Quelli che odiano la destra. Il caso Perina

Condividi questo articolo


Nei Souvenirs d’enfance et de jeunesse, il grande Ernest Renan, ateo e positivista, rievoca con rispetto quel clero da cui era uscito nel 1845, lasciando il prestigioso Collegio di Saint Sulpice. La scienza, di cui era cultore appassionato, era entrata in conflitto con la fede e lo aveva indotto a una rottura per lui penosa. Mi viene in mente Renan ogni volta che leggo gli articoli su La Stampa di Flavia Perina.

L’ironia, il disprezzo, talora l’astio, che rovescia sulla destra italiana e le sue varie componenti -nazionalista, populista, sovranista – non sarebbero diversi se scrivesse per Il Foglio, per Il Fatto quotidiano, per Domani. L’aver diretto per undici anni Il Secolo d’Italia non significa certo che le sia vietata una diversa scelta di campo e, tuttavia, est modus in rebus. Vuol farsi perdonare le idee di ieri con il radicalismo di oggi, come tanti intellettuali fascisti che dopo il 1945 prendevano la tessera del Pci?  Non ho nulla a che fare col mondo ideale da cui proviene Flavia Perina ma vi ho conosciuto persone perbene, studiosi tutt’altro che mediocri sotto il profilo intellettuale – da Giano Accame a Marcello Veneziani a Gennaro Malgieri, per limitarmi a questi.

E anche ora, pur estraneo al sovranismo nazional-populista, non esito a riconoscere che i suoi teorici non sono malati mentali o criminali e che spesso rappresentano (proprio come il fascismo storico) una risposta inadeguata a problemi reali, che non si sono inventati loro – proprio come ha rilevato, parlando di Donald Trump, un giornalista di sinistra suo antipatizzante, Federico Rampini di Repubblica.

Flavia Perina, che è una brava giornalista, dovrebbe rinunciare a fare la parte della neofita fanatica e descrivere “senza incensi e senza veleni” – per citare un’espressione di un suo vecchio camerata, Mino Caudana – un ambiente e una political culture che senz’altro conosce meglio di altri.

Dino Cofrancesco, 23 novembre 2020

Professore Emerito di Storia delle dottrine politiche, Università di Genova

dino@dinocofrancesco.it

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


15 Commenti

Scrivi un commento
  1. Buongiorno.
    Ho conosciuto Flavia Perina, durante gli anni della mia militanza nel FdG. Io a Milano, lei a Roma. Abbiamo la stessa età, nati tutti e due nel 1958. Credo che lei abbia qualche mese più di me. Nel lontano 1978, la conobbi a Roma, durante un comizio di Almirante e già da quel momento, capii che la politica, avrebbe segnato la sua vita. Credo che una buona spinta, gli e la diede il padre, consigliere del MSI e molto vicino ai vertici della destra romana. Qualche anno dopo, la rividi a Milano e notai in lei, un palese cambiamento dato dalla sua smania di successo politico. Un successo che la raggiunse qualche anno dopo. Ma non voglio soffermarmi più di tanto sul passato. Una cosa la voglio dire alla Sig. Flavia. Sputare nel piatto dove si è mangiato per anni, non le rende certamente Onore. Lei ha cambiato bandiera parecchie volte. Dal MSI al FdG, da AN a FI. Da Quest’ultima è stata cacciata in malo modo. Credo che Berlusconi avesse capito che, la fiducia riposta nei suoi confronti, non avrebbe avuto una chiara sintonia di collaborazione. Purtroppo oggi, la realtà politica è totalmente cambiata. Se non sei di sinistra, non conti nulla e tanto meno, non potrai mai accedere a mansioni di comando. E sopratutto, se sei un personaggio pubblico. Il mio ricordo torna a gli anni del PSI, dove se non avevi la tessera del partito, intorno a te esisteva solo terra bruciata. Ma non vorrei essere frainteso. Nonostante sia da sempre Fascista (e non abbia mai votato per il PSI) la mia stima verso un personaggio come Bettino Craxi, rimane e rimarrà per sempre tale. Ma questa è un altra storia. Tornando alla Sig. Perina e su quello che ha scritto sulla Stampa, non dobbiamo scandalizzarci più di tanto. Molti giornalisti, sono pagati dal sistema e prima di essere pubblicato ogni loro articolo. lo stesso deve passare nelle mani di chi, a sua volta ha contatti con il partito. Non tutti i giornalisti, hanno l’Onore di chiamarsi Vittorio Feltri. Se la Sig. Perina, ha scritto un articolo contro la destra e ha rinnegato il suo passato, evidentemente avrà avuto i suoi buoni motivi. Gli Euro. E’ l’eterno gioco della politica e della voglia di potere. Mi spiace molto per lei e per un semplice motivo. La sua militanza nel FdG avrebbe dovuto insegnarle una cosa molto importante. S.E. Benito Mussolini, lo disse in parecchie occasioni. Una delle quali, gli costò praticamente la vita. “Il tradito potrà anche essere un ingenuo, ma il traditore rimarrà sempre un infame”
    Buona serata
    Cordialmente

    • Aggiorna il curriculum di Flavia…gli faceva schifo entrare in FI, infatti mai ci entrò e mai dunque fu cacciata…seguì semmai Fini nel pdl(maledetti ad aver contribuito a fondarlo…)e magari con ‘promesse di cui ‘dignitosamente’ Gianfry non ‘canta’,che poi se vogliamo è così facile ‘immaginare’ che solo improsciuttati non riescono a pensarci,tipo “caro gianfranco,mi consenta…se arrivo a fottere un po di parlamentari e mi faccio eleggere PDR a chi vuoi che possa consegnare sto partito?A bondi,cicchitto,verdini, alfano,schiiiifani,potrei a Nicole,ma è ‘portata’ x altro,….sciascia o il pelato?Da cooofondatore non puoi non essere che tu,salvo, cacciarti,che se andiamo a votazione nei congressi(primarie), con tutte le federazioni in mano a voi fasci,chi voterebbe uno di quelle m p?Vuoi che non comprenda che sono ‘sopportato’ per quello che ‘spendo’ ben comprensibile dalla marea di applausi che accompagnano la fine di ogni tuo ‘intervento’ piazzaiolo a fine campagna elettorale ed lo striminzito batter di mani che solo la ‘cartolina’ precetto inviata ad amici ed amici degli amici viene riservata a me?O quando mi presento fra i giovani,magari ad Atreiu,100 persone,prenotate x favore, vengono a sentire le mie solite barzellette e ‘sostenuto’ mentre scendo dal palchetto approntato x me,già “Cresci bene giovinezza,Primavera di Bellezza,gambe in spalla e pedalare perchè c’è da conquistare” è accompagnata da 2000 gioiosi ‘camerati’ “…ecco spiegato: dove ca…volo volevamo allora arrivare se la ‘mandria’ era….

      • Buonasera
        @ Pietro46
        Chiedo scusa per l’errore commesso, sulla permanenza in FI da parte della Sig. Perina. Ogni tanto l’età gioca brutti scherzi e i ricordi, spesso si offuscano. Ho chiamato un mio caro amico romano, che gentilmente mi ha raccontato la carriera politica della stessa Sig. Flavia e con mio grande stupore, ho scoperto che nel 2009, in collaborazione con l’allora segretario del Pd Walter Veltroni, fu una delle prime onorevoli a firmare la proposta di legge bipartisan, per dare la possibilità di voto, ai cittadini extracomunitari residenti da almeno cinque anni in Italia. Per un personaggio politico che per anni ha sostenuto l’estrema destra, per poi passare al centro-destra, mi sembra un comportamento del tutto inopportuno. Non so dalle sue parti. dalle mie questi atteggiamenti, hanno un aggettivo ben preciso. Voltagabbana !
        Buona giornata
        Cordialmente

        • Egregio…non devi scusarti con me,semmai dovresti con tutti coloro che ti sono stati ‘camerati’ dal primo giorno che hai deciso di ‘camminare’ insieme nella loro comunità…e che purtroppo non hai voluto difendere UNA DI QUELLI…e soprattutto con un passato come il suo . A te risulta na ‘delinquente’?N’indagata,na ‘domiciliata’?N’arrivista?E sceglie di ‘tornare nella strada’ quando i gasparri e le bernini stanno a ‘confortarsi’ da quello che fino a poco tempo fa stava a comportarsi da ‘chiassoso napoletano’,e neanche li c?
          1)già prima del 2009 e della Perina,tralasciando ‘il tempo che fu’ e che fu LUI a ricevere in dono la ‘spada dell’Islam’,fu FINI ad andare ‘OLTRE’ il leghismo, introducendo come ‘discussione’ ciò che veniva imposto ai leghisti dal loro nord operoso di riferimento,che ‘a lavurà’ nelle concerie e nella raccolta delle mele ed in certe altre ‘pesanti’ occupazioni,una volta che la ‘Bosina’ aveva iniziato a sfornare ‘letterati’,nessuno voleva ‘occuparsi’,ma non si poteva ‘spiattellare’ che altrimenti…i clandestini che stanno a spacciare e ‘mafioseggiare’ nelle pze italiane non devono votare nè ‘parcheggiare’,non coloro che tengono aperti i loro bazar x farti comprare a verdura fresca.E inevitabilmente se vivi 30,20,10,5(se ne può discutere?)anni in Italia,e paghi le tasse ed hai mandato i tuoi figli a scuola in Italia… vuoi ‘imbarconarli’ per il ritorno da dove son partiti?E prima ancora di Fini…quando ‘rasoterra’ aveva altri ‘incontri’,fu Giano Accame,e… poi Buttafuoco e poi… a parlarne.Lo fece insieme a Veltroni?Lei lo chiese alla Santa,ma a quel tempo era nelle ‘grazie’ di Sallusti e non accettò.
          Ma che voltagabbana d’egitto se il cdx,berlusconiano’ ,votò più sanatorie,pro extra.com,lui che tutto il vaticano?E comunque ‘militanza’ 40ennale, ‘comunità’ ,presuppongono “difesa della persona anche se ‘incontra’ altre vedute”. NB:Non è che stai a pensare che con Fini la Flavia ha ‘scassato’ il cdx,vero?Che sei proprio ‘irrecuperabile’,altrimenti.NB:X me alla prossima.E’ stato comunque un piacere.

          • Buonasera.
            Egregio,
            la discussione che stiamo affrontando è palesemente basata, su quello che ha scritto la Sig.Perina. Dei vari Fini, Berlusconi, Gasparri, etc,etc, non mi interessa nulla. Non ho mai additato la stessa come una delinquente o un indagata. Questo lo ha detto lei. Il mio rimprovero verso la stessa è nato dal fatto che dopo tanti anni passati con l’estrema destra, scrivere certi articoli, non sia una cosa giusta. Personalmente, può anche schierarsi con l’estrema sinistra, ma una persona che cambia bandiera in questo modo, non potrà mai avere la mia ammirazione. E’ stato comunque un piacere anche per me.
            Buona serata
            Cordialmente

          • Avevo detto la ‘prossima’ ma…non avrei dovuto darti ‘importanza’ che tanto,anche se ‘a tua insaputa’ certo Lei è stata,è,e rimane ‘missina nel cuore’,e non come te o come i tanti.12° rigo della tua ‘venuta’:”Lei ha cambiato bandiera parecchie volte.Dal MSI al partito com…al FDG.[“Ha cambiato bandiera passando…x passare dal MSI a FDG si cambia bandiera?Innanzi tutto si passava dal FDG,che non accettava ‘tardoni’,salvo una volta che lo ‘dettò’ la dir naz(il segretario del partito) nominando proprio un ‘tardone’ , che altrimenti i giovani andavano ‘oltre’ ed uscivano dal ‘giro’]…,mi ero preoccupato che fosse passata al PCI allora o al PD.E dal MSI ad AN perchè sono anche le ‘circostanze’ a dettare ‘trasformazioni’.Ho compreso il tipo di missino che sei stato(e financo quale fascismo ti piaceva,ma…c’era stato chi invece sognava il ‘fascismo impossibile’ e se uscì dal MSI,allora Almirantiano, rinunciò,unico in Italia al seggio da deputato ,faceva Beppe Niccolai di nome e cognome, e portò in giro il ‘futuro’,non prima di aver preso per il **** tutto il vecchiume che pensava come te dentro il partito, presentando ,e facendoselo approvare,un ordine del giorno nella/dalla direz.naz. ricopiato da un ordine del giorno del pci.Certo,scoperto tramite art.di altro giornalista ed…odiato x la presa x il ****.Dio.Patria e Famiglia sto cxxxx e penadimorte sto cxxxx.E la Perina è sua… ‘continuatrice’,come del resto aveva iniziato Fini e tanti ‘sognatori’ che non accettavano la ‘deriva’ in correnti ‘lottizzatrici di posti’ per dirla alla Staiti o servi di altre parrocchie. Possono piacere o meno le sue esternazioni ma non è stata,nè è la sola a pensarla fuori dai ‘diktat’ di quel che era diventato il pdl ‘manovrato’ dal ‘Rasoterra’… e dai leghisti diventati suoi dipendenti causa ‘atto notarile’ sottoscritto.”NB:Tutto si potrebbe pensare ‘leggendoti’ ma che tu fossi stato un aderente di un partito o un’organizzazione di ‘Estrema Destra’,(tu stai sputando nel partito dove avevi aderito) , per quanto collocabili a dx fossero MSI e FDG, proprio…sei confuso,vahh!Sai quando è veramente ‘nato’ l’MSI?Se ci sarà occasione…comunque…è stato un piacere.

  2. 11.23 – porro – 17.20
    Ci potrebbe essere una spiegazione, come quella per esempio che si può perdonare un torto subito dal coniuge ma non se a farlo è l’amante. La destra ormai, da Fiuggi in poi, ha trradito il suo popolo, quello che vedeva nel “non rinnegare non restaurare” il corso democratico di chi voleva privilegiare quisquilie come Famiglia, Patria, Diritto, Legalità, Giustizia. Se a motivare la signora è la perdita di questi caposaldi allora la si può capire nella disaffezione, altrimenti …..

  3. “Sovranismo” sarebbe l’idea che il nostro voto determina la politica del nostro paese? Embé? Dobbiamo invece dipendere da gruppi al di fuori del nostro controllo (per quel poco che già abbiamo)?
    Se è così, mi pare si voglia eliminare la democrazia con l’uso di etichette, tattica per altro molto diffusa e popolare – come quando ti danno del “qualcosofobo” se non sposi le loro idee. Infatti, a sinistra ti vedono come “uno che odia” se non la pensi come loro, evidentemente perché loro odiano chi non si allinea.

  4. Le api sono operose ma anch’esse tengono famiglia. L’ ape Rina oggi dileggia la destra ma poco piú di un decennio orsono ne esaltava adulante il leader Gianfranco Fini con un ardore tale che le altre api l’avevano soprannominata l’ape Corina.

  5. Non so se il mio precedente commento é stato pubblicato, perché per problemi tecnici miei, mentre lo inserivo, il mio dispositivo mobile si é spento, per cui mi scuso per l’eventuale doppione.

    Costruire una destra conservatrice e non di matrice neofascista in Italia, dopo la fine (meritata) della DC, era necessario, ma non per questo bisognava cancellare il MSI con la famosa “svolta di Fiuggi” del 1995. Il solo fatto che il MSI non fu sfiorato dall’inchiesta Mani Pulite, ci dice che il suo scioglimento deciso da Giantulliano da Bologna fu ingiustificato e insensato. E come ingiusto fu l’affossamento di una cultura politica, di una tipologia di destra che é esistita solo in Italia, e che fu di ispirazione per Le Pen senior nella creazione del Front National, oggi Rassemblement National. Il MSI non aveva come obiettivo la rinascita del Fascismo, ma piuttosto portarne avanti gli elementi migliori.

    La destra conservatrice priva di un retaggio fascista, poteva essere rappresentata da Forza Italia, ma purtroppo quest’ultima si é dimostrata essere una DC 2.0, ovvero poltronara, ed un partito modellato esclusivamente sulla figura del suo capo e fondatore, nonché liberista.

    Una FI conservatrice ed un MSI potevano costitituire quel fronte opposto ai progressisti in grado di sconfiggerli non solo a livello elettorale, ma soprattutto culturale. E come sappiamo la cosiddetta “destra” soffre di sudditanza culturale rispetto alla sinistra.

    La Perina così come Giantulliano, non si sa se ha rinnegato il passato missino, oppure ha, sempre come il medesimo, gettato la maschera e ammettere di non essere mai stata davvero missina. C’é da dire che la maggior parte di coloro che fanno parte del PD provengono dal vecchio PCI, e non mi risulta che qualcuno di essi – malgrado la metamorfosi della sinistra italiana dal marxismo al liberalprogressismo di matrice anglosassone – abbia mai rrinnegato il proprio passato comunista. Evidentemente per alcuni, essere stato missino é vergognoso, ma comunista no.

  6. Cos’è la destra…
    cos’è la sinistra…
    …………………….
    Trent’anni di safari
    fra antilopi e giaguari
    sciacalli e lapin

    Aida
    come sei bella-

  7. Lo scioglimento del MSI del 1995 con la famosa “svolta di Fiuggi”, rappresenta uno dei fatti storici più inspiegabili e immotivati della storia della politica italiana. Fu l’unico partito a non essere sfiorato dalle inchieste di Mani Pulite, perché distruggere una tradizione e una cultura politica? Peraltro fu una destra esclusivamente italiana, e che fu di ispirazione per Le Pen che negli anni settanta fondò il Front National. Il MSI non era un partito conservatore nel senso più autentico del termine, pur esprimendo valori simili a quelli conservatori. Tanto per fare un esempio, fu l’unico partito politico a prendere un’esplicita posizione contro il Sessantotto, fatto quest’ultimo che non può non avere approvazione da parte mia.

    Costruire una destra conservatrice non legata al Fascismo era senz’altro necessario, ma non credo che per questo bisognava sciogliere il MSI. Una destra del genere poteva essere Forza Italia, ma purtroppo é stata una DC 2.0, in cui l’ideologia di riferimento é il poltronismo, con la sola differenza che FI é un partito-azienda modellato sulla figura del suo capo e fondatore. Una Forza Italia conservatrice ed un MSI ancora tale, invece diventare AN, potevano costituire assieme quel fronte antisinistra e antiprogressista, soprattutto sul piano politico-culturale.

    E invece, il Giantulliano da Bologna, influenzato da ex democristiani e liberali della Prima Repubblica, ha ucciso il MSI e creato un soggetto politico denominato AN, che si é rivelato un partito né carne né pesce. Una destra che piace alla sinistra, e pur di piacere alla sinistra, Giantulliano così come la Perina, hanno rinnegato il loro passato missino, come se fosse una cosa vergognosa. O forse missini non lo sono mai stati ed hanno gettato la maschera quando il momento glielo permetteva.

    Il PD non porta la falce e il martello, gran parte dei suoi esponenti, tra cui il suo attuale segretario, hanno avuto la tessera del PCI, e francamente non mi risulta che costoro abbiano mai rinnegato del tutto ciò che furono. Non pensavo che essere stati missini fosse più vergognoso di essere stati comunisti.

    • “Giantulliano così come la Perina hanno rinnegato il loro passato missino….”,dai ca…volo questo è proprio indigeribile.E dunque missini son rimasti tutti coloro che non volevano lasciare la ‘lottizzazione’ dei posti conquistata?Le ballerine e pollastre ‘incontrate'(forse mandate da Dapporto?)per caso nel mentre si era finalmente,da democristi a loro insaputa”,entrati in quelle stanze finora vietate alle scarpe infangate rimaste x troppo tempo davanti alle sedi,con pioggia o con vento, “x dimostrare a Noi stessi di che pasta eravamo fatti”,diceva Pisanò,quando aderì alla RSI?Certo che Gianfry sbagliò ad entrare nel pdl,ma gli altri,tutti gli altri hanno solo dimostrato, se ce ne fosse bisogno di essere solo ‘m p’…..Ma quale ‘costituzione’ con Fi?Per accompagnarsi con Bondi, Verdini,Frigerio,Cicchitto,Gelmini,Alfano e Capez( non lui no,va bene, che è la spalla di ……).Galliani, Sciascia,Cesaro…e Bossi,ca…volo. .. 20nov2019:BiDiMedia sondaggi:per chi votereste se si votassero oggi i partiti del 1983?Democrazia Proletaria 4,7%….Part.Liberale 6%…Radicali 7%…Psi 12,5%…DC17,4%…Pci 18,9%…MSI 19,6%…..Gianfry potevi andare sott’acqua anche più tardi,ma in un mare tutto tuo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *