in

“Prete anti-aborto e trumpiano”. Il Vaticano lo sfiducia

Ogni giorno uno sguardo esclusivo sul mondo sudamericano

Frank Pavone trump

Dimensioni testo

Il Messico sostiene un tentativo di colpo di stato in Perù

Lo scrive Mary Anastasia O’Grady sul Wall Street Journal. “La reazione in tutta la regione è stata in qualche modo prevedibile. Cuba, Venezuela, Nicaragua e Bolivia, tutti stati di polizia a partito unico, e la Colombia, oramai persa nella malavita della droga, chiedono che Castillo venga reintegrato. Ma tra le democrazie sopravvissute, spicca il sostegno di López Obrador a Castillo. Persino il presidente argentino Alberto Fernández e il presidente cileno Gabriel Boric hanno riconosciuto la presidenza di Dina BoluarteIl ma AMLO pretende che il deposto presidente peruviano Pedro Castillo venga ripristinato alla presidenza.

Non è un caso che il López Obrador, che ha ripetutamente abusato del suo potere attraverso i decreti esecutivi, stia lavorando per assicurarsi la lealtà dei suoi militari dandogli un ruolo maggiore nell’economia messicana. Il suo sostegno al Castillo è coerente con la sua politica regionale. Nel 2019 ha dato asilo in Messico al Morales, che è il leader del sindacato boliviano dei coltivatori di coca. Ognuno di questi fatti da solo potrebbe non essere un grosso problema, ma tutti insieme lasciano presagire solo guai per il paese del tequila”.

Il Perù denuncia che il Messico ha concesso asilo alla moglie, indagata, di Pedro Castillo

Lilia Paredes, la moglie di Castillo, è indagata dalla Procura del Perù per una corruzione milionaria. “Qualche giorno fa la cancelliera peruviana, Ana Cecilia Gervasi mi ha detto che lo Stato messicano le aveva già concesso asilo politico, e quello che ho detto alla cancelliera è di procedere secondo la legge”, ha denunciato ieri la presidente Dina Boluarte al programma televisivo Panorama.

Vaticano riduce allo stato laicale prete anti-aborto

La notizia la approfondisce il Los Angeles Times. Il Vaticano ha sfiduciato un prete americano antiaborto, Frank Pavone, per quelle che ha definito “comunicazioni blasfeme sui social media” e “persistente disobbedienza” del suo vescovo, che gli ha ripetutamente detto di fermare il suo attivismo partigiano per Donald Trump. Una lettera ai vescovi degli Stati Uniti resa nota ieri dall’ambasciatore Vaticano negli Stati Uniti, l’arcivescovo Christophe Pierre, ha fatto sapere che la decisione contro Pavone, che guida il gruppo antiabortista Priests for Life, è stata presa novembre 9, e che non vi è alcuna possibilità di appello.

Pavone è stato in conflitto con il vescovo di Amarillo, Texas, per più di un decennio per le sue attività antiabortiste e politiche, che sono venute alla ribalta nel 2016, quando ha messo un feto abortito su un altare e ha pubblicato un video su due siti di social media. Il video è stato accompagnato da un post che diceva che Hillary Clinton e la piattaforma democratica avrebbero permesso all’aborto di continuare, mentre Trump e altri repubblicani volevano proteggere i non nati. Pavone nel 2020 ha contestato l’esito delle elezioni presidenziali vinte da Joe Biden. In vista delle elezioni, la diocesi di Amarillo aveva denunciato l’uso dei social media da parte di Pavone per fini politici, ha preso le distanze dalla diocesi e ha affermato che le sue posizioni non erano coerenti con l’insegnamento cattolico. In un tweet ieri Pavone ha scritto: “Quindi in ogni professione, incluso il sacerdozio, se difendi i non ancora nati, sarai trattato come loro! L’unica differenza è che noi quando siamo “abortiti”, continuiamo a parlare, forte e chiaro.”

In seguito è apparso in un video indossando una giacca da motociclista in pelle nera sopra il colletto sacerdotale, su un finto sfondo della Basilica di San Pietro, giurando che la “guerra” antiabortista sarebbe continuata e denunciando la “cultura dell’annullamento” della chiesa che, a suo dire, lo perseguita. In una dichiarazione sul suo sito web Priest For Life, ha affermato che la sua laicizzazione è stata “il risultato di un processo abusivo” e che stava considerando un’azione legale contro i vescovi statunitensi. Essere ridotti allo stato laicale è una delle sanzioni più dure nel diritto canonico della chiesa. I sostenitori di Pavone hanno denunciato lo spretato, tra questi Joseph Strickland, vescovo di Tyler, in Texas, che ha descritto il sostegno del presidente Biden per il diritto all’aborto come “malvagio.”

“La blasfemia è che questo santo sacerdote viene cancellato mentre un presidente malvagio promuove la negazione della verità e l’omicidio del nascituro ogni momento, i funzionari vaticani promuovono l’immoralità e la negazione del deposito della fede e i sacerdoti promuovono la confusione di genere devastando vite”, ha twittato Strickland. Nella sua lettera, l’arcivescovo Pierre ha citato informazioni della Congregazione per il Clero secondo cui Pavone era stato ridotto allo stato laicale dopo essere stato giudicato colpevole in un procedimento canonico “di comunicazioni blasfeme sui social media e di persistente disobbedienza alle legittime istruzioni del suo vescovo diocesano.” La lettera è stata riportata dalla Catholic News Agency. Nel comunicato si legge che a Pavone è stata data “ampia opportunità di difendersi” e di sottomettersi al suo vescovo. “È stato stabilito che padre Pavone non aveva una giustificazione ragionevole per le sue azioni”, ha detto.

Una contea della California vuole la secessione per formare un nuovo stato

Ne scrive oggi il Daily Telegraph. I residenti di San Bernardino, la più grande contea degli Stati Uniti, vogliono l’indipendenza dalla California e diventare uno stato separato. Gli elettori della contea, dove vivono 2,2 milioni di persone, hanno votato e il sì ha vinto con il 50,6%. L’indipendenza è improbabile e le minacce di secessione non sono nuove in California. Ci sono stati 220 tentativi falliti di secessione nei 172 anni di storia dello stato.

Tuttavia, la chiamata riflette il crescente disincanto con Gavin Newsom, governatore democratico indicato come candidato presidenziale 2024 se Biden non si candida. Kristin Washington, presidente dei democratici di San Bernardino, è stata sprezzante sul referendum. “Metterlo su una scheda elettorale è stata una perdita di tempo per gli elettori”, ha detto alla CBS. “L’opzione di separarsi dallo stato non è qualcosa di realistico.” Jack Pitney, politologo del Claremont Mckenna College, ha dichiarato al Los Angeles Times: “Il voto sulla secessione è stato come distruggere la Cina. È un modo per attirare l’attenzione, ma alla fine non ottiene molto”.

Paolo Manzo, 20 dicembre 2022


Tutto sull’America Latina e il suo impatto su economia e politica del vecchio continente. Iscriviti gratis alla newsletter di Paolo Manzo http://paolomanzo.substack.com. Dopo una settimana se vuoi con un abbonamento di 30 euro l’anno avrai diritto oltre che alla newsletter a webinar e dossier di inchiesta esclusivi.