lyon Zagami…
    questo è un crimine che fa riflettere, perchè tutti mettono l’accento sul bendaggio e nessuno dice che quello è un rito massonico?..
    perchè si vuole danneggiare la nostra Arma dei Carabinieri e il Governo?…
    cosa vogliono farci ingoiare, dall’estero, a noi poveri Italiani?

  5. Far processare questo assassino negli USA sarebbe pura follia. Ci sono pessimi precedenti: per una giuria di cittadini USA credo che la morte di un carabiniere italiano sarebbe giudicata poco più di una infrazione stradale. Possiamo solo sperare che almeno in questo caso la giustizia italiana funzioni decentemente.

One Ping

  1. Pingback:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *