Commenti all'articolo Quegli intellettuali dalla parte dei terroristi

Torna all'articolo
Avatar
guest
42 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Femine
Femine
29 Marzo 2019 11:19

Precisazione: il mio commento appare oscuro se non si chiarisce che è in risposta all’intervento di FLAVIO ( 2 giorni fa da oggi 29 marzo).

Femine
Femine
29 Marzo 2019 11:14

Peccato che l’attesa sovente é lunga, anzi infinita; si fa in tempo a morire e addio riparazione. Oh, no?
Buona giornata a tutti

CICCO
CICCO
28 Marzo 2019 15:43

Nel rispetto dell’ideologia marxista leninista i gruppi rivoluzionari sessantottini compivano azioni politiche per il potere al proletariato.Rapine,evropěi e uccisioni erano e lo sono ancora oggi azioni politiche per il potere al proletariato.Il nemico e’ il governo italiano che reprime le istanze rivoluzionarie;non si ritengono volgari delinquenti ma patrioti rivoluzionari.La Sinistra parlamentare gli ha sempre definiti:COMPAGNI CHE SBAGLIANO.Ora Battisti dovra’ rispondere dei reati commessi. La Legge Togliatti e’ lontana.Per comprendere la questione palestinese in parole povere e’ come se agli Ebrei fosse stato concesso dai Britannici l’uso di un alloggio composto da cinque stanze con l’impegno ad occuparne solo tre perche’ ad una data non precisata dovranno le due restanti essere occupate dai Palestinesi.Ebbene gli Ebrei hanno scelto tre stanze e ne hanno lasciate due libere.Col tempo gli Ebrei hanno occupato anche parte delle due stanze a disposizione dei Palestinesi.Quando i Palestinesi hanno avuto il permesso di occupare le loro due stanze hanno trovato cose degli Ebrei.Hanno chiesto che venissero liberate poi hanno chiesto il perche’ di quelle due stanze ossia sono d’accordo sul numero delle stanze ma non sulla loro collocazione.Ne vogliono due ma in posizioni diverse.Potete immaginare il caos che ne deriva.Quale soluzione?Una guerra??

CICCO
CICCO
28 Marzo 2019 14:38

Nel rispetto dell’ideologia marxista leninista i gruppi rivoluzionari sessantottini compivano azioni politiche per il potere al proletariato.Rapine,espropri e uccisioni erano e per loro ancora lo sono azioni politiche per lo scopo ossia per il potere al proletariato.Il nemico e’ il governo italiano che reprime le istanze rivoluzionarie;non si ritengono volgari delinquenti ma patrioti rivoluzionari.La sinistra parlamentare gli ha sempre definiti dei compagni che sbagliano.Ora Battisti dovra’ rispondere dei reati commessi a meno che la Politica non gli riconosca delle attenuanti.Legge Togliatti??