Commenti all'articolo Quei 5 editti di Draghi

Torna all'articolo
Avatar
guest
9 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
CLAUDIO
CLAUDIO
11 Agosto 2021 11:26

Draghi porterà buona parte degli Italiani alla forca, il suo essere un vecchio bimbo viziato nato e cresciuto con il sedere nel burro lontano anni luce dalla vita reale….Ha già messo in marcia lo Sceriffo di Nottingham ” Agenzia delle Entrate ” Per Condurre insieme al suicidio di massa per migliaia di piccoli onesti imprenditori già in difficoltà quando le cose avrebbero dovuto andare bene…..
CHE SCHIFO DI PERSONA, se penso che a breve al governo avremo gente come Letta e Prodi……scappare dall’Italia senza neanche fare il fagotto…. Non c’è soluzione

Stefano
Stefano
10 Agosto 2021 23:40

Paese dal quale scappare di corsa.
Via a gambe levate. A tutti i livelli

geogio
10 Agosto 2021 23:08

Io sono gia’ emigrato su Marte. Voi Italiani siete tutti pero’ una banda di Babbioni. Mi spiego meglio, tutti a lodare Draghi per il QE e le famose parole “whatever it takes”. A nessuno e’ venuto in mente che trasferire il debito che era posseduto dagli italiani all’estero non e’ una buona cosa? Gli interessi alti erano liquidita’ che rimaneva in Italia a finanziare imprese e a creare tutto quello che una liquidita’ circolante puo’ creare. Adesso invece la trappola e’ quasi pronta e vedremo a breve cosa vuol dire essere sotto attacco. Vedremo Draghi nella veste di Tzipras liquidare il paese come hanno fatto con la Grecia.

Flavio Pantarotto
Flavio Pantarotto
10 Agosto 2021 17:15

Concordo con max, l’attuale Parlamento è assolutamente non qualificato né legittimato ad impostare alcunché per il futuro senza peggiorare il pessimo. Ma…il prossimo? Nei dieci anni in questione abbiamo visto maggioranze di tutti i colori ed abbiamo capito che non si otterrà nulla finché a comandare il Paese saranno sindacati, associazioni a delinquere come da punto 1., apparati burocratici come da punto 5., che passano laute provvigioni alle segreterie dei partiti. E la chiamano democrazia.
Oggi ho intravisto un articolo che titolava “Rischio azzeramento subordinati”, subito scomparso: quella sarebbe una bella botta, per chi sta in alto!